«A Foggia riti di affiliazione e gerarchie simili a ‘ndrangheta»

da AVVENIRE
1 dicembre 2018
Procuratore antimafia.

«A Foggia riti di affiliazione

e gerarchie simili a ‘ndrangheta»

Antonio Maria Mira
Cafiero de Raho: oggi le mafie non lavorano più da sole ma in collaborazione, soprattutto nel traffico di droga
«Per troppo tempo la criminalità foggiana è stata sottovalutata, si negava che fosse mafia. C’era poca attenzione. Quella di oggi è veramente una bella operazione. Finalmente si comincia a smuovere qualcosa sul territorio. E questo è fondamentale. Ma ora ci vuole continuità, anche per convincere gli imprenditori a denunciare. Sono ancora pochi, mentre le estorsioni sono a tappeto». È il commento del procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho, che ha voluto essere presente a Foggia a conferma dell’importanza anche nazionale dell’operazione.
Dunque procuratore per troppo tempo la criminalità organizzata foggiana è stata sottovalutata?
Sicuramente. Operazioni negli anni ci sono state però è anche vero che l’attenzione non è stata altissima. Ora su Foggia c’è un bravo procuratore, e così a ogni estorsione scattano le intercettazioni. E questo ha aiutato molto. E c’è un forte impegno della Squadra mobile e dei Carabinieri.
Anche in questa inchiesta le denunce degli imprenditori sono state molto poche.
Molto poche. Quando non si denuncia e quando le estorsioni sono a tappeto, è evidente che chi deve denunciare ha ancora più paura perché se non denuncia nessuno, farlo significa essere solo oltre che isolato.
Chi denuncia andrebbe più protetto?
Quelli che hanno denunciato sono tutelati. Uno di loro, e che ora è protetto, ne ha subite di tutti i colori tra giugno e dicembre 2017, lo minacciavano coi mitra. Però ha tenuto duro. Ora a lui, e ai pochi altri che hanno denunciato con coraggio, deve andare tutto il nostro appoggio. C’è una parte dell’organizzazione mafiosa che è ancora sul territorio. Non bisogna fermarsi. Quando gli imprenditori assistono ad arresti continui e vedono che la mafia si indebolisce, allora sono pronti a denunciare.
Non bastano operazioni come quella di oggi?
Ci vuole continuità nella repressione per creare fiducia nelle persone. Bisogna che sappiano che dopo l’operazione di oggi non dovranno aspettare un altro anno per vederne una analoga, ma un mese o poco più.
Cosa è la mafia foggiana?
È un’associazione mafiosa radicata sul territorio. E in rapporto con le altre mafie. Oggi, infatti, le mafie non lavorano più da sole ma in collaborazione, soprattutto nel traffico di droga nel quale fanno acquisti pro quota e cogestiscono gli affari.
Lei ha detto che questa mafia foggiana assomiglia alla ’ndrangheta. In che senso?
Perché hanno lo stesso vincolo di sangue, hanno i rituali di affiliazione, hanno le gerarchie. Lo sappiamo per certo perché nel corso di un’intercettazione ambientale uno degli arrestati diceva ‘prima diventi picciotto, poi picciotto d’onore, e poi se cominci a uccidere la gente diventi sgarrista e poi sempre più su e prendi 4-6mila euro al mese’. Poi, altro elemento di similitudine, esiste addirittura una cassa comune. Le modalità sono dunque quelle della prima ’ndrangheta, che girava con pistole e kalashnikov.
Ma quella foggiana è ancora molto violenta, rispetto alla ’ndrangheta di oggi, molto silente.
È molto violenta, diversamente dalle altre mafie che hanno scelto la strategia della sommersione. A Foggia, invece, si spara e si uccide. Questa operazione ha bloccato una catena di sangue che negli ultimi tempi ha caratterizzato questo territorio. Uno di quelli che dovevano essere arrestati, Rodolfo Bruno, è stato ucciso quindici giorni fa.
Anche questa mafia è interessata ai classici affari, come le altre?
Come l’azzardo, anche se siamo ancora solo alle estorsioni sulle slot machine, e non alle scommesse on line come la ’ndrangheta, che ha server a Malta o in Romania. È mafia ma ancora meno evoluta.
Non ha paura di creare clamore con la violenza?
Evidentemente non hanno paura anche perché la reazione dello Stato fino a oggi non è stata così clamorosa. E poi loro si sentono forti per l’organizzazione che hanno alle spalle. In una delle intercettazioni c’è un mafioso che arriva in un’impresa dalla quale voleva riscuotere il pizzo. Ma viene fermato dal vigilantes che gli dice ‘ora ti denuncio e ti faccio arrestare’. Allora il mafioso prende il telefono e gli dice ‘chiama la polizia, chiama chi vuoi tu, falli venire, fammi arrestare, tanto se arrestano me ne arrivano altri dieci, venti’.
Questo richiederebbe una maggiore reazione da parte degli imprenditori?
Sicuramente sì.

 

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Sarà una mia impressione, ma mi sembra che ogni regione, non solo a sud, abbia il suo piccolo/grande nucleo di mafiosi…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi