Omelie 2019 di don Giorgio: OTTAVA DEL NATALE

1 gennaio 2019: OTTAVA DEL NATALE
Nm 6,22-27; Fil 2,5-11; Lc 2,18-21
Ad ogni anno che passa cosa cambia?
Possiamo legittimamente chiederci quale sia almeno una delle ragioni per cui l’uomo ha iniziato a celebrare con rito pagano o profano il passaggio da un anno ad un altro.
Ho detto “rito pagano o profano”, per il fatto che tutti, anche i credenti, festeggiano un momento o, meglio un istante, tra l’altro convenzionale (ed è qui la cosa allucinante), quando il tempo, di anno in anno, conclude un ciclo di mesi, settimane, giorni, ore, minuti e secondi, per poi aprire un’altra serie di mesi, settimane, giorni, ore, minuti e secondi.
Ma non è allucinante solo il fatto che si tratta di una convenzionalità (non tutti i popoli seguono il medesimo calendario e poi c’è il diverso fuso orario), ma è allucinante soprattutto il fatto che la preoccupazione della festa/baldoria consista nel celebrare come un funerale l’anno che conclude il suo ciclo, ma forse sarebbe il caso di parlare non di un funerale per decesso naturale, ma quasi per un compiacimento, come se dalla morte nascesse una vita nuova.
Almeno fosse così, ovvero che dalla morte nascesse la vita, ma non mi sembra che questo sia in realtà il messaggio di festeggiamenti che, a rifletterci bene, non hanno nulla di sano o di saggio o di intelligente, visto che con l’anno nuovo nulla cambia, anzi tutto sembra peggiorare.
Forse non abbiamo ancora capito che il tempo passa, ma che la perversione umana rimane. Se fossimo sani o saggi o intelligenti, dovremmo vivere ogni secondo come un passaggio dalla morte alla vita.
In ogni passaggio del tempo c’è morte e risurrezione o, come dice Gesù Cristo nel Vangelo, il grano deve prima morire, quasi marcire, perché dia il frutto sperato.
Il tempo è morte ed è vita, ma non si aspetta l’ultimo dell’anno, ovvero una convenzionalità rituale, per festeggiare nel modo più banale e dissacrante un momento di passaggio, che fa parte di ogni istante del tempo, che è morte e vita.
Ed è qui che ci chiediamo: che senso ha il tempo che passa? come viverlo in pienezza, cogliendone l’aspetto morte/vita?
A differenza della nostra lingua italiana, povera di significati, i cui termini sono ridotti al minimo necessario, in greco troviamo ad esempio più termini per indicare il tempo: c’è  krònos a indicare il tempo che passa in modo inesorabile, e c’è kairòs a indicare ciò che avviene nel tempo che passa.
Sinteticamente possiamo dire che krònos è un involucro esteriore, mentre kairòs è il contenuto dell’involucro.
Krònos (da qui nella nostra lingua: cronometro, cronologia, ecc.) è la successione del tempo in ore, minuti ecc., è la cosa più esteriore, quasi fatale, un trascorrere delle lancette sempre in avanti (l’ora legale è del tutto convenzionale, che non muta la successione del tempo).
Parlare di kairòs non è facile soprattutto all’uomo d’oggi, abituato a vivere freneticamente, lasciandosi trascinare dal tempo che passa.
Kairòs dà un senso al tempo che passa, lo immerge nell’eterno. Ovvero, l’eterno si fa presente nel tempo. La Bibbia parla dell’Ora di Dio, che è l’eterno che si fa presente nella nostra vita. Possiamo anche dire che kairòs è la grazia come presenza dello Spirito divino nel tempo.
Certo il tempo, come krònos, continua a passare, a far scorrere in avanti le lancette dell’orologio, ma l’orologio di Dio non ha lancette. Dio non conosce il tempo. E noi in quanto spiriti non conosciamo il tempo. È il corpo che si consuma nel tempo, ma non lo spirito, che è eterno e immortale.
Ripeto, parlare di queste cose all’uomo moderno è difficile, quasi impossibile: egli vive il tempo in banalità che passano. Vivere di eterno non è di tutti, proprio perché si vive normalmente fuori dal nostro essere interiore: siamo come cose trascinate dal tempo che passa.
“… e ti faccia grazia”
Paolo VI ha dedicato dal 1968 il primo dell’anno alla pace. Sinceramente, non so se sia stata una efficace trovata. Non discuto sulla necessità di parlare subito di pace all’inizio di ogni nuovo anno. I messaggi del papa in occasione del primo dell’anno lasciano sempre il tempo che trovano, così pure le marce per la pace che si organizzano nei giorni successivi.
Credo che abbia più ragione l’autore del primo brano della Messa che riporta la benedizione di Dio sul popolo d’Israele, da estendere naturalmente a tutto il mondo.  Riascoltiamo le parole: «Così benedirete gli Israeliti: direte loro: Ti benedica il Signore e ti custodisca. Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace».
Il dono della pace è preceduto dal dono della grazia, che è, in poche parole, quell’aiuto che viene dall’alto che smuove le coscienze.
La pace, senza il risveglio del nostro essere, non ha senso. Sarà sempre qualcosa di puramente esteriore, soggetto alla perversione umana.
Se non si convertono prima i cuori, non ci potrà mai essere pace. Pace è convivenza umana, ma prima è scoperta del nostro mondo interiore, là dove ogni essere, indipendentemente dalla razza o dalla religione o dalla cultura, è figlio di Dio e fratello di ogni altro essere umano.
La grazia Dio è fondamentale, perché senza di essa non potremo mai scoprire chi siamo e che cosa vogliamo. La brutalità umana c’è, perché l’uomo è in balìa di se stesso, dei propri istinti, dei propri egoismi.
È spaventoso pensare che l’uomo ancora oggi viva da selvaggio. Non sono bastati duemila anni di cristianesimo per convertilo alla grazia di Dio.
Se almeno i credenti avessero creduto nella grazia di Dio, ovvero nel mondo dello Spirito vivificante, forse non saremmo al punto di vivere in un paese in mano a dei barbari.
 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi