Omelie 2013 di don Giorgio: Festività di tutti i Santi

1 novembre 2013: FESTA DI TUTTI I SANTI

Ap 7,2-4.9-14; Rm 8,28-39; Mt 5,1-12a

Solitamente, in occasione della ricorrenza della festività di tutti i santi, ci si limita a parlare della santità, alla quale siamo tutti invitati a tendere, prendendo come esempio o come modello qualcuno tra i numerosissimi santi, in particolar modo quelli proclamati ufficialmente dalla Chiesa cattolica con il rito solenne della canonizzazione.

Anzitutto, un po’ di storia. In sintesi. Nei primissimi secoli, quando era frequente il fenomeno delle persecuzioni, erano altrettanto frequenti le testimonianze dei martiri. Questi uomini e queste donne avevano dato il loro sangue a causa della fede, e i fedeli vedevano un parallelismo tra il loro martirio e la morte di Gesù, tanto che nei racconti sembra di leggere in filigrana proprio la Beata Passione del Cristo.

Le prime tracce di una celebrazione unica di tutti i martiri sono attestate nella comunità cristiana di Antiochia, e fanno riferimento alla domenica successiva alla Pentecoste. Nel IV secolo, anche la Chiesa di Roma adottò tale usanza, e la estese a tutte le altre chiese. Nel frattempo, venivano venerati non solo i martiri, ma anche coloro che si erano distinti per la loro testimonianza al Vangelo di Cristo, anche senza dare fisicamente la loro vita.

Il 13 maggio 609, Papa Bonifacio IV dedicò il Pantheon in onore della Madre di Dio e di tutti i martiri: da allora il Pantheon venne chiamato S. Maria ad martyres. Nello stesso giorno, 13 maggio, spostò anche la festa in onore di tutti i santi e di tutti i martiri. Nell’835 Gregorio IV trasferì la festa dal 13 maggio al 1° novembre. Più tardi, nel 998, Odilo abate di Cluny aggiungeva la celebrazione, nel giorno seguente, della festa di tutte le anime a soddisfare l’aspirazione generale per un giorno di commemorazione dei morti. In seguito, tra il XII e XIII secolo si stabilizzava la prassi della canonizzazione dei santi come la conosciamo oggi.

Perché fu scelta la data del 1 novembre? Penso che sia una domanda più che lecita. Fu scelto il primo novembre, per fare coincidere la festa cristiana di tutti i santi con il Samhain, l’antica festa celtica del nuovo anno, a seguito di richieste in tal senso provenienti dal mondo monastico irlandese. Secondo le credenze celtiche, durante la celebrazione del Samhain, i morti avrebbero potuto ritornare nei luoghi che frequentavano mentre erano in vita, e celebrazioni gioiose erano tenute in loro onore. Da questo punto di vista le antiche tribù celtiche erano un tutt’uno col loro passato ed il loro futuro. Questo aspetto della festa non fu mai eliminato pienamente, nemmeno con l’avvento del Cristianesimo.

Ora vorrei fare alcune osservazioni e riflessioni.

1. La Chiesa, fin dagli inizi, usò il metodo di cristianizzare le feste pagane e trasformò i templi pagani in chiese cristiane. Pensate al 25 dicembre: anticamente si celebrava il solstizio d’inverno, per i pagani che adoravano il dio Mitra divenne la festa del “Dies Natalis Solis Invicti” (giorno della nascita del Sole invincibile). I primi cristiani, non conoscendo la data (né l’anno, né il mese, né il giorno e tanto meno l’ora) della nascita di Gesù ritennero opportuno prendere il 25 dicembre, ritenendo che il vero Sole invincibile fosse Cristo. Abbiamo detto che il Pantheon fu trasformato in una chiesa cristiana. Tra parentesi. Il Pantheon, nome che significa “la totalità degli dei”, era un grandioso tempio romano, a forma circolare, ricostruito dall’imperatore Adriano tra il 118 e il 125 d.C. sui resti di un precedente tempio del 27 a.C.: in questo tempio si veneravano tutte le divinità pagane, anche quelle delle popolazioni conquistate dall’impero romano. Oggi diremmo che fu un gran bel colpo per la Chiesa: distruggere tutte le divinità in nome dell’unico vero Dio. E pensare che, come dicono gli studiosi, nel Pantheon, dove, ripeto, i romani mettevano tutte le loro divinità e anche quelle delle popolazioni vinte, Cristo non ebbe mai ospitalità. Per i romani era troppo pericoloso per essere venerato.

Ma la cosa che mi fa pensare è questa: è il ritorno dei riflussi. Intendo dire: sembra di assistere ad una rivincita continua. Tu, cristiano, ti sei preso una mia festa pagana, ora me la riprendo. Non è così? Non assistiamo alla ri-paganizzazione del Natale? Così si dica di altre feste cristiane. Ritornano pagane.

2. Mi ha sempre colpito il fatto che i primi ad essere onorati dalla Chiesa fossero i martiri. I martiri hanno sempre avuto un onore particolare nella Chiesa. Il loro stesso martirio costituiva la prova della loro santità, e quindi motivo per la loro venerazione. Il martirio, durante le persecuzioni, erano un forte stimolo perché i cristiani non tradissero la loro fede. Tertulliano (scrittore e apologeta cristiano vissuto tra il secondo e il terzo secolo d.C.) ha scritto: “Il sangue dei martiri è il seme dei cristiani”.

Quando uno ha dato la stessa vita per la causa del Vangelo, perché aspettare l’approvazione ufficiale della Chiesa perché sia venerato o proposto come modello per i cristiani? Non so in quale periodo, ma a un certo punto la Chiesa, per canonizzare i santi, ha chiesto a Dio uno, due o tre miracoli, come prova. Sì, a Dio, perché i miracoli li compie Dio e non i santi, casomai i santi intercedono. Vi rendete conto della gravità di questa cosa? Si sfida Dio, imponendo che faccia un miracolo. Nei primi tempi della Chiesa, bastava la “vox populi”: il popolo, durante i funerali, gridava “santo subito”. Ancora oggi è tornata questa prassi, ma con ben altre motivazioni che non sempre condivido.

Già la parola “canonizzazione” fa riflettere. Canone di per sé significa regola, norma. Quali sono le regole che la Chiesa usa per riconoscere pubblicamente che una persona è santa, perciò da venerare con un culto ufficiale? Questa è la vera domanda. La Chiesa stabilisce alcune regole, ovvero che i santi abbiano osservato fedelmente alcune virtù, e guarda caso, quelle virtù che sono in linea con la struttura della Chiesa stessa. E allora un dubbio ci viene: la Chiesa propone modelli che fanno comodo alla stessa religione. La Chiesa non canonizza i profeti scomodi, se non dopo secoli, quando ormai la profezia si è spenta oppure, se è ancora attiva, basta poco alla Chiesa: mettere un cappello sopra, e la profezia viene coperta. Non sarei per nulla contento se ad esempio don Milani o don Mazzolari venissero un giorno riconosciuti santi dalla Chiesa. Perderebbero il loro fascino proibito. Non parliamo poi delle pressioni perché ad esempio un fondatore di un ordine religioso o di una congregazione o di un movimento ecclesiale salga agli onori dell’altare. Così anche il Movimento acquisterebbe maggiore credibilità, soprattutto se si trovasse in crisi di identità.

Non vorrei parlare dei costi di tipo economico che comporta una canonizzazione. Anche qui: chi ha soldi ottiene la canonizzazione del proprio fondatore. I poveri cristi rimangono sempre ai piedi dell’altare. Quanto costa diventare santi? È la domanda che ha spinto Papa Francesco a indagare sui conti delle cause di beatificazione e di canonizzazione. Ciò che aveva fatto insospettire Bergoglio, spingendolo ad aprire l’inchiesta interna, è stato l’esame dei bilanci relativi al fondo per le cosiddette “cause povere“. Sembra, infatti, che esso non sia stato più incrementato e che quindi non sia stata rispettata la norma che impone agli attori di ogni processo di beatificazione e di canonizzazione di versare un contributo per sostenere queste cause. Da qui, quindi, è scattata l’indagine che doveva consentire, entro la fine del mese di agosto, di consegnare al Papa le entrate e le uscite di ciascuna causa di beatificazione e di canonizzazione. Ma, a oggi, le indagini non hanno ancora portato a nessun risultato e c’è chi mormora da tempo nei sacri palazzi che soltanto le congregazioni religiose più ricche possono permettersi di vedere il proprio fondatore elevato alla gloria degli altari. È proprio questo il sospetto che ha animato le verifiche chieste insistentemente dal Pontefice.

Terza e ultima osservazione. Oggi è la Festa di tutti i santi, perciò non solo dei santi ufficiali, quelli canonizzati dalla Chiesa. Carlo Maria Martini parlava spesso della santità popolare, la santità della gente più umile. Una santità anonima, senza un nome di rilievo che va sulle pagine dei mass media. La santità del quotidiano. fatta di piccole cose, di fedeltà al proprio dovere. Bertolt Brecht scrisse: «Guai a quel paese che ha bisogno di eroi», intendendo dire che, avendo bisogno di eroi, la normalità non funziona. Se eroe significa uno che paga le tasse sempre e comunque, vuol dire che la maggior parte dei cittadini non paga le tasse. Se essere eroe significa soccorrere uno che è in situazioni veramente disastrose, vuol dire che esiste una generale indifferenza.

Anche per la Chiesa valgono le parole di Bertolt Brecht. Chissà perché noi cattolici ci aggrappiamo sempre allo Spirito santo perché ci tiri fuori da qualche guaio! Eppure basterebbe vivere quotidianamente il cristianesimo, senza aver bisogno di interventi straordinari. Proprio nella Chiesa c’è quel fenomeno detestabile, almeno da parte mia, di ricorrere ai miracoli, dimenticando che basterebbe un pizzico di fede, piccolo come un granello di senape, per trasportare una montagna. L’ha detto Gesù Cristo.

Noi crediamo di fare del bene alla Chiesa ingigantendo i suoi santi. Invece facciamo del male, perché togliamo alla vita ordinaria la sua efficacia. La Chiesa non sta in piedi con i grandi santi, sta in piedi casomai con l’umile profezia del popolo di Dio. Profezia che è saggezza, quella sapienza appunto popolare che riesce a dare il gusto di vivere anche alle cose più insignificanti.

Oggi è la festa di tutti i santi, quindi anche dei nostri cari defunti, che ci hanno lasciato un grande esempio di vita. Noi pensiamo che, quando riceviamo una grazia particolare, ciò lo dobbiamo al merito di Padre Pio o della Madonna o dei santi più venerati del cielo. Loro non possono pensare a tutti. Credo invece che, a intercedere per noi, siano le anime dei nostri cari. Più che ricordare il loro ricordo con qualche mazzo di fiori che subito appassisce, il nostro dovere sta nel rivivere la loro saggezza di vita. Nel cimitero di Monte, sulla facciata esterna della cappella dei sacerdoti, ho voluto mettere questa frase in latino: “Vivere memento”: ricòrdati che devi vivere. Dal cimitero si torna per vivere. Questo è l’insegnamento dei nostri morti. Vivi intensamente!     

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi