Omelie 2018 di don Giorgio: TERZA DI QUARESIMA

4 marzo 2018: TERZA DI QUARESIMA
Es 32,7-13b; 1Ts 2,20-3,8; Gv 8,31-59
Idolatria, il vero peccato della religione e della società
Il primo brano della Messa di questa terza domenica di Quaresima richiederebbe non solo tutto il tempo dell’omelia, ma dieci minuti non basterebbero neppure per fare una brevissima premessa.
Comunque, l’idolatria, simboleggiata plasticamente dal vitello di metallo fuso, non è una novità tra i temi che solitamente tratto nei miei scritti, nei miei video e nelle mie omelie festive, e neppure è un argomento che metto sul gradino più basso della scaletta gerarchica delle mie preoccupazioni, nei riguardi di una Chiesa, talora specchio di se stessa, e di una società, schiava di idoli mai sazi di farsi adorare, nelle facili promesse di una felicità a buon mercato.
Una cosa, tuttavia, vorrei ricordare, prima di passare al Vangelo di oggi. Tutti gli antichi profeti hanno condannato duramente l’idolatria come il più grave peccato nei riguardi di Dio.
L’idolatria veniva chiamata prostituzione, adulterio, tradimento dell’Alleanza.
Il popolo, invece che amare Jahvè, nella sua realtà divina, lo tradiva adorando un oggetto, simbolo della divinità divina,  dimenticando che la vera immagine di Dio è lo stesso essere umano.
Quando allora c’è idolatria? Quando si prende come cosa l’Essere purissimo di Dio e l’essere umano nella sua realtà interiore.
Con l’idolatria il rapporto non è più tra due realtà “spirituali”, ma tra due oggetti, e la conseguenza è tra le più tragiche della storia umana: cosa richiama cosa, e tutto è un intreccio di cose che materializzano sentimenti e valori.
Complice di questa idolatria è anzitutto la religione di sempre, che si rende vittima della sua struttura, la quale, in quanto struttura essendo qualcosa di materiale, esige una giustificazione di carattere materialistico.
L’essere: tra libertà, verità e… menzogna
Passiamo al brano del Vangelo di Giovanni. Quando Cristo affrontava argomenti teologici e mistici, non guardava in faccia a nessuno, men che meno attenuava le sue parole, per rispetto della religione ebraica. Ebreo, educato fin dalla fanciullezza alla spiritualità giudaica, nei suoi usi, costumi e tradizioni, si sentiva anzitutto il Figlio di quel Dio che il suo popolo aveva tradito nella sua Essenza divina, come Spirito di verità e di libertà.
Leggendo i quattro Vangeli, abbiamo questa netta sensazione: che Cristo ce l’avesse proprio con i capi religiosi. Sì, è stato duro anche con il potere politico, ma a condannarlo è stato il Sinedrio, per la semplice ragione che Gesù aveva contestato fin nelle radici sia la Legge che il Tempio, i due pilastri della religione ebraica, e lo aveva fatto per difendere la dignità dell’essere umano. «Prima l’essere umano, e poi la legge! E la legge è sempre al servizio dell’essere umano, inteso anzitutto nella sua realtà interiore».
Dunque, Cristo ha ribaltato dalle fondamenta la religione, quella ebraica, ma anche ogni altra religione, quando cade nello stesso perficolo.
Quando leggiamo i Vangeli, dobbiamo stare attenti: Cristo ha messo in crisi un mondo religioso ipocrita e falso, quello di una religione secolare, che era riuscita a mettere sulla realtà divina tutta una serie di veli sovrapposti, tali da coprire il vero volto di quel Dio che, rivelandosi a Mosè, aveva fatto intuire che Lui è l’Essere, proibendo così ogni immagine (idolo) per scoraggiare gli ebrei a confondere le raffigurazioni come se fossero Realtà.
Questo è il contesto per comprendere il brano del Vangelo di Giovanni, capitolo ottavo, versetti dal 31 al 59.
È un brano durissimo, che arriva allo scontro, non solo verbale ma anche fisico, con il tentativo di lapidazione. Ma stavolta a volerlo lapidare non sono gli scribi e i farisei, ovvero i capi della religione ebraica, ma “quei Giudei, specifica Giovanni, che avevano creduto in lui”. Dunque, simpatizzanti di Cristo!
Già questo fa capire che ad essere interpellati sono anzitutto i credenti di ogni epoca.
Prima la verità, poi la libertà
Cristo parla di libertà e di verità. Chiarisce subito: la libertà dipende dalla verità, e non viceversa. Con tutte le conseguenze che potete immaginare, nel campo sia politico che religioso. Non sto qui a elencarle.
Vorrei soffermarmi su un aspetto particolare della dialettica di Cristo. Quando il clima era sereno, Gesù sapeva parlare alto, vedi il dialogo con Nicodemo e con la Samaritana, o quando si rivolgeva alle folle con le parabole o agli stessi discepoli (basterebbe ricordare il lungo discorso dell’addio). Ma quando il contesto si faceva teso, a causa delle provocazioni a cui era soggetto, allora Gesù cambiava tattica: usava un metodo più diretto, contestando cioè le affermazioni dei suoi interlocutori, arrivando anche a deriderli.
Cristo, non poteva certo parlare di libertà a gente menzognera. Ecco perché il discorso si è soffermato sulla menzogna. Chi è nella menzogna, è chiuso ad ogni discorso sulla libertà.
Cristo ha preferito contestare i suoi avversari con argomentazioni molto dirette, denigrandoli per la loro cocciutaggine e la loro ottusità mentale. Lo so che ciò non bastava, ma forse a Cristo non interessava convincere quelle persone, ma denudare il loro peccato: quella ipocrisia che copre la verità con la menzogna.
Ho detto “menzogna”: non si tratta di singole menzogne, ma della “menzogna”, che è quella ideologia perversa che cerca di trascinare tutti nelle proprie braccia.
La “menzogna” non è un peccato da confessare al prete, ma da denudare alla fonte.
Noi cattolici, purtroppo, siamo stati educati male: ad essere misericordiosi, buoni, caritatevoli, rispettosi, e così temiamo di offendere le persone, lasciandole di conseguenza in un sistema balordo, che fa morire milioni e milioni di esseri umani. Nel loro essere umano.
Questa specie di falsa carità è una maniera ipocrita, per salvare la propria ipocrisia.
Certi falsi rispetti umani hanno permesso crimini umanitari.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi