Omelie 2019 di don Giorgio: OTTAVA DOPO PENTECOSTE

4 agosto 2019: OTTAVA DOPO PENTECOSTE
1Sam 8,1-22a; 1Tm 2,1-8; Mt 22,15-22
L’origine della monarchia tra gli ebrei
Il primo brano della Messa presenta l’introduzione della monarchia tra il popolo eletto. Gli ebrei chiedono a Samuele che siano governati da un re, come tutti gli altri popoli. Motivo? Samuele è vecchio e i suoi figli sono corrotti: “deviavano dietro il guadagno, accettavano regali e stravolgevano il diritto”.
Cose che capitavano allora, e cose che capitano anche oggi. Questo nel campo politico, e nel campo religioso.
Per Samuele questa richiesta è un affronto alla signoria universale di Dio. Cerca di far capire tutti gli svantaggi per essere governati da un re. E lo fa insistendo su un verbo: “prendere”.
Ed ecco che cosa il re “prenderà”: “prenderà” i vostri figli per l’esercito; “prenderà” le vostre figlie per il suo harem; “prenderà” i vostri campi, le vostre vigne, i vostri oliveti più belli e li darà ai suoi ministri; “prenderà” mano d’opera e bestiame e li adopererà nei suoi lavori, per i lavori in casa sua e dei suoi cortigiani.
Proprio appropriato il verbo “prendere”: i re, i capi, i potenti non fanno che “prendere”, fingono di dare qualcosa ma prendono molto di più. Ci chiediamo quale sia il bene del popolo. Il popolo viene umiliato, soggiogato, reso schiavo. Il popolo deve sempre dare, in compenso riceve una elemosina, talora neppure quella.
Ma il popolo è contento così, sembra. Meglio farsi comandare e ricevere una cipolla, piuttosto che prendersi le proprie responsabilità. Chi non ha paura di assumersi le proprie responsabilità? Meglio obbedire, e vivere di elemosine.
Non è quello che sta succedendo anche oggi con questi populisti che fingono di stare dalla parte del popolo, riducendolo ad una massa di istinti sempre pronti a dire di sì? Il populismo non è democrazia. Il populismo è un’altra forma di assolutismo, che riduce la gente ad una massa di bestialità.
Sono pessimista: che il popolo maturi a tal punto da capire che cos’è la democrazia e ne partecipi attivamente sarà difficile, impossibile. Il popolo è una massa di istinti, privo di ogni pensiero. Non basta un genio per fare un popolo: i geni sono eccezioni, e la massa è un insieme di ventri che si nutrono di cose che consumano il cervello.
“Date a Cesare…”  
Il brano del Vangelo è uno di quelli maggiormente citati in ogni salsa, ma di cui nessuno ha ancora capito il significato. Ho letto numerosi commenti, ma nessuno mi è parso soddisfacente.
Anche qui i farisei pongono a Gesù una domanda-tranello: “È lecito o no pagare il tributo a Cesare?”. Prima di rispondere, Gesù chiede loro che gli mostrino la moneta del tributo. Non si dimentichi che la scena si svolge all’interno del Tempio, dove era vietato portare  le monete romane; alle porte i cambiavalute consentivano di evitare la dissacrazione. Gesù quasi si diverte nel ridicolizzare quei falsi giudei. Loro, i puri che portano monete romane nel Tempio! Più blasfemi di così! Ma non sembra che si siano accorti della contraddizione blasfema. Loro così superiori a tutto da avere il diritto di violare ogni legge!
Come si può pagare il tributo all’imperatore pagano? Non era violare il primato di Dio? Ma poi, nella vita, questi falsi ebrei usavano la moneta romana per i loro affari.
In ogni caso, alcune cose vorrei sottolineare. Di per sé una moneta non è né sacra né profana. È l’uso che se ne fa che può essere buono o cattivo.
Inoltre, pagare le tasse può essere un dovere, quando il tributo serve per migliorare i servizi sociali o il bene comune.
I cittadini si lamentano ad ogni aumento delle tasse, e poi si lamentano quando i servizi sono scadenti. Tutto è a loro dovuto, senza contribuire in nulla.
Non vorrei neppure invitarvi a valutare ciò che si spende in cose inutili. Qui il discorso diventerebbe impietoso.
E poi non credete in quei populisti che promettono servizi migliori, riducendo le tasse. Sono degli imbroglioni. Sono populisti! Il loro mestiere è quello di ingannare il popolo.
Ma vorrei soffermarmi su un altro aspetto della risposta di Gesù.
Sulla moneta romana c’era l’effigie dell’imperatore. Ma Gesù indica anche un’altra immagine, che non è un personaggio storico, ma la stessa immagine divina. La moneta porta la figura di un imperatore, ma ciascuno di noi porta impresso nel proprio essere interiore Dio stesso: non siamo stati creati a immagine e somiglianza di Dio?
La moneta con l’immagine dell’imperatore la si usa ovunque, nei nostri affari, al mercato, ma l’immagine di Dio impressa nel nostro essere interiore non la si può usare al mercato. Noi non siamo una moneta da spendere per acquistare un prodotto.
Non vi sembra che anche oggi siamo come delle monete, la cui valùta è giudicata dalla carnalità del nostro esteriore?
Siamo merci di scambio, in una società dove tutto è scambio per un mercato di esseri umani. Non c’è bisogno di andare in Africa o in altre parti del mondo per constatarne la realtà. Qui in Europa, per non parlare dell’America e della Russia, sotto false democrazie che sono vere dittature, la coscienza è finita sotto i piedi di un populismo trita-coscienze, trita-umanità.
I popoli sono usciti da una schiavitù per entrarne in un’altra, ancora più pericolosa. Certo, chi vi è dentro, non si accorge, crede di avere poco avanti la terra promessa.
Vorrei anch’io concludere, citando una frase di un grande vescovo del IV secolo, Ilario di Poitiers. Nel libro “Contro l’imperatore Costanzo” scrive:
«Combattiamo contro un persecutore insidioso, un nemico che lusinga; non ci flagella la schiena, ma ci accarezza il ventre, non ci confisca i beni per la vita, ma ci arricchisce per la morte, non ci sospinge col carcere verso la libertà ma ci riempie di incarichi nella sua reggia per la servitù, non spossa i nostri fianchi ma si impadronisce del cuore, non taglia la testa con la spada ma uccide l’anima con il denaro, non minaccia di bruciare pubblicamente, ma accende la geenna privatamente. Non combatte per non essere vinto ma lusinga per dominare, confessa il Cristo per rinnegarlo, favorisce l’unità per impedire la pace, reprime le eresie per sopprimere i cristiani, carica di onori i sacerdoti […] costruisce le chiese per distruggere la fede. Ti porta in giro a parole, con la bocca…».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi