L’unico porto da chiudere è quello di Venezia

www.rollingstone.it

L’unico porto da chiudere

è quello di Venezia

Per i migranti nessun soccorso, mentre le navi da crociera mettono a repentaglio la sicurezza di tutti a San Marco. Insomma, forti con i deboli e deboli con i forti: l’esatto contrario di quanto dice la “legge del mare”
di Dario Falcini
Chissà, se fosse nato da questa parte dell’oceano, come avrebbe descritto la gita a Venezia David Foster Wallace nel suo capolavoro Una cosa divertente che non farò mai più, cronaca più che seria della sua prima volta in crociera. Chissà come avrebbe reso con la sua prosa la surreale esperienza di solcare a bordo di un enorme mostro a 19 ponti la laguna nel canale della Giudecca, fino a fare capolino su piazza San Marco. E chissà quali pagine meravigliose ci avrebbe lasciato se per caso ieri si fosse trovato sulla Msc Opera, mentre quel gigante di 275 metri per 65mila tonnellate si scontrava con il battello fluviale River Countess, ormeggiato vicino all’imbarcadero San Basilio. A bordo c’erano 130 persone, cinque della quali sono rimaste ferite. Poteva andare molto, molto peggio.
Un disastro annunciato almeno da dieci anni, quando le navi da crociera iniziavano con sempre maggior intensità a proporre il capoluogo veneto nelle proprie rotte. Allora per la prima volta si alzava la protesta “No grandi navi“, movimento che negli ultimi anni ha provato in ogni modo a dire basta alla follia che ogni giorno si compie nel centro storico di Venezia.
«Parliamo di ben più di 500 “toccate” all’anno, tra arrivi e partenze delle crociere: in estate dalla città storica passano cinque o sei navi al giorno», spiega Beppe Caccia. Storico attivista “No grandi navi” ed ex vicesindaco di Venezia, oggi è capo missione della Mare Jonio, la nave del progetto Mediterranea impegnata da mesi nei salvataggi al largo del Canale di Sicilia. «La loro crescita è stata costante dalla prima metà dei Duemila, ed è proceduta di pari passo rispetto a una protesta del tutto inascoltata».
A dire il vero, un primo importante risultato era stato ottenuto nel 2012 con l’approvazione del decreto firmato dai ministri Clini e Passer, che bandiva le navi di peso superiore alle 42mila tonnellate dalla laguna. Ma a oggi è del tutto disatteso. «Il provvedimento conteneva un codicillo che autorizzava provvisoriamente i passaggi delle imbarcazioni, finché non fossero trovate altre soluzioni. Nessuno dei governi che si è succeduto le ha mai cercate e la situazione è rimasta cristallizzata».
Il ruolo dell’esecutivo è decisivo, «perché sulle laguna la competenza spetta in primo luogo al Ministero dei Trasporti, che si deve coordinare con quello dell’Ambiente e dei Beni Culturali». Oggi il dossier è dunque sulla scrivania di Danilo Toninelli, che ieri, con notevole coraggio, ha spiegato come l’iter per risolvere la questione sia in fase avanzata. «I Cinque Stelle hanno preso parecchi voti contestando il passaggio delle grandi navi dal centro di Venezia, in maniera del tutto strumentale. In un anno di governo non hanno mosso un dito per cercare l’alternativa in grado di sbloccare la situazione, preservando il settore economico e i posti di lavoro collegati e allo stesso tempo collocando il terminal crocieristico fuori dalla laguna».
Anche perché, «mentre in passato le amministrazioni locali avevano insistito per bloccare l’accesso alle navi», denuncia Beppe Caccia, «oggi sia l’attuale sindaco Brugnaro che il presidente della regione Zaia difendono a spada tratta la lobby delle crociere, i cui interessi sono anteposti alla tutela della salute degli abitanti di Venezia».
Quello che oggi colpisce, oltre alla totale assenza di buon senso di questa situazione, è l’uso a corrente alternata di quel diritto del mare di cui ultimamente sono in tanti a riempirsi la bocca. «Da un lato si fa l’impossibile – tra sequestri e cambi nelle “regole d’ingaggio” nel salvataggio – per bloccare l’attività di navi che in mare operano seguendo il primo obbligo previsto dal codice della navigazione: prestare soccorso a chiunque si trovi in pericolo. Dall’altro si deroga a tutto pur di dare accesso a un contesto fragile a imbarcazioni evidentemente fuori scala».
Per questo un solo porto – anche perché tale non è – in Italia andrebbe chiuso, e non accoglie nessun naufrago. «Quella dei porti chiusi è un bufala tragica e l’esperienza di Mediterranea lo dimostra in maniera fin troppo chiara. Che Venezia, invece, sia incompatibile con le rotte delle crociere è fin troppo evidente. Lo era da ben prima dell’incidente di ieri».

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi