La guerra contro Riace

da Comune-info.net
2 ottobre 2018

La guerra contro Riace

Roberta Ferruti 
C’è un comune noto in tutto il mondo per l’accoglienza diffusa dei migranti tra le case del borgo, un paese destinato a morire rinato con le sue botteghe di nuovo abitate, i consigli comunali in piazza, ma anche con i sentieri attrezzati e le fattorie didattiche al posto delle discariche. Nello stesso territorio, la provincia di Reggio Calabria, terra di passaggio e di mescolanze culturali da sempre e da sempre terra di migrazioni, c’è un altro comune conosciuto invece per la  tendopoli allestita dal Ministero dell’Interno con recinzione e pass, una distesa sterminata di vecchie tende e baracche senza servizi igienici, acqua potabile ed elettricità ma con tanto di numero civico: un non-luogo destinato ad “accogliere” migliaia di migranti sfruttati nelle campagne della ‘Ndrangheta, dove lo scorso inverno duecento baracche hanno preso fuoco e una donna, Beckie Moses è morta arsa viva. Il primo comune è Riace, l’altro San Ferdinando. Nella piazzetta di Riace, in cui il sindaco Mimmo Lucano negli ultimi mesi ha incontrato migliaia di persone provenienti da tutta Italia per sostenere la straordinaria storia di accoglienza del borgo, ha spesso ripetuto che “non esiste legalità senza giustizia”. Abbiamo ricevuto questo reportage dalla Calabria qualche giorno fa, lo pubblichiamo nel giorno in cui Mimmo Lucano, definito dal ministro dell’Interno “uno zero”, è stato arrestato per un’inchiesta della procura di Locri Provincia di Reggio Calabria. La punta dello Stivale che da Villa San Giovanni sale su per i due mari, lo Jonio e il Tirreno. Terra di passaggio e di mescolanze culturali da sempre e da sempre terra di migrazioni. Riace è negli ultimi metri di confine orientale, più vicina a Catanzaro che a Reggio, sullo Jonio. San Ferdinando è invece un paese della piana di Gioia Tauro, sul Tirreno nel margine occidentale… La statale 682 le collega in un’ora. In mezzo l’Aspromonte che traccia una demarcazione netta tra questi due mondi amministrati dalla stessa Prefettura. Salgo da Gioiosa lasciandomi alle spalle Riace e la sua storia di accoglienza diffusa, tra le case del borgo, bimbi che giocano per le strade, migranti e riacesi a braccetto. Nonostante oltre due anni di blocco dei finanziamenti originati da ben quattro ispezioni della Prefettura, due a favore e due contrarie,  Riace resiste. Il suo sindaco, Domenico Lucano, trova ancora il tempo di emozionarsi di fronte alla gioia dei bambini e si fa coraggio, soprattutto per loro.
Ha sacrificato gli ultimi venti anni di vita per realizzare un sogno di uguaglianza sociale, per dimostrare che la giustizia sociale non solo è un dovere ma soprattutto una necessità per superare le insidie di una società basata esclusivamente sulle regole del mercato. “Gli esseri umani non sono merce – ripete – chi siamo noi per impedire ad un essere umano di vivere libero, fuori dalle guerre e dalla miseria?”. E così a Riace negli anni sono arrivati in tanti, uomini, donne e bambini in fuga, e non si è badato se inseriti o meno nei circuiti ufficiali, se avessero o meno completato l’iter burocratico per i richiedenti asilo…. Per Lucano era umanità in cerca di aiuto, punto.
Solo nel 2017 ci sono stati oltre 150 migranti a Riace fuori dallo Sprar e dai Cas che hanno trovato un rifugio dignitoso tra le casette del borgo. Anche Beckie Moses, di cui abbiamo già raccontato il dramma, era tra questi. Era possibile soccorrere tutti con i 35 euro che venivano inviati per i migranti in regola. In Calabria ripetono spesso che “dove si mangia in 3 si mangia pure in 4” e così è stato, da sempre. Fino a quando la storia di questo piccolo paese è balzata agli occhi del mondo intero grazie, o a causa, della rivista Fortune, nota testata statunitense che nel marzo 2016 ha inserito Domenico Lucano tra i cinquanta uomini più influenti del pianeta.
Qualcuno si è accorto che questo paesino nella Locride stava facendo qualcosa di importante, rivoluzionario: stava dimostrando al mondo intero che l’immigrazione non solo è inevitabile ma anche auspicabile perché crea benessere diffuso, posti di lavoro e ripopola i borghi semi abbandonati. Riace nel 1998, anno del primo sbarco dei Curdi, era un paese destinato a morire, senza giovani né speranze. Oggi conta oltre 1.600 abitanti. Prima del blocco dei finanziamenti, erano state assunte oltre ottanta persone, si erano avviate molte attività commerciali e si erano realizzate numerose opere pubbliche. Al posto delle discariche oggi ci sono parchi giochi, sentieri attrezzati, una fattoria didattica.
Pochi mesi dopo la nomina di Fortune, a giugno 2016, inizia il calvario. Da allora sono iniziate ispezioni, bliz della Guardia di Finanza, contro ispezioni e una serie di ingiurie, sempre anonime, contro l’operato di Lucano. Il nuovo Prefetto, Michele di Bari, inseritosi a fine agosto 2016, sembra essere determinato a rendere la vita difficile a questo paese e di mezzi ne ha, eccome. Fioccano avvisi di garanzia per abuso di ufficio e appropriazione indebita a seguito di estenuanti indagini della Procura di Locri che sappiamo non porteranno a nulla ma intanto il tempo passa. La fiction girata nel 2017 Tutto il mondo è paese e co-prodotta dalla Rai, resta nel cassetto. Non andrà in onda per ora nonostante sia costata ben 150 mila euro al giorno per oltre un mese di lavorazione. È evidente però che una storia come questa è controtendenza, rispetto al messaggio xenofobo che si vuole mandare.
“Fortune non ha portato fortuna a Riace” penso, mentre pian piano mi avvicino al Tirreno, verso Rosarno, e nonostante il gioco di parole non mi viene da ridere. San Ferdinando arriva improvvisamente dopo chilometri tra il nulla e filari di oleandri. Da una parte, la nuova tendopoli allestita dal Ministero dell’Interno con tanto di recinzione e pass, dall’altra una distesa sterminata di vecchie tende e baracche. Senza servizi igienici. “C’erano un tempo” mi dice Ali, 32enne del Gambia da qualche tempo residente lì, in una delle baracche con tanto di numero civico. Non c’è elettricità e l’acqua, che arriva solo poche ore al giorno, non è potabile. Niente fognature ovviamente, né tanto meno raccolta differenziata. Senza alberi intorno, San Ferdinando sembra un girone infernale che ti stronca subito, appena scendi dall’auto. L’odore è nauseabondo, la sporcizia ovunque. Qui vi risiedono mediamente 2.000 immigrati, alcuni regolari che sperano di fare “il salto di qualità” e passare alla tendopoli nuova dove almeno ci sono i bagni, e molti imboscati, persone senza identità che aspettano la stagione degli agrumi per farsi sfruttare dalla ‘Ndrangheta. Peppino Lavorato, ex sindaco comunista di Rosarno e figura storica della resistenza anti mafiosa nella piana di Gioia Tauro, racconta di quanti ragazzi di origine africana senza nome già negli anni Novanta sono scomparsi nel nulla, seppelliti nelle campagne o buttati a mare solo per essersi ribellati allo sfruttamento. Ecco, San Ferdinando è tutto questo.
La decorosa dignità con cui gli ospiti vivono i loro ambienti cozza con quello che in realtà è: una vergognosa banca di carne da macello a disposizione dei caporali ndranghetisti. La polizia vigila che resti tutto così, che nessuno protesti e che tutto si mantenga senza complicazioni. Una distesa di uomini e donne a disposizione, a basso, anzi bassissimo costo e senza rischi. “Anche lo stato e l’amministrazione comunale sono complici di questa infamia: il comune rilascia tranquillamente la residenza purché si comunichi il numero civico della baracca che si sceglie come domicilio” incalza Alì. Alcuni migranti se la sono costruita da soli e anche se non ci sono, ne restano i “proprietari”, altri occupano “residenze” abbandonate, il turn over è continuo e dipende dalle stagioni agricole. In estate molti si spostano verso Foggia a farsi sfruttare dalla Sacra Corona Unita per la raccolta dei pomodori. Le donne fantasmi nascosti a dormire durante il giorno, appaiono solo dopo le diciotto prima di affrontare un’altra notte sui marciapiedi. Se si supera l’impatto iniziale, pian piano la visione prende forma, l’obiettivo oculare si posiziona su immagini nitide e appare il bar, lo spaccio, il suck.
La massa indefinita di baracche si configura in una piccola comunità dove ci si arrangia come si può. C’è persino il meccanico di biciclette all’interno della tendopoli di San Ferdinando. Nonostante il razionamento dell’acqua, le persone sono pulite, i loro ambienti hanno una logica tra la follia di questo posto. La loro composta dignità viene da tradizioni antiche e sanno perciò cavarsela in quell’inferno. Nell’agosto 2017 viene inaugurata la nuova tendopoli, “munita di ogni comfort” “per facilitare il soggiorno dei lavoratori stagionali” dichiareranno con candore le testate locali dopo la conferenza stampa del Prefetto. In pratica un campo di concentramento per schiavi neri sfruttati dai caporali con i soldi del Ministero dell’Interno, il cui logo appare ovunque. Si disse anche che contestualmente si sarebbe provveduto allo smantellamento della vecchia baraccopoli ma, sarà forse un dettaglio irrilevante, è ancora lì. Le pantere della polizia e della Guardia di Finanza pattugliano la zona. Il Prefetto Di Bari è passato di recente con Salvini e molti hanno notato gli sguardi ammiccanti tra i due, quando Salvini chiedeva ai migranti che mestiere facessero. Tutto normale lì. Non c’è bisogno di fare un’inchiesta, di mandare degli ispettori a verificare le condizioni di questa maledetta baraccopoli dove lo scorso inverno duecento baracche hanno preso fuoco e una donna, Beckie Moses è morta arsa viva. Destino vuole che Beckie venisse da Riace dove era vissuta per due anni da donna libera, probabilmente gli unici suoi anni da persona normale, colpevole solo di essere voluta sfuggire ad un destino di prostituzione segnato dalla mafia nigeriana. A Riace Beckie era serena e a Riace voleva rimanere.
C’è un detto africano che recita più o meno così: “l’unica cosa certa è il luogo dove si è nati e la nostra casa è il luogo dove stiamo bene”. Beckie lo diceva a tutti che stava a casa, a Riace. Il blocco dei finanziamenti da parte della Prefettura di Reggio ha costretto Lucano, suo malgrado, a chiudere i CAS (centri di accoglienza straordinari) nel dicembre 2017 e Beckie, insieme a numerosi altri, è dovuta partire. La sua destinazione finale è stata San Ferdinando dove, forse per pudore, si faceva chiamare Amina. Non era più Beckie e non lo sarà stata mai più. Le sue spoglie hanno trovato pace soltanto a maggio, quando il sindaco di Riace si è offerto di pagare il funerale, dato che nessuno voleva prendersi questa costosa incombenza. Per cosa poi? Una prostituta nera? Sulla sua lapide c’è però il suo nome, quello con cui si faceva chiamare qui: Beckie Moses. Questa morte si poteva evitare se Riace fosse stata in grado di continuare a lavorare. A San Ferdinando la ricordano tutti, Amina. Sulle ceneri della sua baracca ora ne sorge un’altra e molte altre ancora stanno prendendo forma. Non sembra un campo profughi in dismissione, anzi. Le tende logore con la scritta MINISTERO DEGLI INTERNI sono ovunque, tra le baracche di plastica e lamiera. “Le procedure per avere il permesso di soggiorno richiedono circa sei, sette mesi” continua Alì “e dopo due anni si ricomincia da capo con la procedura di identificazione. Ogni giovedì bisogna andare a Gioia Tauro per il controllo delle impronte digitali”. Questo per i così detti “regolari”. Gli altri, i senza nome, i “diniegati” semplicemente non esistono. “Non abbiamo assistenza sanitaria, acqua potabile, servizi igienici. Ogni cosa se si vuole si deve pagare”. C’è voluta un’altra morte assurda perché si riparlasse di San Ferdinando, perché il presidente della Camera Fico, imbarazzatissimo, venisse a vedere.
Soumayla Sacko, sindacalista USB maliano, è stato ucciso nelle vicinanze mentre raccoglieva lamiere in una fabbrica dismessa. Insieme a lui altri due, feriti di striscio dai pallettoni sparati dal fucile di un bianco, Antonio Pontoriero, arrestato pochi giorni dopo dal pm Ciro Lotoro. Un assassinio sfrontato da Far West. I tre uomini stavano cercando materiale per costruire l’ennesima capanna a San Ferdinando. Il dolore e lo sgomento dei braccianti presenti a San Ferdinando si è trasformato in una rivolta e in moltissimi hanno sfilato sino al Comune a chiedere giustizia e dignità. L’opinione pubblica ha visto sui canali nazionali la baraccopoli e ha avuto notizia delle numerose manifestazioni che si sono susseguite. “Cambiare tutto perché tutto resti uguale”, parafrasando il principe di Salina, e così dopo i riflettori ora tutto è tornato come prima. Oggi però i migranti vogliono parlare e raccontare le loro storie. Più di prima conoscono i loro diritti e i nostri doveri e si stanno organizzando. Se qualcosa cambierà a San Ferdinando sarà solo per merito loro, non certo per i provvedimento del governo. Quando Lucano dice che “non esiste legalità senza giustizia” intende proprio questo, e la sua disobbedienza civile dalla parte degli ultimi è un’isola nel mare di qualunquismo in cui viviamo.

 

2 Commenti

  1. lanfranco consonni ha detto:

    Anche questo articolo è interessante
    https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/guai-a-chi-confonde

  2. Giuseppe ha detto:

    L’epurazione è cominciata, anzi è a buon punto. I diktat di un ministro dell’Interno ex (?) anti italiano e secessionista per vocazione, stanno dando i loro frutti. La dottrina di Monroe (l’America agli americani) rivista e corretta dal tuttologo Matteo Salvini in funzione anti Unione Europea e soprattutto anti immigrati ha già fatto alcune vittime “eccellenti”. E chi sono, di grazia, queste vittime tanto pericolose da essere additate al pubblico ludibrio? Associazioni mafiose? Bande di criminali che seminano il terrore ovunque? Oppure organizzazioni simili? Nossignore, si tratta di operatori sociali, di persone dedite all’accoglienza e di amministratori locali avveduti e ricchi di umanità! Non so se nell’attuale ambiente governativo ci siano dei medici, ma la precisa chirurgica, degna del famigerato dottor Mengele, con cui l’esecutivo sta gettando fango e/o smantellando istituzioni ed operatori di pace e di fratellanza “non graditi” mi fa pensare di si.
    I primi “criminali” ad essere presi di petto, e colti in flagranza di reato, sono state le Ong che ostinatamente e reiteratamente accoglievano sulle loro imbarcazioni la massa dei disperati fuggiti dai loro paesi d’origine per sopravvivere a carestie, guerre, persecuzioni e alle condizioni di estrema indigenza in cui erano costretti a tirare avanti. Improvvisamente venivano assimilati agli scafisti, che da bravi sciacalli lucrano sul fenomeno delle migrazioni, e la loro opera umanitaria era diventata un affronto all’ordine costituito e alle direttive del governo. Successivamente era toccato a don Biancalani, il prete di Vicofaro (PT) che aveva creato un centro d’accoglienza per immigrati provvedendo ai loro bisogni e al loro svago (suscitando così l’ira di Salvini e dei militanti di Casapound) a cui sono stati messi i sigilli per motivi di sicurezza, dopo un “provvidenziale” sopralluogo delle forze dell’ordine. E adesso, dulcis in fundo, almeno per il momento, ecco il sindaco di Riace, agli arresti domiciliari per aver dato vita ad un oasi di convivenza pacifica, di ospitalità e solidarietà, ripopolando un borgo abbandonato e riuscendo in poco tempo a renderlo produttivo. Oltretutto conosciuto in tutto il mondo come simbolo di accoglienza ed emancipazione e su cui da tempo è stato girato anche un telefilm prodotto dalla Rai, che “stranamente” non è mai stato trasmesso.
    Mi chiedo ci sarà il prossimo …

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi