Sette vescovi e 400 sacerdoti per dire no alla Terra dei fuochi: basta veleni

da AVVENIRE
15 gennaio 2020
Caserta.

Sette vescovi e 400 sacerdoti

per dire no alla Terra dei fuochi:

basta veleni

Antonio Maria Mira, inviato a Teano (Caserta) 
A Teano un incontro sull’emergenza ambientale: «Occorre schierarsi. Non possiamo darci pace se la nostra terra viene avvelenata»
«Ieri ho celebrato il trigesimo di Giancarla, mamma di 40 anni morta di tumore. Quante di queste lacrime abbiamo asciugato? Come sacerdoti dobbiamo partire da questo dolore per dare voce alle persone che nessuno ascolta. Altrimenti non siamo Chiesa». A parlare è don Carmine, giovane parroco di Acerra.
Parole di dolore ma anche di denuncia: «Dobbiamo dire che siamo governati da incapaci che non si preoccupano di queste persone». Intervento forte, ma non l’unico nel grande auditorium di Teano, pieno di più di 400 sacerdoti, assieme ai vescovi di Acerra, Aversa, Capua, Caserta, Nola, Sessa Aurunca e Teano. Vescovi e sacerdoti della terra dei fuochi riuniti per la prima volta a riflettere, tutti insieme, sul dramma di questo territorio. L’occasione è il quinto anniversario dell’enciclica Laudato si’, ma l’incontro è solo un primo passo verso la giornata del 18 aprile, indetta dai vescovi della Campania assieme alla Cei per riflettere sull’importante documento di Papa Francesco.
Un evento al quale sono stati invitati anche i vescovi delle 70 diocesi (27 del Nord, 20 del Centro, 23 del Sud) interessate dai 57 Sin, i siti più inquinati. «Vogliamo metterci insieme – spiega il vescovo di Acerra, Antonio Di Donna – per dire che non esiste solo la ‘terra dei fuochi’ ma tante ‘terre dei fuochi’».
Una Chiesa che con questa prima giornata manda un preciso messaggio, come sottolinea nell’introduzione il biblista don Bartolomeo: «La custodia del Creato non può essere esclusa dalla nostra missione sacerdotale. Non possiamo darci pace se la terra continua ad essere calpestata, violentata, abbandonata». Per questo, è l’invito di Di Donna, «l’impegno della Chiesa deve essere di annuncio, denuncia e formazione delle coscienze. Qualcuno dice che così facciamo politica, ma bisogna schierarsi. Il silenzio non è la soluzione ». E non solo per tutelare la salute, come sottolinea il vescovo di Sessa Aurunca, Orazio Francesco Piazza: «Il tema è anche ambiente e economia. Molte aziende hanno cambiato residenza per evitare il marchio di ‘terra dei fuochi’, provocato anche dallo sciacallaggio di alcune regioni del Nord. Ma noi dobbiamo curare il rapporto tra ambiente e prodotti, perché la qualità del prodotto sia elemento distintivo».
________________________________________
Tra le proposte pratiche: un osservatorio interdiocesano dedicato ai temi ecologici, orti sociali per i poveri sui terreni bonificati
________________________________________
Tocca poi ai sacerdoti intervenire. E lo fanno in tanti. Don Valentino (Sessa Aurunca): «Serve una denuncia continua. Si sappia che c’è una Chiesa presente che cammina unita per essere più incisiva». Don Gianni ( Teano): «Dobbiamo abitare la protesta che viene dal basso, non solo predicazione ma fatti concreti ». Don Danilo (Nola): «Dietro c’è sicuramente la collusione con la camorra ma su questo siamo stati omertosi. Ora dobbiamo tenere il fiato addosso alla politica per realizzare le bonifiche. Se no tutto resterà lettera morta». Don Elia (Caserta): «Dobbiamo entrare nei problemi sociali. Serve un impegno quotidiano, non solo eventi». Don Guido (Aversa): «È occasione di dialogo interculturale e interreligioso. Valorizziamo la presenza degli immigrati, da loro apprendiamo la cura del Creato, della Madre Terra». Don Michelangelo (Sessa Aurunca): «Grave è l’assenza delle istituzioni, siamo sempre noi Chiesa a denunciare. I politici agli eventi sono sempre ai primi posti, ma poi cosa fanno? Non stanchiamoci di alzare la voce, e cerchiamo di convincere chi ha responsabilità». Don Stefano (Acerra): «Dobbiamo cominciare dalle piccole cose, l’attenzione per l’ambiente passa anche da noi. Però non è possibile che Acerra che fa il 70% di differenziata paghi per Napoli che non la fa». Don Antonio, parroco da decenni a Pineta mare, ricorda il degrado di Castel Volturno: «Rifiuti provenienti da territori circostanti ma anche lontani. Stanno avvelenando la nostra terra. È un’apocalisse. Ma non dobbiamo arrenderci, è una sfida che non possiamo perdere. La nostra voce deve essere forte per farci ascoltare».
E arrivano proposte concrete: un osservatorio interdiocesano sull’ambiente, orti sociali sui terreni bonificati da assegnare ai poveri, usare i beni della Chiesa per creare lavoro per i giovani, offrire borse di studio per laureati in materie ambientali. È l’invito che fa, concludendo l’incontro, il vescovo di Teano, Giacomo Cirulli: «Bisogna essere concreti. I problemi sono grandissimi e di fronte ai muri c’è il rischio di ricadere nella rassegnazione. Non dobbiamo far morire la voglia di intervenire, ma andare avanti, bloccare il disastro ma poi affrontare il problema con l’aiuto degli esperti». La Chiesa della ‘terra dei fuochi’ – è l’impegno comune finale – «è in cammino e non si fermerà».

1 Commento

  1. antonio ha detto:

    Serve una sostituzione, coatta, di tutta la classe amministrativa di quelle aree. Una PA costruita ruolo su ruolo, promozione su promozione, attraverso decenni di concorsi deviati, raccomandazioni e cooptazioni, fuori da ogni logica meritocratica, seguendo cioè logiche di occupazione e controllo completo sulle funzioni pubbliche, dove ogni pedina sa di dovere e deve, necessariamente e sistematicamente, restituire appalto dopo appalto, timbro su timbro, controllo ‘citofonato’ ed altre tecniche burocratiche, il privilegio ottenuto.

    Quando tecnici, dirigenti e funzionari autorizzano, fingono di non vedere distorsioni e abusi lampanti anche agli occhi di un turista straniero di passaggio o addirittura entrano nella spartizione della carcassa del popolo oppresso, partecipando all’orgia dello smembramento del bene comune accumulando per sé e pargoletti beni, fondi, appalti, immobili, contratti di consulenza e tanto altro… l’unica strada possibile è il licenziamento in tronco con contestuale arresto ed esproprio di ogni bene e salario percepito lungo tutto il percorso della propria ‘carriera’ criminale, dal giorno dell’assunzione a quello del licenziamento.

    Altre strade sono impercorribili e destinate a generare solo rumore, che si assorbe nel giro di 48 ore dallo spegnimento delle telecamere o di qualsiasi altra iniziativa.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi