Ok Attilio Fontana, sei il peggior dirigente politico italiano. Dimettiti

www.rollingstone.it

Ok Attilio Fontana,

sei il peggior dirigente politico italiano.

Dimettiti

Le mascherine – che non si trovano – obbligatorie sono solo l’ultimo tassello della più nefasta gestione politica che la regione Lombardia potesse mai immaginare
di ALESSANDRO GIBERTI
Attilio Fontana è una disgrazia. Mai si era visto prima, alla guida della più importante regione d’Italia, un dirigente (…) politico più unfit. Il suo cursus honorum in epoca di Coronavirus parla per lui. Ma ripartiamo dagli esordi, da quel video da “sciur Mario” in cui esortava la cittadinanza lombarda a utilizzare la mascherina tentando di indossarla. Un disastro: totalmente incapace, c’è voluto il tutorial di Barbara D’Urso, lei sì, in grado di infilarsi l’introvabile congegno.
Non è finita: trascorsi dieci minuti Attilio deve auto-quarantenarsi. Nel suo staff ci sono dei positivi. Intanto impazza il virus, e dall’isolamento – purtroppo non verbale – il nostro si bulla con l’opinione pubblica. “Mi avete preso per il culo per la mascherina eh, avete visto?”. Ovviamente fuori luogo, nessun capo politico serio, con responsabilità alte di governo, si metterebbe mai a cincischiare contro la comunità politico/sociale che amministra. Ma Fontana va oltre: rientra dall’esilio, e ops, si imbatte in un altro caso di positività nel suo intorno. Niente, questa volta non si isola. Decide in autonomia che non è un caso serio, si può andare avanti. Su quali basi scientifiche? Nessuna. Già solo questo sarebbe sufficiente a giustificare le dimissioni. Ma no, Attilio va avanti.
Arrivano i medici cinesi a Milano: Attilio è al settimo cielo. “Avete visto le mascherine? Lo dicono anche i cinesi! Gnegnegne”. Intanto la (una volta) formidabile sanità lombarda mostra la corda. È allo sfacelo. Non ci sono abbastanza posti letto di terapia intensiva, le scelte fatte per agevolare le grandi concentrazioni d’interesse hanno distrutto il sistema sanitario di base, quello capillare, il più prossimo ai cittadini. Fontana che cosa fa? Niente. Manda allo sbaraglio i medici di base lombardi che non ricevono risposte dalla regione e per puro spirito di servizio si immolano in cambio di nulla. Piccolo problema: nemmeno loro vengono testati, quindi si ritrovano potenzialmente a essere propagatori del virus. Di certo non possono abbandonare la cittadinanza come fa il supremo leader regionale. I medici di base sono quindi lasciati a loro stessi: non ricevono ordini chiari dalla regione, che anzi li obbliga a continuare le visite, ignorando il loro stato di salute. Sono positivi? Boh. L’importante è andare avanti, costi quel che costi.
Capitolo tamponi: i tamponi ci sono, mancano i laboratori. Questo 15 giorni fa. Oggi? Non è ovviamente cambiato nulla. Niente tamponi, niente analisi, niente di niente. Si continua a navigare a vista. Ma ecco giungere finalmente l’ora del riscatto del nostro. E l’ora del riscatto ha una data: venerdì 3 aprile 2020, cioè ieri. A causa di una comunicazione scellerata di quegli altri incompetenti al Governo, la popolazione è indotta a pensare che il peggio sia passato. E quindi che cosa succede? Ovviamente – ovviamente – si riversa per strada. Qui Fontana non ha responsabilità dirette, è vero, però che cosa decide di fare? Da dirigente immaturo qual è, invece di correggere l’errore della Protezione Civile e comunicare con forza ai lombardi che bisogna perseverare nello sforzo, che nulla è risolto, che ci vuole ancora pazienza, decide di auto-realizzarsi. Ed ecco l’ordinanza suprema: mascherine obbligatorie. Il che andrebbe anche bene, se non fosse per un particolare. E dove diavolo sono queste mascherine? Presidente Fontana: le hai distribuite? Hai un piano per distribuirle? Ci dici dove le troviamo? Quanto costano? Come fare per recuperarle senza intasare le farmacie? Niente di tutto ciò. Zero assoluto. C’è solo l’obbligatorietà. Ma la politica non è un’imposizione vuota dopo l’altra. La politica è risolvere un problema dopo l’altro. “Va bene anche la sciarpa”, chiude grottescamente Attilio. Ok, da oggi per noi a dirigere la regione Lombardia andrà bene anche un semaforo.

1 Commento

  1. Simone ha detto:

    Chiaramente in tutto questo ci sono migliaia di morti a causa sua e di tutti quelli che hanno distrutto negli ultimi anni il sistema sanitario lombardo.
    Non ho dubbi medici, infermieri e oss sono martiri mandati allo sbaraglio rischiando ogni giorno la vita.
    Fontana e Gallera scellerati che taroccano dati sulla pelle della gente.
    Sta esplodendo la situazione nelle RSA che son diventati cimiteri. 70 morti nel Pio Albergo Trivulvio non dichiarati alla protezione civile. Chiaramente non sono morti fi vecchiaia.
    Strutture sovvenzionate dalla Regione che a inizio Marzo ha chiesto la possibilità di trasferire alcuni contagiati covid non gravi.
    Cioè volevano per sgravare gli ospedali, spostare i malati in via di guarigione nelle RSA.
    Per la dipendenza finanziaria molto non Han potuto rifiutare portandosi il virus in casa.
    Gli accessi al PS diminuiscono perché la gente muore in casa. E nessuno verifica la causa.. tanto è gente anziana.
    Questa è la nostra bella umanità.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi