Omelie 2019 di don Giorgio: SECONDA DOPO LA DEDICAZIONE

3 novembre 2019: SECONDA DOPO LA DEDICAZIONE
Is 25,6-10a; Rm 4,18-25; Mt 22,1-14
Una parabola difficile e complessa
Nel primo e nel terzo brano si parla di banchetto, e basterebbe questo per farne una omelia, tanto più che il brano del Vangelo riporta una parabola che è una tra le più difficili e complesse da interpretare. Secondo gli esegeti probabilmente si tratterebbe di due parabole fuse insieme e ciò complicherebbe ancor più le cose.
Solitamente i preti saltano gli ostacoli e si soffermano, in modo del tutto semplicistico, sulla prima parte della parabola, ovvero sul rifiuto dell’invito al banchetto di nozze, e di questo rifiuto si fa una buona, per non dire ottima, occasione per fare una morale sul comportamento dei credenti che rifiutano gli inviti di Dio a partecipare al suo Regno e gli inviti della Chiesa a partecipare ai sacramenti, soprattutto al banchetto eucaristico. E a proposito del banchetto eucaristico entra in scena la parte finale della parabola, ovvero quella che riguarda colui che non ha l’abito nuziale, ovvero adatto al banchetto, e quindi al banchetto eucaristico. Sull’abito nuziale adatto o inadatto la Chiesa nei suoi rappresentanti ne ha fatto un vasto campo di prescrizioni moralistiche inerenti alla recezione di Gesù eucaristia.
Come intendere le parabole
Siamo sempre al solito punto: si prende ogni parabola di Gesù e la si rivolta a proprio piacere in vista del comportamento morale, dimenticando che la parabola di per sé è rivolta al regno di Dio da vivere interiormente.
Mi hanno insegnato che Gesù, quando diceva una parabola, invitava gli ascoltatori a elevare lo sguardo verso Dio onde coglierne qualche flash divino, per poi rivolgersi nel proprio essere interiore, per cogliere la presenza profonda di Dio.
In altre parole, Gesù non aveva alcun intendimento moralistico, in vista cioè del comportamento umano. La Chiesa ha inteso le parabole fin dall’inizio proprio in senso moralistico. Questa mania di ridurre ogni parola di Cristo sul piano umano o comportamentale è la peggiore deviazione dall’intento di Dio, che consiste nell’elevare lo spirito, prima che pensare al nostro agire esteriore.
Cristo, quando parlava, puntava l’obiettivo sul volto del Padre celeste, per poi afferrare lo spirito umano e coinvolgerlo nella luce divina.
Nella Chiesa è sempre prevalsa la teologia cosiddetta morale o comportamentale, quando invece tutto il Vangelo è una teologia mistica, ovvero una teologia dell’essere e non  anzitutto dell’agire. La Chiesa ha sempre preso i credenti per il loro agire, imponendo le sue norme, tradendo così il vero intento di Cristo, che è quello di convertirci nel nostro essere interiore. Prima si pensa, e poi si agisce. Ma il pensiero è quello legato al proprio intelletto interiore, quello che è illuminato dall’Intelletto divino.
Che le parabole invitino anche a comportarsi in un certo modo, è fuori dubbio, ma il vero intento è quello di riprendersi quello Spirito che ci è stato donato dal Cristo morente e che poi sarà l’anima della Chiesa, la quale però ha preferito allo Spirito il proprio espandersi, l’evangelizzazione dogmatica, ovvero quella struttura che sta all’esterno della realtà spirituale.
Ancora oggi viviamo di dogmatismo strutturale, e a pagarne le conseguenze non è solo il nostro essere interiore, ma anche la società, la cui vacuità interiore è spaventosa.
Banchetto
Vorrei soffermarmi sulla parola “banchetto”. Può avere diversi sinonimi: convito, convivio, simposio, pasto, festino, ecc. Solitamente, nella Bibbia e nelle parabole di Gesù, non ha mai il significato di un pasto privato, ma di un grande pranzo, in genere con molti convitati, di solito per onorare una persona o per festeggiare un avvenimento. È un momento in cui ci si trova attorno ad una mensa per mangiare e per bere, ma anche per discutere, per parlarsi, per godersi un momento di gioia. Sì, al banchetto si mangia e si beve, si parla, ma può diventare un momento per discutere di cose politiche, affaristiche (banchetti di lavoro) o di realtà religiose. Chi non ricorda il Convivio di Platone?
C’è un pane e un vino intesi in senso fisico, e c’è un pane e un vino intesi in senso simbolico. Qui non si parla del cibo che manca di chi non può neppure sedersi a tavola. È la storia drammatica di milioni di esseri umani alla ricerca di un po’ di sopravvivenza. Ma è proprio pensando a loro che si dovrebbe discutere, simbolicamente a tavola, per risolvere anche i problemi sociali.
Ma credo che i profeti e Gesù stesso andassero oltre, pensando a problemi ben più vitali, anche se di un altro piano, al di là di quello materiale. C’è una massa di gente che muore di fame, e c’è una massa di gente che ha di tutto, una mensa piena di vivande, ma che ha il cuore arido come una pietra.
Non si tratta di due piani completamente diversi: quello materiale e quello spirituale. I profeti e Gesù sembrano parlare di un banchetto dove tutti, vicini e lontani, credenti e non credenti, dovrebbero riunirsi per formare un’unica famiglia, e così risolvere anche i problemi concreti, quelli di tipo economico e sociale.
Certo, i profeti e Gesù parlano un linguaggio completamente diverso da quello socio-politico, ma non mettono in contrasto tra loro il corpo e lo spirito: ciò che riguarda la parte materiale e ciò che riguarda la parte spirituale. Ma ci dicono chiaramente una cosa: i problemi sociali non si risolvono sul piano prettamente umano o terreno.
Tutta la predicazione profetica e il Vangelo stanno a dirci che, finché l’essere umano resterà esterno a se stesso, al proprio essere interiore, non risolveremo nulla di ciò che riguarda la parte materiale.
Il banchetto diventa simbolicamente quel volere di Dio per cui tutti i popoli, tutte le razze, tutte le culture dovrebbero riunirsi attorno alla stessa tavola, che è dunque simbolo di unitarietà, di senso profondamente solidale, senza più divisioni, ponti interrotti, porti chiusi, frontiere elevate.
Ma che cosa sarà a riunire tutti i popoli? Il pane materiale? Solo il pane materiale no! Si tratta di un altro pane oggi sconosciuto perfino ai credenti, ed è quella realtà del tutto spirituale, lo Spirito santo, che smuove le coscienze, unisce e non divide, facendo di ogni popolo una risorsa materiale e spirituale per formare un’unica famiglia.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi