Ora il neonazismo spaventa l’Europa

In Germania sta tornando con violenza l’incubo dei simboli nazisti – Ansa
da AVVENIRE
3 gennaio 2021
Aumento di adepti e reati in Germania e Austria.

Ora il neonazismo spaventa l’Europa

Vincenzo Savignano
Gli ultimi arresti, a cavallo dei due confini, portano alla luce arsenali consistenti che dimostrano la crescita inarrestabile delle formazioni
Berlino «Mi vergogno di essere tedesco ». Queste le parole del presidente della Repubblica Frank-Walter Steinmeier pronunciate in italiano il 26 agosto 2019 a Vinca di Fivizzano (Massa Carrara), dove nel ’44 le SS della sedicesima divisione Panzergrenadieren massacroarono 173 persone tra cui donne incinte e bambini. In quei giorni si consumarono anche le stragi a Sant’Anna di Stazzema e Marzabotto. Mai nessuno dei suoi predecessori aveva utilizzato parole così dure. Ma ad un anno e mezzo di distanza Steinmeier è il presidente di una Germania federale che deve confrontarsi non solo con i fantasmi del passato, bensì con quelli del presente che stanno corrodendo il Paese.
La milizia austro-tedesca
«Un’organizzazione paramilitare con scopi eversivi e terroristici. Pronta a colpire in Austria e in Germania». Il ministro degli Interni, Karl Nehammer, la mattina del 12 dicembre si è presentato così davanti alla stampa con il capo della polizia di Vienna, Gerhard Pürtl e il vicedirettore della polizia criminale Michael Mimra. Davanti a loro parte dell’arsenale sequestrato tra Austria e Germania, nei länder della Baviera e del Nord Reno Westfalia. «Abbiamo arrestato 5 persone in Austria, altre due in Baviera, ma presto potrebbero esserci altri arresti », aveva spiegato Mimra. Sono stati sequestrati alla milizia neonazista oltre 70 fucili tra cui Kalasnikov, Skorpion e Uzi, anche granate, esplosivo, almeno 100.000 proiettili e armi naziste, ancora funzionanti, tutte scoperte nelle abitazioni degli arrestati, tutti uomini tra i 35 e i 50 anni.
Da dove arrivano le armi?
Le armi, gli stendardi, le divise risalenti all’epoca nazista sono cimeli, simboli molto ambiti tra gli estremisti di destra austriaci e tedeschi, esposti, mostrati come trofei nelle riunioni. La maggior parte dei fucili e delle granate provengono soprattutto dai Balcani in particolare dalla Croazia: «Le indagini sono partite dal commercio della droga, soprattutto cocaina. Con i soldi guadagnati, alcuni degli arrestati si recavano nei Paesi balcanici per acquistare le armi pronte per una guerra», ha illustrato il capo della polizia criminale di Vienna, Michael Mimra. La sera stessa della conferenza stampa del ministro degli Interni austriaco Nehammer il canale pubblico tedesco Zdf, nel suo magazine d’inchiesta, Frontal 21, ha mostrato un documentario sulla rotta balcanica, la stessa da cui arrivavano quelle armi. «Non le vendiamo agli islamici bensì ai tedeschi e ad altri europei, vengono da tutta Europa con valigie piene di soldi». Le armi, ha rivelato il venditore, un ex militare croato seduto accanto ad un bazooka in cerca di acquirente, «risalgono alla guerra della ex Jugoslavia ma provengono anche da altri traffici».
Il funzionario della dogana
Ma c’è altro. La Procura di Monaco di Baviera due anni fa in Croazia ha fat- to arrestare un estremista di destra, tedesco, tale Alexander R., coinvolto in un commercio di droga e armi. Il suo cognome non è mai stato reso noto perché sono in corso ancora delle indagini. Si sa che ha 47 anni ed è bavarese. «La prima volta che ho sentito parlare di lui era nel 2009, faceva il funzionario della dogana. Un’attività che gli ha permesso di svolgere un ruolo chiave nei commerci illegali», spiega nel documentario Robert Andreas giornalista tedesco esperto di estremismi e neonazismo. Alexander R., aggiunge ancora Andreas, era stato a lungo un membro del partito neonazista Npd poi, dopo la sua fondazione, si era iscritto nel partito ultranazionalista e populista Alternative für Deutschland, l’Afd. Per Alternative aveva fatto politica attiva in Baviera fino a poco prima del suo arresto. «Qui l’ho fotografato vicino ad alcuni leader bavaresi di Afd e anche a Bjorn Höcke», aggiunge Andreas mostrando la foto. Höcke è leader del partito in Turingia e spesso indicato dai media tedeschi come capo della frangia più estrema del partito.
Nel mirino del Verfassugsschutz
Da marzo 2020 l’ufficio federale per la difesa della Costituzione, il Verfassungsschutz ha messo sotto osservazione Der Flügel (L’ala), il gruppo che costituiva la fazione più estrema di Afd soprattutto a causa dei due leader Andreas Kalbitz e Björn Höcke, definiti come «estremisti di destra» e «contro l’ordine liberal-democratico dello Stato». I due in una lettera aperta ai loro sostenitori avevano poi decretato lo scioglimento solo formale di Flügel, composta da circa 7.000 membri. A maggio, Kalbitz è stato espulso dal partito Afd perché aveva fatto parte della Heimattreue Deutsche Jugend (Gioventù tedesca fedele alla patria), un’organizzazione di fatto neonazista che Afd ha considerato incompatibile con lo statuto del partito. Höcke ad inizio dicembre è stato confermato leader e capogruppo di Afd in Turingia. Il Verfassungsschutz negli ultimi mesi ha messo sotto controllo anche il movimento dei “Querdenken”, i negazionisti del coronavirus, la maggior parte appartengono a gruppi di estrema destra. Il 30 agosto del 2020, 300 di loro hanno tentato di fare irruzione nella sede del Bundestag, l’ex Reichstag. Il presidente della Repubblica federale, Frank-Walter Steinmeier, lo ha definito «un attacco insopportabile alla nostra democrazia».

1 Commento

  1. Giorgio 1963 ha detto:

    Rigurgiti pericolosissimi. Qualcuno ha affermato che un popolo che dimentica la propria storia è destinato a ripeterla. Fortuna vuole ce l’umanità sia variegata e ad ogni azione si veda corrisposta una reazione. Gli alleati per combattere questi imbecilli non mancheranno. I loro ideali non valgono nulla, i loro sforzi servono solo ad alimentare il mercato delle armi e della droga. Occorre stringere la corda partendo da lì, a mia detta.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi