Tutti al Quirinale per la repubblica. Ma la festa dura poco

da Il Manifesto

Tutti al Quirinale per la repubblica.

Ma la festa dura poco

Povera patria. Mattarella ammonisce la Lega: «Democrazia incompatibile con chi fomenta scontri». Settimana decisiva per il governo
Andrea Colombo
02.06.2019
Uno sceneggiatore navigato non avrebbe potuto fare di meglio. Per una serie di circostanze, in parte casuali, proprio alla vigilia della Festa della Repubblica la crisi della Repubblica si palesa non solo in tutta la sua profondità ma anche in tutta la sua estensione. Non sono più solo la politica e l’economia, fronti sui quali la crisi si è cronicizzata già da tempo immemorabile. Il quadro è devastato ovunque: dalla guerra a colpi di iscrizioni nel registro degli indagati che dilania le procure e lacera la magistratura, sin qui vista da molti come uno dei pochi punti di riferimento affidabili, alla clamorosa protesta dei generali in pensione, che oggi diserteranno la parata. Una mossa tanto forte che lo Stato maggiore della Difesa sente il bisogno di dissociarsi apertamente.
IN QUESTA SITUAZIONE il capo dello Stato sceglie la prudenza. Il messaggio che ha letto ieri sera è chiaramente rivolto a chi ha vinto le elezioni ed è senza dubbio severo: «Libertà e democrazia non sono compatibili con chi alimenta i conflitti, con chi punta a creare opposizioni dissennate tra le identità, con chi fomenta scontri». E’ un monito indirizzato alla Lega e al suo capo ma è anche la scelta di non accennare alla guerra senza esclusioni di colpi che ha fatto del governo e della maggioranza un campo di battaglia. Come sempre Mattarella si preoccupa del rispetto estremo delle forme e della correttezza istituzionale. Non sta a lui, per ora, mettere bocca nel rapporto tra i partiti della maggioranza. Non fino a quando resiste una possibilità che i soci contraggano un nuovo patto e provino ad andare avanti.
NON SIGNIFICA CHE Mattarella non sia preoccupatissimo e che non stia già considerando gli eventuali scenari ove la situazione precipitasse. La prossima settimana sarà decisiva ed è già ad altissimo rischio. «Il consiglio dei ministri si riunirà probabilmente venerdì mattina. Io vedrò Di Maio, ma non prima di giovedì», annuncia Salvini. Il leghista si presenta alla Festa del Colle con la fidanzata, Francesca Verdini, e scambia un saluto al volo con Di Maio: «Ci vediamo?», «Ma sì». E alla fine della Festa i vicepremier accettano persino di farsi immortalare insieme. Un po’ poco per parlare di disgelo ma con i chiari di luna di questa fase è già qualcosa.
Il capo della Lega vuole arrivare all’appuntamento cruciale del cdm dopo aver visto le carte degli avversari. Conte domani parlerà «al Paese». «Sentiremo cosa dice. Speriamo che il week end porti consiglio», commenta il leghista Garavaglia. Oltre a sperare il viceministro comunica anche cosa la Lega vuole sentirsi dire: «Se continuano i no meglio prenderne atto e andare al voto, anche perché sono le divisioni ad alimentare lo spread. In questo clima io ho anche pensato di lasciare». Servono «i sì alla Tav, all’autonomia e alla crescita». Non sarebbe male anche «una registrata» ad alcuni ministeri che «fanno meno bene di altri»: Infrastrutture, Ambiente, Difesa. Poco dopo, dal Quirinale, Salvini confermerà.
ANCHE SU QUESTO PIANO la Lega aspetta di vedere gli alleati alla prova. L’occasione non tarderà. Arriverà già martedì prossimo. Quando Garavaglia parla di «crescita» allude all’emendamentone leghista che, riscrivendo quasi in toto lo Sblocca cantieri, chiede la sospensione del Codice degli appalti per due anni. Messa sul tavolo senza avvertire né i 5S né Conte, la mossa, ideata da Salvini in persona, è al limite della provocazione e oltre. Venerdì pomeriggio i 5S riuniti in un clima da stato d’assedio hanno deciso di tenere duro e, quando martedì il dl inizierà a essere votato al Senato, di bocciare il colpo di mano. Senza una mediazione in extremis potrebbe essere il casus belli perfetto per Salvini.
Nella stessa settimana, mercoledì, arriverà la replica della commissione Ue alla lettera di risposta del governo italiano. Salvini ha già impostato la linea recuperando i toni dello scontro a uso propaganda interna: «Vedremo chi ha la testa più dura». Ma dopo il disastro della fuga di notizie sulla prima bozza della risposta di Tria, tutto è diventato ancora più difficile tra 5S e Lega: i primi sono convinti che a guidare Tria a loro danno sia Salvini, gli altri addebitano ai pentastellati la fuga di notizie ed è ancora Garavaglia a scagliare la pietra: «Non esiste che il Mef possa essere messo in discussione in questo modo». E domani Tria darà seguito a quanto anticipato da Conte, presentando una denuncia per «divulgazione di atti secretati e violazione di segreto d’ufficio».
ANCHE DALLE REAZIONI al primo verdetto di Bruxelles la Lega ricaverà elementi per decidere come comportarsi venerdì. Se si arriverà, come è possibile pur se niente affatto certo, alla rottura, allora sì che la palla passerà davvero a Mattarella. Farà di tutto, anche se secondo il suo stile, per non arrivare alle urne prima del prossimo anno.
***
Dal sito www.quirinale.it

Intervento

del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

in occasione del Concerto

in onore del Corpo Diplomatico

accreditato presso lo Stato Italiano

Palazzo del Quirinale, 01/06/2019
È per me un grande piacere rivolgere – insieme alle autorità della Repubblica presenti – il benvenuto e un saluto, pieno di amicizia, agli ambasciatori accreditati a Roma in questa occasione, la Festa della Repubblica italiana: vi ringrazio per aver accolto il nostro invito.
Il 2 giugno è la Festa degli Italiani, è il simbolo del ritrovamento della libertà e della democrazia da parte del nostro popolo. È un appuntamento che rinsalda da parte dei cittadini la loro adesione leale e il loro sostegno all’ordinamento repubblicano, nella sua articolazione, allo stesso tempo unitaria e rispettosa delle autonomie, sociali e territoriali.
Ringrazio il maestro Marco Angius e l’Orchestra Giovanile Italiana – il più giovane ha 18 anni, il meno giovane 27 – che, tra breve, ci offriranno uno splendido momento d’arte, che ascolteremo insieme a quanti ci seguono, attraverso la tv e la rete: a tutti loro, invio il saluto più cordiale.
Abbiamo appena celebrato in ventotto Paesi d’Europa un grande esercizio di democrazia: la elezione dei deputati al Parlamento Europeo, a conferma delle radici solide di una esperienza che stiamo, gradualmente, costruendo da ormai sessantadue anni. In realtà sessantotto dal momento dell’avvio del primo organismo comunitario, la Comunità del carbone e dell’acciaio.
L’Italia è stata guidata, in questo percorso, dalle indicazioni della sua Costituzione; dalla consapevolezza di una sempre più accentuata interdipendenza tra i popoli; dalla amara lezione dei sanguinosi conflitti del ventesimo secolo. Soltanto la via della collaborazione e del dialogo permette di superare i contrasti e di promuovere il mutuo interesse nella comunità internazionale.
La Repubblica italiana, con l’assunzione di responsabilità nel contesto globale, ha contribuito, per la sua parte, alla definizione di modelli multilaterali e di equilibri diretti a garantire universalmente pace, sviluppo, promozione dei diritti umani.
Anche per questo non possiamo sottovalutare le tensioni che si sono manifestate, e si manifestano, provocando conflitti e mettendo pesantemente a rischio la pace in tanti luoghi del mondo.
Va ricordato che – in ogni ambito – libertà e democrazia non sono compatibili con chi alimenta i conflitti, con chi punta a creare opposizioni dissennate fra le identità, con chi fomenta scontri, con la continua ricerca di un nemico da individuare, con chi limita il pluralismo.
I valori delle civiltà e delle culture di ogni popolo contrastano in modo radicale con quella deriva e fanno, invece, appello a salde fondamenta di umanità, per confidare nel progresso. Per quanto ci riguarda, in questo anno, cinquecentesimo dalla morte di Leonardo da Vinci, avvertiamo in modo ancor più esigente questa prospettiva.
Abbiamo bisogno di praticare attenzione e rispetto reciproco, nella libertà e nella legalità internazionale, per avanzare sulla strada del progresso, con il dinamismo che contrassegna il mondo contemporaneo in cui viviamo.
Con l’auspicio che la convivenza internazionale sappia far propria l’armonia che la musica sa esprimere.
Auguri per la Festa della Repubblica italiana!

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Con tutto il rispetto per l’autore dell’articolo, trovo a dir poco una forzatura definire alleati lega e cinquestelle. Del resto, mi sembra evidente che le due componenti che “sotto la tutela di Conte” gestiscono l’esecutivo, non si sono mai potute sopportare e continuano a farlo, e che la loro collaborazione (ammesso che esista) è solo frutto dello scellerato compromesso che hanno chiamato contratto di governo, utile a soddisafare la loro brama di potere. Anzi, si potrebbe dire che, a prescindere da qualche indispensabile accomodante dichiarazione di facciata ad uso della pubblica opinione, hanno fatto di tutto per rivendicare la propria autonomia (e le proprie divergenze), comportandosi tutt’al più come dei colleghi di lavoro costretti a collaborare, nonostante l’antipatia reciproca.
    L’unica persona tra le cariche istituzionali e l’apparato governativo che ha sempre avuto il senso della misura e che, con l’educazione che lo contraddistingue, ha sempre fatto intendere di voler perseguire ciò che ritiene legittimo ed essenziale per la salvaguardia della repubblica è il presidente Mattarella. E meno male che, in un periodo tanto caotico e urlato, almeno lui si sia dimostrato in grado di mantenere una lucidità invidiabile e la capacità di mantenersi al di sopra di ogni pregiudizio.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi