Il milione di posti di lavoro in più ormai c’è

da Democratica
Marco Fortis
2 ottobre 2017

Il milione di posti di lavoro in più ormai c’è

Il Jobs Act va completato, i giovani che cercano invano lavoro al Sud vanno aiutati a trovarlo al Nord
Nel periodo giugno-agosto di quest’anno si è registrata in Italia una crescita degli occupati rispetto ai tre mesi precedenti di ben 113 mila persone che dimostra la continuità del miglioramento del mercato del lavoro. In particolare, ad agosto 2017 gli occupati sono aumentati di altre 36mila unità rispetto al mese precedente. La crescita anno su anno rispetto ad agosto 2016 è stata di 375mila occupati ed ha interessato entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età ad eccezione dei 35-49enni (coorte su cui pesa però un forte calo demografico strutturale).
Dunque gli occupati sono tornati abbondantemente sopra i 23 milioni (ad agosto erano 23 milioni e 124mila, per la precisione) e siamo ormai a sole 65mila unità in meno rispetto al massimo storico pre-crisi toccato nell’aprile 2008 (23 milioni e 189mila). Merito della ripresa economica e soprattutto del Jobs Act. Durante il governo Renzi e il successivo governo Gentiloni il miglioramento del mercato del lavoro è stato ininterrotto. Basti pensare che rispetto al febbraio 2014 oggi abbiamo ormai quasi un milione di posti di lavoro in più (+978 mila, per la precisione). Un progresso su cui quasi nessuno scommetteva anche solo un paio di anni fa. Basta andare a rileggere i titoli dei giornali di allora e i tanti commenti che criticavano le decontribuzioni e la riforma del mercato del lavoro, giudicate incapaci di produrre risultati efficaci. Invece la storia è andata diversamente e da marzo 2014 ad agosto 2017 si contano 565mila occupati dipendenti a tempo indeterminato in più, a cui si aggiungono 545mila dipendenti a termine in più, mentre il numero di lavoratori indipendenti è diminuito di 136mila unità. Il peso dei dipendenti permanenti sul totale degli occupati è salito dal 63,9% dell’aprile 2008 al 64,8% dell’agosto 2017, cioè abbiamo oggi una quota di posti di lavoro stabili più alta di prima della crisi.
Vale la pena ricordare altre cifre significative. Sempre rispetto a febbraio 2014 ad agosto 2017 il tasso di disoccupazione totale è sceso di 1,7 punti percentuali (dal 12,8% al 11,2%) e quello della disoccupazione giovanile di 8,5 punti percentuali (dal 43,6% al 35,1%). I disoccupati sono diminuiti di 368mila unità. Inoltre, ad agosto 2017 il tasso di occupazione ha toccato il 58,2%: per trovare un livello così elevato bisogna tornare indietro al novembre 2008. Ultimo ma non meno importante elemento da sottolineare è il forte calo degli inattivi, senza il quale la diminuzione del tasso di disoccupazione sarebbe stata anche maggiore: basti pensare che durante i governi Renzi e Gentiloni gli inattivi sono calati complessivamente di ben 921mila.
In conclusione, rispetto ad inizio 2014 l’Italia ha oggi un milione di posti di lavoro in più e quasi un milione di inattivi in meno. Rimangono problemi gravi, tra cui il tasso di disoccupazione giovanile ancora troppo elevato e il ritardo del Mezzogiorno nel recuperare i livelli occupazionali pre-crisi, mentre in alcune aree del Settentrione siamo ormai quasi in presenza di situazioni di carenza di manodopera. Sono asimmetrie che originano in buona parte anche dalle inefficienze dei centri per l’impiego. Il Jobs Act va completato, i giovani che cercano invano lavoro al Sud vanno aiutati a trovarlo al Nord. Ma le condizioni economiche del paese stanno complessivamente migliorando di mese in mese, come conferma anche l’indice manifatturiero di Markit di settembre. Il mix di riforme e ripresa sta dando i risultati sperati.

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Va senza dubbio reso onore a chi è riuscito a fare tanto là dove “illustri” predecessori, nonostante la competenza loro riconosciuta e/o i proclami sbandierati ai quattro venti, avevano clamorosamente fallito. L’importante, adesso, è non fare del trionfalismo che sarebbe del tutto fuori luogo, ma continuare con serietà e impegno su questa strada. Occorre ricordare, inoltre, che quella dell’ultimo decennio è stata una crisi generalizzata a livello mondiale, anche se purtroppo, in alcuni paesi, come il nostro, ha pesato maggiormente a causa di una situazione di partenza già di per sé piuttosto critica.

  2. coscienza critica ha detto:

    Quando i fatti si sostituiscono alla demagogia stile d’alema e mdp.
    I fatti danno torto a questi ultimi e ragione al governo.
    Poi, se preferiamo essere il solito paese inconcludente che sa solo parlare, allora possiamo anche votare la demagogia.
    Se invece preferiamo i fatti……

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi