Siamo al colmo di una pazzia senza freni

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Siamo al colmo di una pazzia senza freni

In fondo, ha perfettamente ragione chi invita a togliere la parola ”Natale” dal linguaggio burocratico (la gente comune vive su un altro pianeta!) di una società castrata nello spirito.
Sarebbe una bestemmia parlare di Natale, come se l’incarnazione del Figlio di Dio fosse solo una formalità da mettere sul solito biglietto di auguri natalizi!
Buon Natale! Che significa “buono”?
Come può una festività, spogliata di ogni sacralità, richiamare quel Bene (da cui “buono”) che è Assoluto, ovvero Spirito purissimo, di cui, volere o no, siamo una scintilla?
Natale e spirito si richiamano “essenzialmente”.
Un concetto d’Europa, che è nato nel cuore del Medioevo più luminoso, si è tradotto diciamo nelle forme più carnali. Mi dite come Natale e spirito possano convivere in un’Europa, il cui interesse è solo quello di carattere economico, tale da strozzare quello spirito europeo, sognato sì, ma mai voluto?
Diciamo allora la verità: questa Europa ha espulso finalmente dal proprio grembo quel feto abortito già da tempo, pronto però (il grembo) a generare un mostro che si chiama “omologazione” o “inclusione”, partorito stavolta dal cosiddetto “pensiero unico”.
Già dire “pensiero” fa paura! Come può un “pensiero” nascere dalla carne? La carne genera solo carne, lo spirito lo spirito. L’ha detto anche Gesù a Nicodemo: «Quello che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito» (Gv 3,6).
Il pensiero nasce dall’Intelletto divino.
Ma l’uomo (sic!), indifferentemente maschio o femmina (i generi oggi sono spariti!), è riuscito a partorire una “mente” trasformando la “scintilla divina” in un inganno (la mente mente!).
La Chiesa istituzionale non è riuscita a estromettere la parola “Natale” dalla “bestialità” culturale e sociale. Ci voleva qualcuno del mestiere che facesse ciò che da secoli avrebbe dovuto fare la Chiesa.
Riprendiamoci il Mistero Natalizio in tutta la sua purezza, solo così si potrà salvare anche quel concetto di Europa, calpestato da interessi puramente economici, giustificando un crimine – la dis-Umanizzazione – in nome di principi che parlano con tanta enfasi di inclusione sociale, ovvero si vorrebbe fare ciò che la stessa Natura non ha mai fatto né farà mai, secondo la legge della ”coincidenza degli opposti”.
Se qualche pistolina/pistolino della meschina Unione europea vorrebbe cancellare il grande nobile Pensiero di antichi filosofi greci (pensiamo a Eraclito), è la prova di quanto la società di oggi sia caduta nella… merda. Non so se la parola “merda” sia lecito usare, essendo femminile. Diciamo sterco/merda così non facciamo torto a nessuno.
L’odore/puzza non ha sesso. Almeno il culo è uguale per maschi e femmine, anche se alle femminile piace mostrare il lato b, salvo inscenare un ridicolo casino, quando qualcuno si permette di sfiorarglielo per rabbia. Sculettano, poi se la prendono. Provocano, poi se la prendono. Bisogna pur farsi pubblicità!
Dicono che l’UE abbia inventato una carta igienica con la scritta: “auguri stagionali”. Vanno sempre bene, perché le stagioni sono più di quattro, perché il numero quattro andrebbe tolto, richiamando i quattro Vangeli.
A proposito, mi è appena arrivato l’ordine di togliere il terzo nome (Giorgio Vittorio Maria), essendo Maria l’unica vergine rimasta in mezzo al puttanaio di una società, dove gli unici nomi permessi sono Silvio e affini.
04/12/2021
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

1 Commento

  1. Fabio ha detto:

    Bellissime considerazioni… aggiungerei pure una ulteriore riflessione. Se avessero semplicemente proposto di abolire gli auguri di Natale – a parte l’errore clamoroso di cancellare tutte le derivazioni storiche, sociali, culturali, artistiche, linguistiche che la presenza cristiana ha disseminato in molti secoli in tutta Europa – forse avrei potuto anch’io considerarla una opportunità per riscoprire la vera “essenza” del termine. Ma no, figuriamoci, troppo profondo. Invece, si deve togliere la parola Natale (e non solo quella!!!) perchè? Farebbe torto a qualcuno? A qualcuno che non lo festeggia? A qualcuno “diverso”? Con buona pace del fatto che qui si stia facendo una gran confusione sul concetto di diversità, un “pensiero unico” non potrebbe mai tutelare un diverso, e qui già risiede una prima motivazione a tanta scemenza. Ma ancor più, la cosa è su un piano logico, o ontologico, se vogliamo. Togliere “Buon Natale” e dire “Buone Feste” è ridicolo e illogico: il termine “feste”, sostantivo plurale femminile, indica un insieme costituito da ogni singola festa (singolare), la quale possiede una dedicazione specifica (Natale, S. Stefano, Capodanno, Epifania, ecc…) Se si toglie il valore a ciascuna di esse, non esisterebbero le “Feste” proprio perchè non ci sarebbe nulla da festeggiare!!! E che cazzo, andiamo tutti a lavorare il 25/12, il 26/12, l’1/1, il 6/1, e così via! Tanto, mica è un agglomerato di stati laici l’Europa?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi