Omelie 2020 di don Giorgio: QUARTA DI PASQUA

3 maggio 2020: QUARTA DI PASQUA
At 6,1-7; Rm 10,11-15; Gv 10,11-18
Quando leggiamo i Vangeli, siamo abituati a estrapolare i brani dal loro contesto, e farne anche quadretti idilliaci, pensate al brano di oggi, quando Gesù dice: “Io sono il buon pastore…” (una immagine tra l’altro un po’ fuori moda, oggi, visto che quando vediamo un pastore con le pecore ci sembra una cosa del tutto strana, e magari ce la prendiamo quando il gregge occupa la strada e ci impedisce di andare in fretta al supermercato), oppure siamo abituati a enfatizzare i contrasti già presenti tra i primi cristiani, per dire che anche allora non erano tutti santi, pensate al primo brano tolto dal libro “Atti degli apostoli”.
Ogni pagina, ogni evento, ogni parabola andrebbe inquadrata nel suo contesto. Certo, ciò richiederebbe tempo, e il tempo ristretto di un’omelia non ce lo permette, per cui noi preti diciamo qualcosa che non sempre rispetta il senso più profondo del brano.
Primo brano
Partiamo dal primo brano, che è un piccolo spaccato della vita dei primi cristiani. Qui bisognerebbe ricordare come erano composte le prime comunità cristiane. In sintesi. C’erano cristiani provenienti dal mondo ebraico, e cristiani provenienti dal mondo pagano, Già dire mondo pagano fa pensare a un mondo di diverse culture e provenienze. Non dimentichiamo che tra i pagani c’erano i “proseliti”, ovvero pagani che si convertivano in tutto all’ebraismo, oppure erano solo simpatizzanti. Ma anche tra gli ebrei non c’era una rigida omogeneità: pensate agli “ellenisti”, quelli della “diaspora”, che abitavano fuori della Palestina, perciò a contatto con la cultura greca e parlavano in greco, erano molto più aperti degli ebrei che vivevano in Palestina.
Adesso potete immaginare come erano composte le prime comunità cristiane: un miscuglio di diverse razze e di diverse religioni, un intreccio talora caotico e apparentemente inaccettabile e irrisolvibile, e ciò creava tensioni di connivenza, ma soprattutto perché gli ex ebrei volevano almeno inizialmente imporre le loro tradizioni, tra cui la circoncisione, e le loro idee su ciò che fin dall’antichità era ritenuto puro e ciò che era ritenuto impuro. Gli stessi pagani e i loro ambienti erano ritenuti impuri. Perché meravigliarsi di tutto questo, quando ancora oggi siamo sempre al solito punto di un concetto di razza ritenuta pura o impura secondo pregiudizi ideologici o politici da aver scatenato guerre e violenze di ogni tipo. Non siamo ancora qui a voler chiudere i porti agli immigrati, e perché?
E così era successo subito fin dal primo cristianesimo che ci fossero contrasti anche su aspetti diciamo elementari, come assistere le vedove in difficoltà, dando la precedenza a quelle provenienti dal mondo ebraico. E dal male venne un bene: l’istituzione del diaconato, ovvero di un gruppetto di persone, inizialmente sette, i cui nomi rivelano una origine greca, in ogni caso “di buona reputazione, pieni di Spirito santo e di saggezza”, i quali avevano l’incarico di assistere i più poveri togliendo così questo compito anche impegnativo agli apostoli, i quali erano più liberi di dedicarsi alla preghiera e al ministero della Parola.
Riflessioni personali
Qualche riflessione personale la vorrei fare.
A parte l’accenno che ho già fatto ai nostri tempi, in cui è sotto gli occhi di tutti ciò che io chiamo l’ideologia della razza pura, che in parole più semplici si chiama anche razzismo, di cui stiamo pagando ancora le conseguenze deleterie della politica salviniana. Sono passati duemila anni, e sembra che di cristianesimo siano rimasti solo dei rottami su cui qualche privilegiato vorrebbe sedersi e andare in paradiso. Sogno un’Umanità senza più frontiere, senza più barriere, senza più razze. Sogno un mondo che va al di là della stessa Europa, della stessa religione, della stessa Chiesa: un mondo che ingloba ogni essere umano.
Ma c’è un’altra riflessione. Se la Chiesa può aver superato il concetto della razza pura o delle frontiere (non per nulla si chiama “cattolica”, ovvero universale), ciò che ha sempre rappresentato un handicap per ogni religione, e anche per la Chiesa cattolica, è la libertà di pensiero. Qui la Chiesa si è sempre trovata in grave difficoltà, e ha dovuto, tramite i suoi uomini peggiori, per non dire criminali, intervenire con la violenza, con torture e condanne. La Chiesa non ha ancora capito che gli spiriti liberi sono una grande irrinunciabile risorsa, ma si affida alle sue ortodossie irrigidite e protette con dogmi, da cui esce un dio altrettanto irrigidito e dogmatizzato. L’unica via di salvezza per la Chiesa è la grande Mistica, ma non sembra che voglia togliere quel sigillo con cui l’ha imbavagliata.
“Io sono il buon pastore”
Anche il brano del Vangelo andrebbe letto nel suo contesto, che è di dura contrapposizione. Commenta don Angelo Casati: «Le parole di Gesù seguono immediatamente la polemica scoppiata intorno al caso del cieco nato, guarito di sabato. A quel gruppo di dirigenti giudei Gesù ha appena finito di lanciare un’accusa dura, l’accusa di cecità. Ed ecco parla loro di se stesso come della porta delle pecore, come del pastore vero. E al termine del discorso, scrive Giovanni, “sorse di nuovo dissenso tra i giudei per queste parole. Molti di loro dicevano: È indemoniato ed è fuori di sé. Perché state ad ascoltarlo”».
Gesù si è definito come il “buon pastore”, premettendo quel “Io sono” che è una prerogativa divina. Se è così, come vescovi o preti possono definirsi “buoni pastori”? Gesù aveva anche detto: “Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli… E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo” (Mt 23,8-9). E la Chiesa è pina di maestri e di guide.
In ogni caso, se i vescovi o i preti si fanno chiamare pastori, che siano per lo meno “buoni” (in greco c’è il termine “bello”), ovvero amanti del Bene assoluto, di cui la Bellezza è un riflesso. Dire buono non significa solo dire misericordioso, comprensivo, accogliente, e tanto meno bonario. Non ci si deve limitare ad atteggiamenti esteriori, anche se questi rivelano qualcosa di profondo. Dire bontà è dire quel Bene divino, di cui siamo servitori.
Che cosa è, allora, il Bene di una parrocchia, il Bene di una Diocesi, il Bene della Chiesa? Che senso ha tenere le pecore in un recinto che proibisce di vedere cieli aperti?
Un vescovo o un prete che dovrebbe fare per essere, come Cristo, un buon pastore? Dare la vita per le sue pecore. Qui si aprirebbe un discorso per un’altra omelia.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi