Io, profuga a cinque anni, tornata in Africa a curare i bambini in guerra

da L’Espresso

Io, profuga a cinque anni,

tornata in Africa a curare i bambini in guerra

Adiam è arrivata in Italia dall’Eritrea nel 1979. Poi è diventata chirurga pediatrica. Oggi lavora con Medici senza frontiere nei Paesi ad alta mortalità infantile e tra le vittime di Boko Haram
di DINO AMENDUNI 
22 novembre 2019
Adiam Woldemicael ha 35 anni ed è una mia coetanea. È cresciuta nella mia stessa città (Bari), come me ha frequentato il liceo scientifico e per anni abbiamo vissuto a pochi isolati di distanza senza esserci mai incontrati. È molto sorpresa per il fatto che ci si interessi alla sua storia come se lei fosse la protagonista di una vicenda straordinaria e preferirebbe che ciò non avvenisse. Adiam è nata in Eritrea e si è trasferita in Italia, insieme alla sua famiglia, all’età di cinque anni. Qui si è laureata in medicina e si è specializzata in chirurgia pediatrica. Appena concluso il suo ciclo di studi ha cominciato a viaggiare («Sono a casa al massimo per due o tre mesi l’anno») per mettere le sue conoscenze a disposizione di chi ne ha più bisogno. Non ha considerato neanche per un istante di fare il medico in Italia perché questo le avrebbe impedito di realizzare ciò che per lei è da sempre sogno e allo stesso tempo progetto di vita: garantire il diritto alla salute nei posti dove questo elemento fondamentale del nostro sistema di sicurezza sociale è di fatto negato.
Alla base della sua scelta c’è la volontà di contrastare una stortura inaccettabile: patologie del tutto curabili, che nel nostro paese porterebbero alla guarigione nel 99 per cento dei casi, causano invece la morte del 90 per cento dei pazienti in quei tanti, troppi luoghi del mondo in cui manca l’assistenza medica di base. Davanti all’enormità della sfida che i medici come lei si trovano ad affrontare, ci si trova spesso nella situazione di dover convincere i propri interlocutori della sensatezza della scelta fatta: «Mi è capitato di sentirmi dire che ciò che facevo era fine a se stesso, che certi problemi sono troppo estesi per essere risolvibili. Ho risposto che sono cosciente del fatto che ci sono questioni politiche più grandi di me, ma ho 35 anni, non posso già arrendermi all’idea che non ci sia la possibilità di un miglioramento. Anche se il mio lavoro fosse una goccia nell’oceano, ha comunque il suo effetto. Un bambino salvato è un bambino salvato».
La sua ultima missione in ordine di tempo si è svolta a Pulka, nell’estremo nordest della Nigeria, dove la ong Medici Senza Frontiere ha costruito un ospedale da zero (con circa 90 posti letto) nel 2014. Le ho chiesto come si curava la popolazione del luogo prima dell’intervento della Ong che nel 1999 ha ottenuto il Premio Nobel per la Pace e la sua risposta è stata: «Semplicemente non si curava». Oltre alle strutture, infatti, mancavano i medici e il personale specializzato.
Non conoscere le cause della malattia spesso porta a non conoscere nemmeno le cause della morte dei pazienti. Anche questo è un diritto negato: «Troppa gente muore senza che se ne conosca il motivo, perché mancano persino le diagnosi. È capitato anche ad alcuni componenti della mia famiglia», dice Adiam.
La sua giornata tipo in Nigeria era del tutto paragonabile a ciò che accade in un ospedale del nostro paese: interventi chirurgici, assistenza ai degenti, visite di controllo. I paralleli però smettevano di avere senso dopo le cinque del pomeriggio perché a quell’ora i medici, provenienti da ogni parte del mondo, erano costretti a lasciare la struttura. Pulka infatti è in una zona in cui da anni è in corso un’infinita lotta tra le milizie regolari nigeriane e l’organizzazione terroristica di Boko Haram.
Durante il 2016, uno degli anni più sanguinosi della guerra civile, l’intervento di Msf ha permesso a più di 20 mila bambini di essere ricoverati nei centri terapeutici nutrizionali; sono state effettuate oltre 290 mila visite ambulatoriali e 2700 visite di emergenza. Le équipe mediche hanno vaccinato circa 130 mila bambini contro il morbillo, 10 mila contro la polmonite e ne hanno trattati 18.700 contro la malaria.
In situazioni simili la sfida medica ne porta con sé un’altra, altrettanto pressante: quella etica. Chi ha diritto a essere curato durante una guerra civile provocata da un’organizzazione terroristica? «Tutti. È chiaro che noi medici proviamo emozioni e che non è semplice trattare tutti allo stesso modo, ma è la cosa giusta da fare». Il Diritto Umano Internazionale prevede infatti l’accesso indipendente alle vittime a prescindere dalla loro storia personale. Non solo: come spesso accade quando si parla di etica, le soluzioni non sono mai estreme e binarie: «Abbiamo trattato pazienti che provenivano da villaggi in cui Boko Haram obbligava ad affiliarsi a loro all’istante per non essere uccisi. Ci trovavamo ad accogliere persone che in teoria facevano parte dei terroristi ma che in realtà erano scappati alla prima occasione utile, cercando rifugio proprio nel nostro ospedale. A loro, forse più che a ogni altro, bisognava garantire la maggior assistenza possibile, anche psicologica».
Questa storia forse porta con sé tanti difetti di percezione, perché Adiam è africana. Lei sta dedicando la sua vita e le sue energie per contrastare una profonda ingiustizia, ma non è la sola a farlo: «Sono un medico come tanti altri». Non vuole che l’attenzione che i media iniziano a riservarle sia figlia di una sorta di pregiudizio: «So che si parla di me per il colore della mia pelle», dice. Sarebbe facile raccontare la parabola della donna nata in Africa, cittadina italiana, tornata nel suo continente d’origine per chiudere il cerchio. Ma per lei non è così: nelle sue prossime missioni Adiam andrà in qualunque continente sia necessario garantire il diritto alle cure mediche. E aggiunge che le sue origini stanno diventando anche l’oggetto di un altro tipo di attenzione non richiesta: «Bari è la mia casa e la mia famiglia: qui ho gli amici, il mare, i miei genitori che vivono ancora qui». Non ha mai vissuto episodi di intolleranza, ma da un paio di anni «inizio a sentirmi osservata per strada. Quando entro in un negozio trovo un’accoglienza un po’ più titubante rispetto a prima, ma basta scambiare due chiacchiere e le persone tornano a fidarsi. Ma questo cambio di atteggiamento inizia a far paura».
In questi giorni di attesa prima di ripartire, la dottoressa Woldemicael dedica le sue giornate a incontri con operatori dell’accoglienza, associazioni e cittadini. A Lecce una signora, a margine di un incontro pubblico, le ha chiesto: «Ma quindi curate davvero le donne e i bambini?». Questa frase, che evidentemente non è solo un dubbio individuale, è la conseguenza di anni di totale rimozione di ciò che le Ong fanno quotidianamente, lontane dai riflettori. Anni di battaglie politiche sui “taxi del mare”, sulle caratteristiche di chi rischia la vita per raggiungere l’Europa, sulla contabilità (e la conseguente disumanizzazione) dei migranti stanno via via facendo dimenticare non solo il lavoro di persone come Adiam, ma anche l’esistenza delle ragioni del loro intervento. «Capisco che le persone siano così tanto prese dalle loro preoccupazioni e dai problemi di tutti i giorni, però sarebbe bello che ogni tanto si alzasse un po’ la prospettiva e che si iniziasse a guardare fuori, lì dove non c’è nessun diritto».
Questo però, non vuol dire cedere alla retorica dell’aiutiamoli a casa loro. «È una frase che non sopporto, perché spesso è pronunciata da chi non ha un reale interesse a portare diritti e assistenza dove non ci sono, ma è il tentativo di tenere gli stranieri il più lontano possibile. È un approccio egoistico, che nasconde il fatto che non si ha davvero voglia di aiutare qualcuno». Questa impostazione, oltre a essere ipocrita, è sballata dal punto di vista logico e pratico, secondo Adiam: «Quanti italiani sono andati a vivere altrove negli scorsi decenni e quanta gente, ogni anno, lascia l’Italia ancora oggi? Le migrazioni ci sono sempre state, perché c’è sempre stato l’istinto alla sopravvivenza o la speranza di poter migliorare le proprie condizioni di vita».
La storia di Adiam va raccontata, nella speranza che un giorno non sia più una storia da raccontare.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi