Omelie 2019 di don Giorgio: TERZA DI PASQUA

5 maggio 2019: TERZA DI PASQUA
At 28,16-28; Rm 1,1-16b; Gv 8,12-19
La fede dei primi cristiani
Non mi stancherò di ripetere, nelle omelie di queste domeniche del tempo pasquale, che il libro “Atti degli apostoli”, scritto dall’evangelista Luca, è un capolavoro, che ha come protagonista lo Spirito santo, che agisce, accompagnando misteriosamente, non dunque spettacolarmente, lo sviluppo del cristianesimo dai primi inizi.
Come ogni inizio di una straordinaria avventura, così anche il cristianesimo, nato sulla croce mentre Cristo esalava il respiro, ovvero donava lo Spirito santo all’umanità, era come sotto gli effetti di una droga pasquale (scusate l’espressione forse un po’ troppo forte).
Lo Spirito aleggia sulle acque
La fede dei primi cristiani sembrava una esaltazione collettiva, ma non lo era. Era invece quel ritorno alle origini, quando il Signore creò il mondo. La Bibbia inizia così: «In principio Dio creò il cielo e la terra. La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque» (Gen 1).
L’espressione: “lo Spirito di Dio aleggiava sulle acque” richiama, nel verbo “aleggiare”, le ali di un uccello: da qui l’immagine della colomba (presente anche nel racconto del diluvio universale: altro inizio di una nuova umanità).
Cristo stesso, all’inizio del suo ministero pubblico tra la gente, ricevette una investitura particolare. Si parla della discesa su di lui dello Spirito santo sotto forma di colomba.
L’azione originale dello Spirito santo
Forse sarebbe il momento di chiederci: in realtà, qual è l’azione originale, ovvero la novità dello Spirito quando agiva sulla creazione?
Talora ci sembra di pensare allo Spirito santo come a qualcosa che richiama una ventata rivoluzionaria, ma non ci poniamo la domanda: in che cosa consiste questa novità?
Si tratta forse di un nuovo radicale inizio, dopo uno sbandamento generale? Si tratta forse di porre fine ad una creazione oramai in coma, dopo millenni di dissacrazione dell’opera divina? Non è anche questo, in fondo, il desiderio dell’uomo contemporaneo, quando prende coscienza di una società che va sempre più alla deriva?
Ricominciare daccapo, rinascere un’altra volta, rimettere in gioco la potenza di un Dio che, come ha saputo trarre dal nulla l’esistente, potrà anche rimettere nel nulla il suo primo parto, per  creare ex novo dal nulla un’altra opera, nella speranza che riesca meglio del primo parto?
In fondo, non è così che va intesa la nascita del cristianesimo? Non è forse iniziato con il dono di quello Spirito, sulla croce?
Ma la cosa assurda è stata, secondo il mio pensiero, la capacità diciamo diabolica della Chiesa che, fin dall’inizio, ha preso la via del riflusso, ovvero del ritorno al prima, al prima del dono dello Spirito sulla croce, ovvero della nuova nascita. Era successo anche con il diluvio: tutto come prima, anzi peggio di prima.
Certo, noi ci diciamo, ci vantiamo di essere cristiani, ma cristiani in che senso? Cristiano vuol dire seguace di Cristo, ma di quale Cristo? Non è forse vero che questo nostro Cristo è solo quello storico, ovvero colui che ha compiuto i miracoli, ha detto questo e quello, dimenticando l’altro Cristo, quello della fede, ovvero il Cristo dello Spirito santo, che ha aperto una nuova via: quella della rinascita?
Sapete come i primi credenti in Cristo venivano chiamati? “Seguaci della Via”! Sì, il cristianesimo non era visto all’inizio come una dottrina, ma come la Via (in greco “odòs”). Meno male che la nuova traduzione del Vangelo è fedele al gesto greco: nella traduzione precedente c’era “ i seguaci della dottrina”. Era sbagliata!
Ma poi che cosa è successo: la Chiesa prenderà la via del ritorno, del riflusso sull’antica strada.
Via verso il Nuovo
Ma la Via del Cristo, ovvero il cristianesimo, non è un ritorno al vecchio, ma un cammino verso il Nuovo. E qui sta il bello di ciò che possiamo chiamare un’altra felice invenzione di Dio: una invenzione, che in realtà è una riscoperta di ciò che c’era già. Il nuovo s’innesta sempre sulle origini, il che non significa che si torna indietro, nel vecchio. Lo so che talora si può giocare sulle parole: si torna, ma non si torna, origini e vecchio. Bisogna anche usare la testa e comprendere il significato delle parole.
In fondo, Cristo non ha inventato nulla di nuovo. Ha solo posto gli esseri umani di fronte a un bivio: o andare verso il baratro, oppure ritornare in quel sé, che è un riflesso divino. Il filosofo greco Socrate aveva fondato il suo messaggio sull’oracolo di Delfi: “Conosci te stesso e conoscerai Dio!”. Così Platone e altri.
Dunque, conosci te stesso e sii te stesso. Ecco anche il messaggio evangelico, che si aggancia al pensiero degli antichi filosofi greci.
Che dire? Mi chiedo – sono domande un po’ provocatorie – il motivo per cui la società di oggi sia finita nelle mani di populisti “carnali”, e per “carnale” intendo una politica che prende la massa per la gola o per il ventre. Mi chiedo il motivo per cui non si prenda invece coscienza del fatto che si è alienati, senza porsi almeno qualche perché.
Perché la gente di oggi non si chiede: esiste un’altra qualità di vivere? Che significa vivere? La vita non è forse anche pensiero, intelletto, spirito? Ma chi oggi, neppure la Chiesa, parla di essere, come di quella realtà che è l’essenza di noi stessi?
Conosci te stesso, e vivrai. Diversamente, se restiamo fuori di noi, ovvero alienati, saremo costretti a vegetare come cadaveri.
Perché oggi esiste tanta infelicità, tanta insoddisfazione? Il motivo è questo: si vive fuori di noi, come alieni. Siamo altri da noi stessi.
Perché follemente e barbaramente la politica continua sulla strada della carnalità, e perché la Chiesa non ha il coraggio di parlare apertamente (parresia!) di essere e del mondo dello spirito?
Sì, la politica è una barbarie, complice una Chiesa che tace, preoccupata solo di salvare la faccia dagli scandali per la pedofilia del suo clero.
Anche il cittadino tace, anche il credente tace. E acconsente.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi