Omelie 2020 di don Giorgio: DOMENICA DELLE PALME

5 aprile 2020: DOMENICA DELLE PALME
Is 52,13-53,12; Eb 12,1b-3; Gv 11,55-12,11
Zc 9,9-10; Col 1,15-20; Gv 12,12-16
Duplice volto della Domenica che precede la Settimana santa
La Domenica che dà inizio alla Settimana Santa presenta un duplice volto: è detta Domenica di Passione (nel rito romano) o Domenica delle Palme (rito ambrosiano). In entrambi i casi, è evidente dai brani liturgici il riferimento alla Passione di Cristo, che culminerà non in una sconfitta sulla croce, ma in una glorificazione della morte di Cristo, interpretata dagli evangelisti, in particolare da Giovanni, come l’effusione dello Spirito santo. “Emise lo spirito”, ovvero ci ha donato lo Spirito divino.
Anche se la devozione popolare, favorita dalla liturgia ambrosiana, si è limitata a celebrare un aspetto secondario di questa domenica, detta delle Palme, ovvero la benedizione dell’ulivo, come se tutto si riducesse a un ramoscello da portare a casa come scaramanzia contro eventuali malanni, basterebbe leggere attentamente e simbolicamente o misticamente l’episodio dell’entrata di Gesù in Gerusalemme per cogliere già alcuni elementi essenziali della Settimana santa, al di là di un particolare che nel contesto del brano può dire poco o nulla, come quello dei rami di palme, anche se la palma ha diversi e interessanti significati. La sacralità della palma risale a prima dell’avvento del Cristianesimo. Nella mitologia greca la palma è una pianta solare, in quanto essa è sacra ad Apollo. Dagli antichi sacerdoti la palma era adorata come manifestazione del divino, in quanto la sua forma richiama i raggi del sole. La dea della vittoria, Nike, è raffigurata con una palma e una corona di alloro, così come la vediamo incisa sulle medaglie olimpiche. Nella tradizione greco-romana, i gladiatori venivano premiati con un ramo di palma e di alloro. Per la sua capacità di slanciarsi verso il cielo, la palma era considerata un elemento di collegamento tra il terreno e il divino. Nella tradizione cristiana la palma è simbolo del martirio.
Settimana Santa
A proposito della Settimana santa, bisognerebbe dire una cosa importante. Anticamente, era chiamata Settimana “autentica”, quasi a voler dire che è la «vera» settimana dell’anno liturgico, la settimana eminente fra tutte le altre, proprio perché in essa il credente è chiamato a ripercorrere il mistero pasquale di Cristo che per la nostra salvezza soffre, muore e risorge. In altre parole, diciamo che per un credente essa è il modello di ogni settimana dell’anno. Per cui la settimana, come tutti pensano invece, non inizia dal lunedì, ma dal “dies domini”, il giorno del Signore, del Cristo Risorto. Vorrei ricordare che i nomi dei giorni furono assegnati dai Babilonesi ed ereditati dai Romani. Hanno origine dai nomi del Sole e dei pianeti perché gli astrologi dell’epoca pensavano che i corpi celesti “governassero” a turno la prima ora di ogni giorno. Così il lunedì era il giorno della Luna, martedì di Marte, mercoledì di Mercurio, giovedì di Giove, venerdì di Venere . Sabato era in origine il giorno di Saturno. Però, con il diffondersi in Occidente del Cristianesimo, il termine ebraico “shabbat”, ovvero “giorno di riposo”, sostituì in molte lingue il nome pagano. Analogamente il nome domenica (in latino dominica, ovvero giorno del Signore) fu introdotto da Costantino, convertito al cristianesimo, in sostituzione del più antico “Solis dies”, giorno del Sole.
Dunque, ogni settimana si apre con il giorno del Cristo risorto e si chiude con il giorno del Cristo risorto, e questo indipendentemente se uno è credente o non credente.
Come vivere la Settimana santa
Ci viene ora spontanea una domanda che torna ogni anno: come vivere la Settimana Santa? Vorrei riprendere due verbi che si trovano nel secondo brano della Messa, che fa parte del capitolo 12 della Lettera agli ebrei, quando l’autore anonimo scrive: “… tenendo fisso lo sguardo su Gesù…” e poi “… Pensate attentamente…”.
Il primo invito, che rivolgo anzitutto a me stesso, consiste nel fissare lo sguardo sui Misteri divini. Già dire “Misteri divini” richiede uno sguardo speciale, occhi interiori, occhi dello spirito. Ecco dove sta la fede, che è essenzialmente mistica.
Sappiamo che, sia nel rito ambrosiano che nel rito romano, il Triduo pasquale comporta tutta una serie di riti o di cerimonie, anche affascinanti, che celebrano con canti e letture la Passione di Cristo in vista della sua Risurrezione. Sembra che la Liturgia inviti i credenti a non voltar via la faccia dagli eventi che si celebrano, come se presentare il volto di un Cristo sfigurato o addolorato desse fastidio al nostro perbenismo.
Ma forse è sbagliato insistere troppo sull’aspetto fisico del Cristo sofferente. Non è così che si dimostra l’amore del Figlio di Dio per l’umanità. Ci sono stati, ci sono e ci saranno sempre esseri umani che hanno sofferto, soffrono e soffriranno ancor più del Figlio di Dio.
Lo sguardo, quello della fede, degli occhi interiori, va tenuto fisso, andando oltre l’aspetto fisico del Cristo che va verso il Calvario: ci va con tutta la passione mistica che è in Lui.
I pittori sbagliano nel rappresentarlo tutto grondante sangue, senza dare nemmeno l’idea di quella luce che emanava dall’intimo del suo essere divino.
Non è sulla carne martoriata del Cristo sofferente che dobbiamo posare gli occhi della nostra fede: ecco perché i riti e le cerimonie della Settimana santa dovrebbero aiutare la fede, quella interiore, quella mistica, a rivivere la Passione di Cristo. Talora si ha l’impressione che questi riti siano troppo carichi di esteriorità, che possono anche suscitare qualche emozione, che, appena fuori chiesa, passa veloce come un soffio di vento.
Il secondo invito è quello di “pensare attentamente”. Talora si entra in chiesa con tutti i nostri problemi, così pesanti da averci tolto perfino la capacità o la voglia di riflettere. Il discorso diventerebbe lungo, ma almeno una cosa va detta: l’uomo d’oggi ha bisogno di purificare il proprio pensiero, ovvero liberarlo da tutto un mondo di preoccupazioni talora eccessive e inutili.
Quel Cristo nudo sulla croce dovrebbe pur insegnarci qualcosa! Nudo muore, e mentre muore nella nudità dona lo Spirito.
Le donne e la Passione
Basta per ora un accenno. La presenza delle donne durante la Passione dovrebbe farci riflettere. Gli evangelisti insistono nel sottolineare che le donne guardano, osservano stanno in silenzio come sotto la croce. La Donna! È colei che ha gli occhi della fede mistica, colei che vede al di là della carnalità, colei che vede già il Cristo risorto.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi