Omelie 2019 di don Giorgio: ULTIMA DOPO L’EPIFANIA

3 marzo 2019: ULTIMA DOPO L’EPIFANIA
Sir 18,11-14; 2Cor 2,5-11; Lc 19,1-10
detta “del perdono”
Perdono e conversione
Domenica scorsa, detta “della divina clemenza”, avevo evidenziato la differenza tra clemenza e misericordia. Oggi, ultima dopo l’Epifania, detta “del perdono”, vorrei mettere a confronto il perdono con la conversione.
Del perdono si parla nel primo e nel secondo brano della Messa, mentre nel terzo si parla di conversione (racconto di Zaccheo).
Perdono
Certo, nella conversione è presente il perdono di Dio, ma a questo punto si pone la domanda: che cos’è il perdono?
Nel medioevo, il termine latino classico “condono”, sostituendo il prefisso “con” con il prefisso “per”, si è trasformato in “perdono”. Quindi, il perdono sarebbe una specie di condono, di amnistia, di grazia. Adesso possiamo capire il significato del verbo perdonare nel sacramento della confessione: ai penitenti vengono condonati, ovvero rimessi i peccati, con l’assoluzione del sacerdote che agisce in nome della Chiesa.
Ma se prendiamo un qualsiasi dizionario, troveremo che perdonare significa: “non tenere in considerazione il male ricevuto da altri, rinunciando a propositi di vendetta, alla punizione, a qualsiasi possibile rivalsa, e annullando in sé ogni risentimento verso l’autore dell’offesa o del danno”.
Come vedete, la parola perdono può assumere significati diversi, in rapporto a Dio o in rapporto alle nostre relazioni sociali.
Ma si pone una domanda: perdonare da parte di Dio sarebbe come fare tabula rasa dei nostri peccati? dimenticare tutto ciò che è successo nel passato? Basta un pentimento, ed ecco tutto parte da zero, tutto riprende vita, tutto ex novo? È proprio così? In fondo, non è questo che ci ha insegna la Chiesa con il sacramento della confessione, senza parlare poi delle cosiddette indulgenze?
Ogni peccato è una ferita che si procura in noi e nel tessuto sociale. Certo, una ferita si può medicare, e la grazia di Dio è come una medicina straordinaria.
Ma credo che le cose non siano così semplici come si vorrebbe far credere.
E questo succede anche nelle nostre relazioni sociali. Che succede quando uno mi ha procurato del male? Basta che lui mi chieda perdono? Se mi ha ucciso un figlio, il figlio potrebbe risuscitare con il perdono del carnefice?
Certo, siamo tutti d’accordo che il male non va riparato con la violenza o con la vendetta. Ma neppure il male viene riparato semplicemente perdonando o con un semplice: “scusa, ho sbagliato, ti chiedo perdono!”.
Ammiro chi sa perdonare, ma capisco chi non sa perdonare.
Conversione
Passiamo al tema della conversione, che apre un orizzonte più ampio e più completo.
Nel Vangelo ci sono diversi episodi di conversione. Pensate alla samaritana, al cieco nato, a Matteo il pubblicano e a Zaccheo.
Fin dall’inizio del suo ministero, Gesù invita alla conversione: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo” (Mc 1,15).
Che significa conversione?
Anche qui attenzione alle parole usate.
In latino “conversio”,  da cui l’italiano “conversione”, significa “volgersi verso qualcuno o qualche cosa”, “cambiare direzione” o “strada”. Dunque, suggerisce l’immagine di una persona che, accorgendosi di camminare su una strada sbagliata, decide di tornare sui suoi passi e di incamminarsi in una direzione diversa.
Nell’Antico Testamento il concetto di conversione è direttamente collegato al termine ebraico shûb, il dodicesimo verbo più usato nella Bibbia ebraica che significa “volgersi, tornare, ritornare”. Nel Nuovo Testamento i due termini principali connessi a questo concetto sono ἐπιστροφή, epistophé (da ἐπιστρέφω, epistrépho, “rivolgo”) e μετάνοια (dal verbo μετανοέω, “cambio mentalità”, composto di μετα-, “al di là”, “oltre”, e di νοέω, “intendo”, “penso”).
Metànoia
Tra i due significati, “cambiare direzione o strada” (il latino “conversio”) e “cambiare mentalità” (il greco “metànoia”), da preferire è il secondo termine. Del resto, nel brano sopra citato Marco usa il verbo “metanoèo”.
Mi chiedo: come si può cambiare strada, come si può tornare sulla strada giusta, se prima non cambio mentalità, ovvero il mio modo di pensare?
Prima dell’agire, c’è il pensare. Il mio agire dipende dal mio pensare.
Certo, può anche succedere che si agisca senza nemmeno pensare. Sembra che l’uomo d’oggi non abbia più la testa: agisce dietro i propri istinti, ragiona con la pancia. Il popolo bue, caratteristica del popolo italiano, ha perso il pensiero, non ha la testa per pensare.
Provate a ragionare con uno che non ha più la testa per pensare: sarebbe tempo perso, fiato sciupato. Non vi ascolterebbe. E come può, se non ha la testa? Ecco perché il populismo ha buon gioco, ha il consenso quasi generale.
Carlo Maria Martini che cosa aveva detto, rispondendo alla domanda: Come dividerebbe gli esseri umani? Il mondo si divide tra pensanti e non pensanti. Dunque, non si divide tra credenti non credenti. Ci sono anche credenti che non pensano e ci sono non credenti che pensano.
La vera sfida attuale sta nel far ragionare la gente, nell’educare al grande pensiero. Fra cento anni il popolo sarà ancora vittima di qualche populista del ventre, se oggi non facciamo una seria educazione al pensiero.
Cristo ha detto: cambiate mentalità, cambiate il vostro modo di pensare. Forse non si immaginava che ci sarebbe stato un momento storico in cui la gente avrebbe perso la testa.
Non vi siete mai chiesto il motivo per cui si usava la ghigliottina per punire i dissidenti? Proprio per punirli nella loro testa! E la Chiesa, oltre alle persone, bruciava i libri dei pensanti, come se, bruciando i loro testi, scomparisse anche il pensiero.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi