Omelie 2018 di don Giorgio: PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE

1 aprile 2018: PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE
At 1,1-8a; 1Cor 15,3-10a; Gv 20,11-18
Risorti, per poi di nuovo morire
Nei Vangeli troviamo tre racconti di risurrezione: Gesù restituisce la vita a un ragazzino, unico figlio di una vedova di Nain (Lc 7,11-15), ridà la vita ad una ragazzina di 12 anni, figlia di Giàiro, uno dei capi della Sinagoga (Mc 5,21-43; Mt 9,18-26; Lc 8,40-56) e, infine, Gesù risuscita un adulto, Lazzaro, morto da quattro giorni, fratello di Marta e Maria (Gv 11,1-44).
In realtà, l’unica autentica risurrezione è quella di Cristo.
Tra la risurrezione di Cristo e i racconti di risurrezione riportati dai Vangeli non c’è confronto. In che senso?
Il figlio della vedova di Nain, la figlia di Giàiro e Lazzaro sono sì risorti, ma nel senso che è stato a loro restituita la vita biologica, ma solo per un altro determinato tempo, destinato poi a concludersi verso un’altra morte fisica
Cristo è Risorto per sempre, per ogni essere umano
Cristo, invece, è risorto per non morire più o, meglio, Cristo è il Risorto che dà alla vita di ogni essere umano il suo senso più profondo: nel Cristo risorto io vivo di me stesso, ovvero del mio essere più profondo.
Senza il Cristo risorto o senza il Cristo della fede, Gesù di Nazaret, ovvero il Cristo storico, non avrebbe alcun senso. In altre parole, il Cristo della fede dà al Cristo storico il suo vero significato di Figlio di Dio, incarnatosi per fare della carne umana il regno dello Spirito santo.
In tal modo, parlare ancora solo di Cristo storico, vissuto in una determinata epoca (circa duemila anni fa), presso un determinato popolo (quello ebraico) e in un determinato territorio (la Palestina) ciò sminuisce, per non dire annulla, la realtà del Risorto.
Oggi a interessare i credenti e non credenti è il Cristo risorto o, possiamo anche dire, è il Cristo storico, ma alla luce del Cristo risorto.
San Paolo è chiaro. Scrive, infatti, nella prima lettera ai cristiani di Corinto: «Se Cristo non è risorto, vana è la vostra fede» (15,17).
E allora tiriamo le conseguenze: la nostra fede è il Cristo della fede o Cristo risorto, e non il Cristo puramente storico, ovvero Gesù di Nazaret.
I Vangeli sono stati scritti sotto i riflettori della risurrezione
I quattro Vangeli non sono stati scritti durante la vita terrena di Gesù di Nazaret: non sono cioè resoconti o narrazioni cronachistiche o giornalistiche di ciò che Gesù ha detto o ha fatto.
Hanno qualcosa di speciale, del tutto speciale: sono stati prima predicati, e poi messi per iscritto ma sotto i riflettori della Risurrezione, per cui i fatti e i detti vengono come trasformati, rivisti e interpretati nella fede del Risorto.
Anche se il paragone non regge molto, succede più o meno la stessa cosa, quando si scrivono le biografie dei santi o di uomini illustri dopo la loro morte. C’è negli scritti un certo alone di santificazione o di sublimazione anche delle cose più banali.
Dunque, attenzione: la risurrezione di Cristo ha illuminato talmente i Vangeli che leggerli semplicemente come dei fatti di cronaca falsificherebbe la figura di Cristo e della buona novella.
In altre parole, possiamo dire che ciò che leggiamo nei Vangeli non è tanto il Cristo storico, o Gesù di Nazaret, ma il Cristo già risorto.
I Vangeli vanno letti dalla fine
La migliore lettura dei Vangeli non inizia dai racconti della nascita (tra l’altro, sono il frutto di credenze popolari e perciò fantasiose o, nel migliore dei casi, vedi l’episodio dei magi, si tratta di racconti simbolici), ma dovrebbe iniziare dalle ultime pagine, ovvero dai racconti della risurrezione.
E qui arriva il bello
I racconti della Risurrezione di Cristo sono complessi e frammentari (gli evangelisti sembrano divergere l’uno dall’altro, per cui è assolutamente impossibile ricostruirli con un filo logico, oltre che dal punto di vista cronologico, nei tempi in cui si sono susseguiti), e da qui si capisce la grande difficoltà, da parte delle primitive comunità e degli evangelisti, di dire qualcosa di chiaro, senza cadere nella banalità o nel ridicolo.
In altre parole, la risurrezione di Cristo non si può raccontare, in quanto è indescrivibile e incomprensibile al di fuori della fede.
Ma attenzione: ciò non significa che la risurrezione non è una realtà. D’altronde, che cos’è la realtà? Non è quel Divino di cui non si può dire nulla, ma che è solo sperimentabile nella nostra interiorità, dove la fede non è una credenza (ovvero, un insieme di riti),  ma la nuda essenza dello Spirito santo?
Ed è proprio dallo Spirito che dovremmo partire, se volgiamo capire qualcosa della risurrezione di Cristo.
In realtà, Cristo non è risorto nel terzo giorno. Già prima, mentre muore sulla croce, Cristo esala, ovvero dona, lo Spirito, da cui prende l’avvio la risurrezione.
La risurrezione è uno scandalo? Certamente…
Scusate se magari ha sconvolto la vostre convinzioni o le vostre idee sulla risurrezione di Cristo, e vi ho perciò scandalizzato.
Vedete: lo scandalo è di chi è talmente chiuso entro uno schema rigido e abitudinario di fede che di fronte ad una porta o ad una finestra che si apre sulla verità, egli rimane scioccato.
Sì, la risurrezione di Cristo è uno scandalo, ma guai se non lo fosse: è uno scandalo perché, appunto, sconvolge ogni nostro schema di fede, e soprattutto perché mette sempre in discussione quel Cristo storico, fatto di parole e di opere, che la Chiesa per millenni ci ha presentato, diciamo imposto, come il Cristo da venerare, dimenticando che Gesù di Nazaret è morto per sempre sulla croce, per lasciare il posto allo Spirito del Cristo risorto.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi