Vergognoso: Trump compra tutte le scorte mondiali di un farmaco contro il coronavirus

raiawadunia.com

Vergognoso:

Trump compra tutte le scorte mondiali

di un farmaco contro il coronavirus

BY RAIAWADUNIA • LUG 2, 2020
Il remdesivir è una delle rare medicine efficaci contro il coronavirus.
Niente di risolutivo, ma un modesto effetto lo avrebbe. Peccato che potremmo non trovarlo più. Gli Stati Uniti hanno acquistato tutta la produzione di luglio e il 90% di quella di agosto e settembre. Proprio in questi giorni l’Agenzia europea per il farmaco stava valutando la sua approvazione nel continente (attualmente da noi è usata in regime compassionevole).
Niente da fare, almeno per tre mesi. La Casa Bianca era già stata tacciata di “pirateria moderna” dalle autorità della Germania a marzo, dopo aver bloccato alla frontiera un carico di mascherine destinate alla polizia di Berlino e aver cercato di opzionare il vaccino allo studio nell’azienda tedesca CureVac. Mentre si moltiplicano gli appelli internazionali per una distribuzione equa delle risorse contro il coronavirus, il comportamento degli Stati Uniti sembra andare in direzione opposta.
L’annuncio dell’operazione piazza pulita sul remdesivir è stato dato dal Dipartimento della Salute americano lunedì. “Il presidente Trump – si legge nell’annuncio – ha concluso un accordo stupefacente per assicurare che gli americani abbiano accesso al primo farmaco autorizzato contro il Covid”. Agli ospedali degli Stati Uniti andranno 500 mila trattamenti. Ogni trattamento contiene 6 o 7 fiale e costa 3.200 dollari, pagabili (per chi la ha) dall’assicurazione.
Secondo la rivista Medicines Law and Policy il costo di produzione per un ciclo di una settimana con il remdesivir è di 7 dollari e il farmaco (messo a punto ai tempi di Ebola, ma con risultati clinici non brillanti) ha goduto di una buona dose di finanziamenti pubblici per la fase di studio. A marzo la Gilead, l’azienda americana che lo produce, aveva chiesto che il remdesivir fosse inserito nella lista dei farmaci orfani, una categoria ad hoc per le malattie rare che prevede una serie di vantaggi su brevetti ed esclusive. La Food and Drug Administration l’aveva appena concessa  quando un’ondata di sdegno si è sollevata negli Stati Uniti. Tutto si può dire del coronavirus tranne che sia raro.
“Non è il momento di approfittarne, da parte delle case farmaceutiche”, aveva tuonato tra gli altri il candidato democratico alle presidenziali Bernie Sanders. Una decina di giorni dopo l’approvazione, la designazione di “farmaco orfano” è stata revocata.
Nel frattempo la Gilead ha concesso una licenza di produzione ad alcuni paesi in via di sviluppo, come Egitto, India e Pakistan, per rifornire anche i loro vicini. Paradossalmente, gli ultimi della lista sono dunque i paesi ricchi diversi dagli Stati Uniti. I test sul remdesivir avevano dimostrato che il farmaco riduce di alcuni giorni la durata dei sintomi, ma non il tasso di mortalità. L’unico medicinale in grado di salvare vite al momento è il desametasone, un cortisonico economico e ben disponibile anche in Italia, che in uno studio di Oxford ha dimostrato di poter ridurre la letalità di un terzo. Per l’autunno sono attesi farmaci nuovi e specifici per il coronavirus come gli anticorpi monoclonali.
Elena Dusi per REPUBBLICA

2 Commenti

  1. antonio ha detto:

    Il boato dovuto allo scoppio delle bolle speculative ‘scienza’ e ‘tecnica’, i due piedi di porco del capitalismo afflosciati da un (forse) animaletto (forse) cinese (forse) cucinato (forse) nel 2019… per secoli e secoli utilizzati come infallibili passe-partout per aprire, stuprare e svaligiare interi continenti in nome del dio danaro, per l’occasione travestito da dottor progresso … dovrebbe avere una sola eco di ritorno, una sola risposta collettiva intonata dall’intera umanità all’unisono : il capitalismo deve morire qui ed ora!

    Intanto, mentre il popolo si interroga sul bonus vacanze, avendo solo voglia di dimenticare quanto appeno appreso, il treno è già passato da cento e più anni…

    La verità è che tutte quelle ‘brave persone’ in costume da sapiente, che prestano cognomi e facce ai capitalisti per rastrellare triliardi di carta straccia al mese utili alla ‘ricerca’, dietro lauti compensi ed applausi del mondo… hanno sempre saputo e sanno, che solo una frazione insignificante di quel mare di danari sottratto ai poveri, che muoiono di fame e sete… è utilizzato per commercializzare antidoti ai veleni creati dalla modernità.

    Creazione dei ‘bisogni’, una delle partite di giro più paradossali eppure efficaci… con cui i capitalisti si riprendono le quattro ghiande usate per compare anime e corpi degli schiavetti e delle schiavette…

    Lo sanno, lo sanno… ma anche loro come i berlusconi, i corleonesi, i leghisti o i casalesi, anche loro come gli eroi della sanità che non vedono le lottizzazioni, gli eroi della scuola che diseducano i giovani, gli eroi dei media che contrabbandano sciocchezze per distrarre il popolo dal sacco del bene comune… anche loro ‘hanno famiglia’.

    Andiamo al dunque. Il grosso del sudore e del sangue versato da miliardi di esseri umani in millenni di lotte e lavoro, ha prodotto la beffa del cappio atomico e messo nelle mani assassine dei padroni e dei loro cani guardiani senza etica e morale, aborti che si fanno spedire bambini da stuprare nelle proprie isole private, luridi schiavisti che fanno ammalare di tumore interi popoli per risparmiare lo zero virgola sulle produzioni, cancerogeni razzisti che per costruirsi la villettina da godersi con l’escort di turno mettono le mani al collo di uomini disperati, donne e bambini affogandoli nel mediterraneo… una quantità non numerabile di armi molto ‘intelligenti’.

    Scuole, università pubbliche, centri di ricerca, ospedali, parlamenti… tutto sponsorizzato dal popolo ed al servizio dei capitalisti. Il popolo abbrutito dai vizi è proprio scemo… ha barattato tutto per qualche ghianda… sotterrandosi vivo da solo, pensando di poter ingrassare all’infinito porgendo sempre l’altra guancia dei poveri…

    Tutta questa prosopopea del progresso… e ci ritroviamo ad una versione inquinata della legge della giungla.

    • Mancano solo i nomi di questi numerosi strozzini,ma sono facili da individuare,soprattutto quando baciano il rosario e se la fanno con la gerarchia politico-religiosa.Ciao ANTONIO,è un piacere leggere i tuoi commenti.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi