Il Movimento Cinque Stelle non esiste più

da www.rollingstone.it

Il Movimento Cinque Stelle non esiste più

Dieci anni fa Beppe Grillo teneva a battesimo la sua creatura all’insegna dell’onestà, della difesa della scuola e dell’ambiente. Ma ora che c’è il “governo del cambiamento”, le bandiere di un tempo sono state tutte ammainate
di Dario Falcini
Il prossimo 4 ottobre saranno dieci anni nella vita “ufficiale” del Movimento 5 Stelle. Era il giorno di San Francesco, patrono di tutti gli umili, e al teatro Smeraldo di Milano, oggi prestigioso market di nutrimenti per gli odiati radical chic, Beppe Grillo portava a compimento un percorso di quattro anni iniziato sul web e proseguito nelle piazze. Il battesimo della nuova creatura rispettava tutte le liturgie e i refrain che avremmo imparato con il tempo a conoscere: lo show del capo, l’adorazione del pubblico, le iperboli, il “noi” e il “voi”, l’esaltazione dell’unicità di un’esperienza che molti, là fuori, non avrebbero potuto o voluto comprendere.
La visionarietà dell’ex comico genovese e del suo ex socio Gianroberto Casaleggio è stata ampiamente premiata: il Movimento è stata una delle forze anticipatrici di uno stravolgimento della politica che ha investito tutto il mondo occidentale. Difficilmente sarà però ricordato per la sua coerenza, perché di quello che era il M5S degli esordi non è rimasto pressoché nulla, le sue stelle polari tutte spente. Le “utopie perfettamente attuabili”, come Grillo definiva il suo programma in 120 punti nel 2009, si sono rivelate in appena nove mesi di governo fumo negli occhi e nulla più. Ed è un peccato, perché alcune di quelle idee erano buone, e parecchi ci avevano creduto.
Stato e cittadini
“Se non risolviamo questo tema gli altri diventano inutili”, esordiva Grillo dieci anni fa, prima di chiedersi “chi cazzo è il Prefetto” e auspicarne la cacciata. “Riduzione a due mandati per i parlamentari per qualunque carica pubblica”, tuonava. Per ora la regola regge, visto che nelle scorse settimane Di Maio ha voluto tenere il punto dopo tante giravolte verbali sul tema. Staremo a vedere.
Ci sono poi le questioni dei doppi incarichi, degli stipendi dei parlamentari, dell’incompatibilità dello scranno con altre professioni: argomenti tutt’altro che secondari nella retorica a 5 Stelle. Eppure qualche pecca è sfuggita. Tipo il fatto che Massimo Bugani, una delle figure più importanti del movimento, oltre che consigliere a Bologna (e socio dell’associazione Rousseau) abbia ricevuto un incarico da 80mila euro all’anno da Palazzo Chigi. Poi ci sono i “trombati” delle urne, ripescati con contratti blindati nella macchina pubblica, tipo Dino Giarrusso.
E anche a proposito della restituzione di parte dello stipendio da parte degli eletti, non plus ultra della differenza ontologica dei “non onorevoli” rispetto agli altri, si è verificato qualche piccolo intoppo.
Salute
Allora furono dette due cose semplici semplici, da sottoscrivere con il sangue. “Accesso alle prestazioni essenziali del Servizio Sanitario Nazionale universale e gratuito” e “finanziare la ricerca indipendente attingendo ai fondi destinati alla ricerca militare”. Sulla sanità, per ora, non ci sono stati grandi sconvolgimenti, anche se c’è chi dipinge il nuovo regionalismo differenziato su cui c’è il via libera del ministro Grillo come “la morte del servizio sanitario nazionale”.
Il problema, augurandoci dal profondo del cuore di avere torto, è che siamo in recessione e da qualche parte bisogna tagliare, anche per scongiurare un aumento insostenibile dell’Iva nei prossimi anni. E la salute in questi casi ci finisce sempre di mezzo. Per quanto riguarda la ricerca, nella Manovra ci sono 100 milioni in meno per un’università già allo stremo. Grande risparmio, invece, sulla spesa militare: saranno acquistati 6 F35 invece che 10.
Energia
La rivoluzione dell’energia rinnovabile, uno dei motivi di esistere del movimento, ancora non è avvenuta. Tutto fatto invece per il via libera al gasdotto Tap – quello che Di Battista avrebbe dovuto chiudere in due settimane –,mentre prosegue la melina sulle trivelle.
Trasporti
“Abbiamo da riformare tutto il sistema fiscale, dobbiamo caricare di tasse chi se lo merita e scaricare di tasse chi non se lo merita”, diceva Grillo al pubblico milanese. Ma il governo per ora non è riuscito a mettere nemmeno una vera ecotassa sulle auto inquinanti.
Intanto la situazione del pendolarismo, un altro dei capisaldi della fase movimentista del movimento, è raccontata fin troppo bene nel report annuale di Legambiente, uscito pochi giorni fa: i viaggiatori aumentano e i fondi continuano a diminuire da anni, senza che il governo abbia invertito la rotta. Almeno la Tav salta, vero? Chissà.
Economia
“Riduzione del debito pubblico: cazzo, questo debito pubblico”, diceva Grillo nel 2009. Ok, in mezzo c’è stata una crisi economica mondiale, non proprio un dettaglio. Ma diciamo che invertire la tendenza sul debito non pare la priorità del “governo del cambiamento”: a novembre è aumentato di 10,2 miliardi rispetto a ottobre, raggiungendo il picco di 2.345 miliardi di euro, quasi 38mila euro di indebitamento per ogni cittadino italiano.
Giustamente nel suo discorso del 2009 Grillo inseriva in questo capitolo anche l’ambiente, perché “l’economia non può essere disgiunta dall’ecologia”. L’Ilva sta lì a dimostrarlo.
Se poi si vuole parlare delle banche e dei “vampiri” che le hanno salvate in passato, mentre condannavano alla fame il popolo italiano, anche qui sembra che il movimento, quando è forza di governo, abbia paletti morali un po’ più flessibili, vedi la vicenda Banca Carige e il decreto fotocopia.
Informazione
“La Rai dovrà essere un canale televisivo pubblico senza pubblicità, senza partiti dentro e soprattutto pagato dagli utenti, come la BBC”, era il passaggio chiave dell’intervento di Grillo in materia. Ancora una volta da sottoscrivere e tatuarselo in fronte, come i trap boy. Solo che, a pochi mesi dall’insediamento di Conte e i suoi ragazzi, viale Mazzini è stata violentemente lottizzata come poche volte nella sua storia di asservimento. E fare assurgere Marcello Foa al ruolo di dominus della tv di Stato, forse, non è la mossa che risolleverà un giornalismo in crisi di credibilità, come denunciato da sempre sul Blog. Almeno, però, i portavoce grillini sono stati coerenti e hanno continuato a rifiutare di prendere parte a talk show e altri teatrini televisivi. Ah, no?!
Istruzione
Kindle per tutti, perché “a mio figlio Ciro, nove anni, che gira come uno sherpa con un carico di 20 libri di merda che sono sempre quei cazzo di libi che c’ha dall’anno prima”. Solo una delle idee lanciate da Grillo per fare entrare finalmente la scuola pubblica nel nuovo millennio. Ma nel bilancio pubblico la voce “istruzione scolastica” si riduce di 4 miliardi nel triennio, circa il 10%. Tanto Ciro ormai è maggiorenne.
Varie ed eventuali
Ci sarebbero un paio di altri punti, che per forza di cose non furono toccati nel 2009, ma che sarebbero con il tempo e gli sviluppi della vita politica divenuti altrettanto fondativi per i ragazzi con l’apriscatole. “Alleanze? Come dire che un panda mangia carne”, aveva ribadito per la milionesima volta Beppe Grillo a due mesi dal voto di marzo. Poi ecco l’accordo con la Lega. Che però è un “contratto di governo” e non un “inciucio“, certo.
E come la mettiamo con gli indagati ed eventualmente i condannati? Da Chiara Appendino alla Raggi, fino a Nogarin, molti dei leader sul territorio del movimento sono finiti nelle maglie della giustizia. E tutti sono rimasti al loro posto (giustamente), perché gli avvisi di garanzia degli altri puzzano sempre un po di più.
L’ultima giravolta derviscia, infine, si potrebbe consumare nei prossimi giorni, visto che l’alleato – ma solo per contratto – Salvini ha messo all’angolo i parlamentari grillini in merito al processo che lo riguarda per il “sequestro” della nave Diciotti. “Il Movimento Cinque Stelle è da sempre contrario all’immunità dei parlamentari”, scriveva nel 2014 Grillo, dopo anni di battaglie contro un parlamento che, come una cosca, proteggeva i suoi membri dalla giustizia. Quindi ora si procede contro Salvini, vero?

 

4 Commenti

  1. luigi ha detto:

    Cos’hanno fatto a Roma con Marino? Con chi l’hanno sostituito? Con la Raggi (sic!) con la complicità di alcuni del PD. Per non dire di Pizzarotti. Non è vero che non impariamo dai nostri errori. E’ vero che non vogliamo imparare dai nostri errori. Ci fanno comodo gli imbonitori di tutti i tipi politici, religiosi, filosofi, scienzati … che adorano il potere, il successo, il Dio denaro … Ero tentato di dare fiducia a loro, ma ci ho ripensato. La realtà mi ha dato ragione. Se il movimento si dovesse sciogliere come neve al sole, non mi dispiacerebbe affatto. Così il Truce come lo chiama Ferrara non avrà una sponda sulla quale appoggiarsi.

  2. Giorgio ha detto:

    Chi ha votato questa gente? Quasi l’80% del popolo italiano, giusto? Teniamoceli, tanto non impariamo mai dai nostri stessi errori

  3. Patrizia ha detto:

    Quanto sarebbe stato meglio se costui fosse rimasto al suo mestiere di comico, avrebbe reso un servizio migliore al Paese, rallegrandolo con qualche risata.
    Come capo popolo fa solamente piangere, lui e il suo esercito costruito in laboratorio.

  4. Giuseppe ha detto:

    Grillo, con le sue amenità, continua a far ridere anche quando parla di cose serie, come le istituzioni. Per lo più si tratta di un riso amaro e beffardo, perché come tutti gli arruffapopoli va a ruota libera, saltando di palo in frasca e, spesso, non avendo alcuna cognizione delle cose si cui parla. Il primo a sapere perfettamente che lo pseudo programma di moralizzazione della politica italiana, che sta alla base del movimento a cui ha dato vita con la famiglia Casaleggio, fosse una bufala irrealizzabile e uno specchietto per le allodole è senza alcun dubbio lui. Potrebbe anche provare a negarlo giurando e spergiurando sulla “buona fede” delle sue intenzioni, ma la realtà lo contraddice senza scampo. Non gli si può certo negare un po’ di furbizia, del resto comune a tutti i mestatori, che sanno bene dove andare a parare per suscitare simpatie ed approvazione, spesso è sufficiente cavalcare il malcontento, promettendo mari e monti eliminandone le cause.
    Il famigerato contratto che il suo discepolo Di Maio ha stipulato con Salvini (con Conte nelle vesti di notaio) in cui sono tracciate le linee guida del “governo del rinnovamento”, se fosse stato attuato da qualche altro partito, sarebbe stato battezzato “ribaltone” e chissà quale altro epiteto, ma siccome vede come parte in causa il movimento dei purissimi spiriti è giusto e sacrosanto…

Leave a Reply

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi