Anche questa una goliardata? Che cosa dicono i carabinieri? Le solite balle?

da AVVENIRE
3 agosto 2018
Pistoia.

Denuncia di don Massimo:

«Spari contro un migrante».

Un altro caso a Napoli

Ilaria Solaini
Il parroco di Vicofaro, don Biancalani ha sporto denuncia in Questura, e ha specificato che gli aggressori prima di sparare hanno gridato “negro di m…”. Le parole del vescovo Tardelli
Dei colpi di pistola – forse con una scacciacani stando ai primissimi accertamenti della polizia – sarebbero stati esplosi a Pistoia per strada, intorno alle 23: un atto di intimidazione contro un migrante, ospite della parrocchia di Vicofaro che per fortuna è rimasto illeso.
Le indagini sono ancora in corso e la dinamica di quello che è accaduto è ancora tutta da chiarire.
Quel che è certo finora è la denuncia verso ignoti – resa pubblica con un post sul profilo Facebook dal parroco di Vicofaro, don Massimo Biancalani – che ha raccontato nella notte di essersi rivolto alle forze di Polizia dopo che uno degli ospiti, il gambiano Buba Ceesay, è tornato spaventatissimo dalla sua corsa serale, per aver sentito esplodere dei colpi e aver ricevuto degli insulti gratuiti e razzisti. Nel raccontare su Facebook la vicenda don Biancalani ha specificato che gli aggressori prima di sparare hanno gridato “negro di m…”.
L’agenzia Redattore sociale ha raccolto in un video la testimonianza di Buba Ceesay, il gambiano di 24 anni ospite nella parrocchia di Santa Maria Maggiore a Pistoia, che ha raccontatp di essere stato aggredito con uno sparo, forse di una pistola scacciacani, da due ragazzi italiani giovedì sera e di aver raccolto il bossolo della pistola: “Ieri sono andato a correre, stavo tornando dagli allenamenti, mentre tornavo a casa ho incontrato due ragazzi italiani in bicicletta. È la seconda volta che li incontro e mi avevano già insultato. Solitamente io cammino per la mia strada e neanche li guardo. Questa era la seconda volta, ci siamo incontrati all’incrocio qua dietro. Mi hanno insultato dicendomi ‘Bastardo!’, ‘Nero!’. Allora ho sentito lo sparo, mentre ero voltato di spalle, ho fatto per inseguirli ma sono scappati. Ho continuato la mia corsa e ho raccolto il bossolo da terra. L’ho portato a don Massimo che ha chiamato la polizia”.
Bisognerà attendere le prossime ore per comprendere meglio i dettagli e i contorni dell’episodio: le forze dell’ordine con l’aiuto di telecamere e di altre testimonianze stanno proseguendo nelle indagini.
La diocesi di Pistoia: no a clima di tensione e di esasperazione
Sull’ennesimo episodio a sfondo razziale a carico di un ospite del centro di accoglienza della parrocchia di Vicofaro, guidata da don Massimo Biancalani, il vescovo di Pistoia Fausto Tardelli – nel portare solidarietà e vicinanza alla giovane vittima – ha voluto «stigmatizzare il clima di tensione e di esasperazione del dibattito pubblico e che oggi sta producendo i suoi frutti più amari».
«Oggi siamo seduti su di una polveriera e occorre imparare tutti a essere cauti nei gesti e con le parole, perché non accada esattamente il contrario di ciò che vorremmo: che scoppi la guerra, dove invece ci vuole la pace. Oggi gli animi sono surriscaldati – ha affermato il vescovo di Pistoia – ci si muove spinti più dalla “pancia” che dalla ragione; più dalle sensazioni che dall’obiettività. È tempo, il nostro, in cui io credo occorra vigilare. Sulle nostre idee e sulle nostre parole; su ciò che ci viene comunicato e a nostra volta comunichiamo».
«Occorre vigilare – ha concluso monsignor Tardelli -, prima che accada il peggio! Perché la rabbia non vinca sulla pazienza, la paura sul coraggio, l’insulto e l’arroganza sul rispetto, la violenza sull’amore».
Le precedenti intimidazioni a Vicofaro
Va ricordato che l’estate scorsa don Massimo fu al centro delle cronache nazionali per aver portato in piscina i migranti ospiti del suo centro di accoglienza a Pistoia e si ritrovò nel mirino dell’estrema destra per queste sue aperture generose. Il parroco di Vicofaro da allora è destinatario di lettere minatorie e minacce.

Spari contro un senegalese a Napoli
Indagini a 360 gradi della Polizia di Stato di Napoli sul ferimento dell’ambulante senegalese avvenuto nel quartiere Vasto: il questore Antonio De Iesu sottolinea che sul caso è al lavoro un team di investigatori coordinato personalmente dal capo della Mobile, in stretto raccordo con il procuratore aggiunto Nunzio Fragliasso. Ma per De Iesu “è prematuro” parlare del movente dell’agguato: per ora non viene esclusa alcuna pista, dall’ipotesi razzista a quella di un “avvertimento” diretto contro Cissè Elhadji Diebel, 22 anni, in Italia con regolare permesso di soggiorno, residente a Lecce e con piccoli precedenti per ricettazione di merce contraffatta.
Il giovane del Senegal, vittima di un proiettile a Napoli poco dopo le 22.30 di mercoledì 2 agosto in via Milano, quando è stato sentito dalla polizia non ha parlato di razzismo, anche se sostiene di non conoscere il motivo per il quale in due su uno scooter lo hanno ferito a colpi di pistola a una gamba. L’uomo adesso è stato sottoposto a un intervento chirurgico all’ospedale San Giovanni Bosco. Intanto oggi venerdì 3 agosto alle 17 la comunità senegalese con la rete antirazzismo di Napoli hanno organizzato una manifestazione di solidarietà.
In tutta la vicenda però aleggia l’ombra della camorra che ai senegalesi impone il pizzo per tenere una bancarella, ancorché abusiva, anche attraverso l’obbligo a vendere oggetti contraffatti. Dieci euro a settimana per ogni bancarella, la tangente, secondo recenti inchieste. “Un proiettile mi ha forato questa gamba”, ha spiegato Cissè Elhadji Diebel, mostrando il foro di un proiettile che gli ha strappato i pantaloni. “Una seconda pallottola per fortuna ha colpito il cellulare e non me. Quel cellulare mi ha salvato la vita”, racconta Cissè. “Ero con un gruppo di amici, stavamo parlando e poi abbiamo visto questi ragazzi avvicinarsi. Avevano ancora il casco in testa quando hanno sparato. Poi sono scappati via, senza dire niente”.
Lavora a Napoli come venditore ambulante nel mercato di via Bologna, nel quartiere del Vasto. “Se sono spaventato? Non lo so, per ora non ci penso e non so se voglio restare a Napoli. Io – dice – non ho mai visto una cosa del genere: delle persone, ragazzi giovani, che sparano senza motivo e non dicono nulla. Io non ho mai litigato con nessuno a Napoli e in Italia. Non so cosa sia successo”.
***
La La Nazione
3 agosto 2018

Spari e insulti sul migrante:

“Erano giovanissimi, f

orse li hanno mandati a farlo”

L’intervista al giovane gambiano che ha denunciato l’ agguato a sfondo razzista in via Donati
di MICHELA MONTI
Pistoia, 3 agosto 2018 – Ecco la testimonianza integrale di Buba Ceesay, il giovane gambiano ospite della parrocchia di Vicofaro, che ha denunciato di essere stato aggredito da una coppia di giovanissimi.
Buba cosa ricorda di quello che è successo giovedì sera?
“Ero a fare una corsa come faccio tutte le sere prima di fare la doccia quando ho visto sbucare dalla curva questi due ragazzi, giovani, in bicicletta. Sembrava che mi stessero aspettando lì dietro la curva. Ero a due passi dalla scuola media Anna Frank”
E che è successo?
“Mi hanno urlato contro nero bastardo e poi hanno sparato un colpo”.
Lei è riuscito a vedere la pistola?
“No, ho sentito solo un grande boato. Ho provato ad inseguirli ma sono riusciti a dileguarsi poi sono tornato indietro ed ho trovato un bossolo, così ho capito che cosa avevano fatto”
Cosa ha pensato?
“Cosa dovrei pensare, una cosa da matti. Erano ragazzi troppo giovani per andare in giro con una pistola. Non so se li ha mandati qualcuno, troppo giovani per fare un’azione del genere. E’ strano che ragazzini così piccoli pensino di fare una cosa del genere, che ti urlino frasi razziste e poi si mettano a sparare”.
Quindi pensa che li abbia mandati qualcuno a farlo?
“Non voglio accusare nessuno ma quello che hanno fatto è da pazzi, è fuori di testa. Troppo giovani…”
Ha avuto paura?
“Lì per lì si. Il rumore forte non sapevo cosa poteva essere accaduto”.
E cosa ha fatto a quel punto?
“Una volta tornato indietro ho recuperato il bossolo e sono andato da don Massimo Biancalani, in parrocchia, per raccontare immediatamente cosa era successo. Poi siamo andati in questura ed ho detto tutto ai poliziotti.”
Pensa di conoscere le persone che l’hanno aggredita?
“Mi alleno sempre in questa zona e lo scorso mese vidi nello stesso punto ragazzini molto giovani come quelli di ieri ma non sono in grado di dire se fossero gli stessi della pistola. Ragazzi così giovani che fanno una cosa del genere, da pazzi, da pazzi”.

 

2 Commenti

  1. Luigi ha detto:

    Travaglio nel suo pot-pourri del Top blog sul fatto quotidiano “PD&Salvini production” fa una lista di nomi e giornali (ovviamente tutti schierati secondo lui) con un interrogativo finale “Ps. Così, per sapere: ma questi li paga Salvini, o lavorano tutti per lui gratis?” Considerazione personale: che ne pensa del suo amico Di Battista che se la spassa a Puerto Escondido? E di quel Mura Andrea “velista” che è stato un utile serbatoio di voti quando ha fatto comodo per poi scaricarlo quando è diventato ingombrante? Mi fermo qui. Caro Travaglio con questo tuo comportamento non offendi un socialdemocratico come ritengo di essere (mi eri simpatico, ma ora mi stai sulle palle) e che crede nella socialdemocrazia come strumento politico per ridare dignità a tutti, migranti compresi. Ma quello più grave è che offendi la tua stessa intelligenza paragonando il PD con Salvini e chi ancora come me ha il coraggio di crederci ancora. E poi dimmi: “Non è un comportamento vigliacco mandare dei giovanissimi contro il giovane gambiano?”.

  2. Giuseppe ha detto:

    L’ineffabile Lorenzo Fontana (chi era costui?) “ministro per la famiglia e la disabilità” appoggiato dal compare di bevute “ministro per gli affari interni”, vorrebbe addirittura abrogare la legge Mancino, che condanna gesti, azioni e slogan legati all’ideologia nazifascista, e aventi per scopo l’incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali, sostenendo che l’aggravante di odio razziale ha trasformato la normativa in un’arma ideologica “che offre una sponda al razzismo anti-italiano”.
    Delle due l’una o il signor Fontana vive in un altro paese e non sa cosa succede nella nostra amata penisola, oppure (come è più probabile) da buon camerata condivide l’ideologia e la violenza citate nella legge e si sente chiamato in causa in prima persona. E meno male che l’hanno pure fatto ministro per la famiglia e la disabilità, e per questo motivo ha dovuto giurare fedeltà alla Costituzione, se l’avessero fatto ministro della difesa o degli esteri avrebbe già dichiarato guerra a Malta, ai paesi africani che si affacciano sul Mediterraneo e all’Unione Europea?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi