L’eredità di Lea Garofalo: liberi di lasciare mafia e ‘ndrangheta

da AVVENIRE
30 novembre 2019
Familiari dei boss.

L’eredità di Lea Garofalo:

liberi di lasciare mafia e ‘ndrangheta

Antonio Maria Mira
Funziona il programma “Liberi di scegliere”: compagne e figli dei malavitosi possono essere aiutati a prendere le distanze dai clan e cominciare una nuova vita. Già 30 donne e 70 minori coinvolti
Dieci anni fa, il 24 novembre 2009, moriva a Milano Lea Garofalo, testimone di giustizia, uccisa dal suo ex compagno, Carlo Cosco, boss ’ndranghetista di Petilia Policastro. E poi bruciata per annientare la sua vita e la sua scelta. Una storia di coraggio e di ricerca di libertà, una donna e madre calabrese che decise di rompere le regole di omertà e di una distorta concezione della famiglia, pilastri della cultura della ’ndrangheta. Una scelta per amore di sua figlia Denise. Ma pagata con la morte.
«Fu una sconfitta di tutti – ammette don Luigi Ciotti, presidente di Libera –. Lea sapeva di essere in pericolo. Non potrò mai dimenticare quel giorno a Firenze: alla fine di un convegno fui avvicinato da una donna che mi chiese aiuto per sé e la figlia: era Lea. Non voleva che la ‘ndrangheta rubasse a sua figlia la vita come l’aveva rubata a lei. Era una donna angosciata e sola. Lo Stato poteva e doveva fare di più». Non una morte invano. Oggi sono una trentina le donne che hanno deciso di lasciare l’ambiente mafioso per salvare se stesse e soprattutto i figli. Altre hanno intrapreso il percorso. E sono 70 i minori allontanati dalle proprie famiglie ’ndranghetiste, spesso su richiesta delle madri, o assieme a loro. Non mancano interi nuclei familiari. E anche alcuni padri in carcere al 41bis cominciano a chiedere di salvare il figli da un destino mafioso. Un percorso di cambiamento frutto dell’intuizione e dell’impegno del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, assieme a Libera. È il protocollo ‘Liberi di scegliere’, nato col sostegno economico della Cei e che dal 5 novembre vede schierarsi anche i ministeri dell’Istruzione, della Giustizia e delle Pari Opportunità, e la Procura Nazionale Antimafia.
Tutto questo allora non c’era. «Quella situazione poteva essere evitata – commenta amaramente il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho –. Oggi non sarebbe avvenuto. Da alcuni anni c’è un’attenzione altissima per coloro che decidono di allontanarsi da contesti mafiosi, portando con sé i figli. Laddove ci sono state delle dichiarazioni, indipendentemente dalla rilevanza e dall’utilizzazione che esse hanno avuto, l’esposizione al rischio è tale da richiedere comunque una vigilanza. Quando Lea Garofalo era costretta a spostarsi ripetutamente perché si sentiva quasi raggiunta dai mafiosi, nessuno è intervenuto per proteggerla. Oggi a Reggio Calabria abbiamo tanti testimoni o dichiaranti che sono restati sul territorio perché lo Stato è in grado di garantirne la sicurezza, anche in mancanza dell’inserimento in un programma per testimoni di giustizia». Ma soprattutto ora «c’è una rete di protezione sociale molto importante che è stata cristallizzata in protocolli – sottolinea Roberto Di Bella, presidente del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, il ‘padre’ di queste iniziative –. Ci fosse stata allora non avremmo avuto quel drammatico esito. Ora ci sono gli strumenti economici, organizzativi, psicologici per poter sostenere queste donne». Decisioni dure, spesso drammatiche. Ma di grandissima importanza. «Sono donne infelici – le descrive don Ciotti che ne ha incontrate e seguite molte –, che dicono basta a una vita d’inferno, il più delle volte trascorsa tra un carcere e l’altro, dove si recano a visitare i mariti e poi, spesso, i figli. Una vita schiacciata dalla paura, soggetta al costante rischio di ritorsioni e vendette. E dalla quale decidono di affrancarsi quando, vedendo i propri bambini giocare e sorridere, si ribellano all’idea che un giorno anche loro saranno prigionieri di un mondo disumano».
Scelte che, secondo Di Bella, nascono «perché finalmente queste donne entrano in contatto con la loro sofferenza che con la nostra attività abbiamo messo in luce». Scelte che colpiscono a fondo le mafie perché «se una donna sta male e decide di andare via per liberare se stessa e i suoi figli, dà un colpo importante alla credibilità del sistema criminale».
Ma chi sono queste donne? È sempre il presidente del Tribunale a raccontarcelo: «Alcune sono ‘vedove bianche’, donne che hanno i mariti all’ergastolo, sono ancora giovani, hanno figli piccoli, e sono chiuse nella famiglia di appartenenza, perché non possono avere altre relazioni, neanche amicali. Vengono da noi per coltivare la speranza di riscatto». E vanno sostenute poiché, conferma il procuratore, «contribuiscono a rompere la forza delle mafie, quella tradizione di rigidità e di chiusura. Le mafie a lungo sono state un fortino da cui non poteva uscire nessuno. Queste donne ora vivono meglio, da persone libere, non sono costrette a temere ogni giorno la reazione degli altri gruppi mafiosi o l’arresto. Sono il sintomo di una debolezza delle mafie e il simbolo della libertà».
Tutto questo è finora il frutto alleanze tra magistratura e volontariato. Ma parziali. L’ultimo protocollo ha, infatti, la durata solo di tre anni. E allora dai protagonisti viene un appello. «Potremmo avere risultati ancora più importanti – avverte Di Bella – se questo protocollo diventasse legge dello Stato, con una continuità giuridica, sociale, economica». È ‘la ‘terza via’, ripete spesso don Ciotti, «perché la loro condizione non rientra negli attuali parametri di legge. Queste donne sono spesso giovani e non hanno commesso reati né hanno conoscenza diretta di reati da riferire alle autorità, quindi senza i requisiti del testimone o collaboratore di giustizia».
Occorre, dunque, «una normativa che consenta il cambio di generalità, borse di studio per permettere ai figli di ricevere un’educazione improntata ai valori della democrazia e della giustizia e, per le madri, corsi di formazione professionale in vista di un lavoro che sopperisca alla mancanza di risorse economiche e permette una piena integrazione nella nuova realtà».
Su questo è d’accordo anche Cafiero de Raho. «Stiamo facendo una valutazione molto profonda coi magistrati che si occupano di queste vicende e con don Ciotti, perché bisogna individuare una disciplina per impedire gli aggiramenti. Attualmente le persone che scelgono di allontanarsi sono in contatto con un circuito che può assicurarne il futuro reinserimento. Bisognerebbe individuare il modello attraverso il quale, con una legge, si possa utilizzare il medesimo metodo e quindi evitare che qualcuno possa inquinare questo circuito positivo». Anche perché, insiste don Ciotti, «queste donne coraggiose rivelano che qualcosa non funziona più nella cinghia di trasmissione del modello culturale mafioso».
Le donne hanno aperto la strada. Anche per i loro compagni. Una novità che ci racconta Di Bella. «Ho interlocuzioni con detenuti al 41bis. Non tutti sono irriducibili. Mi scrivono e mi incoraggiano a proseguire sulla strada che ho intrapreso per i loro figli. Qualcuno mi ha detto ‘avessi avuto io venti anni fa l’opportunità che lei ora sta offrendo, forse non mi troverei in carcere’. Un detenuto dopo 23 anni di carcere è venuto in Tribunale e mi ha detto: ‘Mi aiuti, ho sprecato metà della mia vita lontano dai miei figli, voglio ricongiungermi con la famiglia, con mia moglie, sono stanco di questo tipo di vita’. Lo abbiamo aiutato, se ne sta occupando Libera nel progetto ‘Liberi di scegliere’. Mi ha detto: ‘Vedrà che dopo di me ce ne saranno anche altri perché c’è una grande sofferenza’».
Davvero, come riflette don Luigi, «Lea è stata e continuerà ad essere un punto di riferimento. La prova che quel sentimento di ribellione non è un’anomalia, che altre donne e altri uomini possono trasformarlo in azione, in progetto».

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi