Omelie 2017 di don Giorgio: QUINTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

1 ottobre 2017: QUINTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Dt 6,4-12; Gal 5,1-14; Mt 22,34-40
Anche i tre brani della Messa di oggi ci offrono una serie di interrogativi, che vanno alla radice non solo del nostro rapporto religioso con Dio, ma della stessa identità di Dio e del nostro essere umano.
Il nostro rapporto con Dio dipende da ciò che per noi Dio è e da ciò che noi crediamo di essere di fronte a Dio. In altre parole, possiamo dire che i tre brani ci invitano a riflettere su Dio e sul nostro essere.
Primo errore: amore per un Dio politico
Il primo brano parla del dovere da parte del popolo eletto di amare l’unico Dio, ma, attenzione, è un dovere che diventa un ricordo di quanto Jahvè ha fatto nel passato liberando gli ebrei dalla schiavitù egiziana. Dunque, l’amore di Dio diventa un amore interessato, e il ricordo è sul piano di un liberatore politico.
Sì, si parli di peccati, o, meglio si parla del peccato: l’aver tradito l’Alleanza ma del tipo politico, tanto è vero che, di conseguenza, Dio ha punito il popolo rendendolo schiavo di una nazione.
In breve, tu, popolo eletto, non devi dimenticarti di Dio che ti ha dato questo e ti ha dato quello, che soprattutto ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla condizione di schiavitù.
Questa idea di un Dio salvatore e benefattore nel senso politico (ti darò una terra e ti renderò un popolo forte) attraversa tutta la storia del popolo ebraico fino alla venuta del Messia, e, quando il Messia arriverà, non sarà riconosciuto dagli ebrei proprio perché non rientrava nelle loro categorie politiche, da secoli accarezzate e attese.
In fondo, gli stessi profeti erano caduti in questo grossolano equivoco, anche se, occorre precisarlo, erano fortemente animati dalla missione di fustigare i tradimenti del popolo eletto, sempre pronto a tradire l’Alleanza divina in nome di altre alleanze terrene, ritenute ogni volta più promettenti e vincenti sempre sul piano politico.
Certamente i profeti, in quanto ispirati dalla luce divina, invitavano ad allargare gli orizzonti, senza tuttavia avere idee chiare su quali fossero questi orizzonti, dipinti ora con immagini positive ora con immagini negative.
Sarà Gesù Cristo che rileggerà quelle antiche profezie alla luce di una liberazione interiore, ma il popolo non capirà e lo manderà a morte sulla croce. E Cristo non verrà capito neppure dalla Chiesa istituzionale, che ripeterà gli stessi errori del popolo eletto.
Secondo errore: amore per un Dio legislatore
Paolo, nel brano di oggi, se la prende con quanti, anche tra gli stessi apostoli, volevano imporre la circoncisione fisica ai cristiani. Paolo fa un semplice quasi elementare ragionamento: la nuova fede fonda tutta la sua ragion d’essere sul primato dello Spirito santo, che Cristo ha donato proprio sulla croce, nel momento stesso in cui moriva. Sulla croce moriva la legge ebraica, per lasciare il posto allo Spirito divino.
Ecco dove sta la novità del cristianesimo: nella libertà dello Spirito. La legge intesa alla lettera schiavizza, procura morte.
L’Apostolo scrive chiaramente: «Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi; state dunque saldi e non lasciatevi imporre di nuovo il giogo della schiavitù. Ecco, io Paolo vi dico: se vi fate circoncidere, Cristo non vi gioverà a nulla. E dichiaro ancora una volta a chiunque si fa circoncidere che egli è obbligato ad osservare tutta quanta la legge. Non avete più nulla a che fare con Cristo voi che cercate la giustificazione nella legge; siete decaduti dalla grazia».
Parole senza ombra di dubbio. Con Cristo è finita l’epoca del Dio legislatore, del Dio mosaico. Con Cristo è iniziata l’epoca della libertà “dello” e “nello” Spirito.
Anche qui, la Chiesa è caduta come l’antico giudaismo nella schiavitù della legge. Non c’è bisogno di dimostrarlo.
Il nostro vero maestro non è il legislatore, ma il maestro interiore.
Terzo errore: amore per un Dio moralistico
Nel terzo brano Cristo stesso ha tolto ogni dubbio, riducendo al minimo, che è poi il massimo, la legge dell’amore. Alla domanda: “Qual è il più grande comandamento della legge?”, Gesù risponde:  “Ama Dio con tutto te stesso, e ama il prossimo come te stesso”.
Se abbiamo detto no a un Dio politico, no a un Dio legislatore, ora dobbiamo dire no a un Dio moralistico. Se gli ebrei ai tempi di Cristo erano costretti a osservare 613 precetti, tra negativi e positivi, non credo che possiamo contare tutti i precetti di vari tipo, moralistici ed ecclesiastici, stabiliti e imposti dalla Chiesa in duemila anni. Qualcuno parla di migliaia. Eppure, Cristo aveva ridotto all’essenziale il comandamento dell’amore: Dio e l’essere umano, uniti in modo indissolubile tra loro.
Secondo Carlo Maria Martini, c’è una gerarchia nelle indicazioni etiche, ovvero c’è qualcosa di grande, di assoluto, d’importanza estrema, e c’è qualcosa di meno assoluto, di meno grande, di meno importante. Non si può, dunque, appiattire tutto sullo stesso registro. Occorre dunque trovare l’essenziale.
Quando ero prete di parrocchia, e partecipavo agli incontri dei Consigli pastorali, chiedevo sempre, tra le mille cose in cantiere da fare o da non fare: “Qual è la cosa più importante, da cui dipende la vita della comunità? Qual è la cosa che veramente conta per il ben-essere della parrocchia?”. E ogniqualvolta ero costretto a ripetere in che cosa consisteva il ben-essere, ovvero quel bene che riguarda l’essere nella sua realtà più interiore.
Ma era tempo perso. Parlavo al vento. Si continuava a litigare su questo o su quello, senza capire che la cosa più importante è cogliere l’essenziale, ovvero il meglio dal punto di vista dell’essere.
Capisco quanto oggi sia difficile cogliere la realtà spirituale del Divino, al di là degli aspetti puramente etici o religiosi. Magari contestiamo la Chiesa, senza però capire che ogni vera contestazione punta al meglio o all’essenziale, ma questo comporta un impegno personale non da poco, ed è per questo che contestiamo gli aspetti esteriori, magari proponendone di peggiori.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi