“Ma nell’Italia di oggi le Unioni civili non passerebbero”. Parla Cirinnà

da Democratica
Carla Attianese
4 giugno 2019

“Ma nell’Italia di oggi le Unioni civili

non passerebbero”.

Parla Cirinnà

L’intervista alla madrina della legge a tre anni dalla pubblicazione in G.U.: “Clima oscurantista. Serve un Pd coraggioso e che parli di uguaglianza”
Il 5 giugno saranno passati tre anni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale di una delle leggi che hanno segnato la scorsa legislatura, quella sulle Unioni civili. Secondo una stima del ministero dell’Interno, ferma però al dicembre 2017, sono circa 10mila le coppie che hanno scelto di unirsi civilmente, eppure qualcosa nel clima del Paese sembra essere cambiato. Ne abbiamo parlato con Monica Cirinnà, colei che a quella legge ha prestato il nome.
È vero che in tre anni il clima che si respira attorno al tema dei diritti civili è cambiato?
Sì, quel clima positivo che si è respirato in Italia nei due anni in cui abbiamo lavorato sulla legge in commissione Giustizia, costruito attraverso l’interlocuzione positiva tra il Pd, con il contributo di Matteo Renzi, e le associazioni, oggi non si respira più. L’Italia oggi è involuta, precipitata in un clima oscurantista, con una maggioranza che considera ogni diversità un disvalore, mentre al contrario per noi erano un valore. Oggi la diversità è vista come un nemico, va taciuta e nascosta, e questo vale per gli omosessuali come per le donne, gli immigrati ma anche per le persone malate o portatrici di handicap. Non c’è un solo atto legislativo a vantaggio di queste persone.
Può essere una delle spiegazioni alla base dei tanti episodi di intolleranza?
Purtroppo si moltiplicano gli atti di omofobia, di razzismo e di violenza contro le donne senza che vi sia alcuna politica di contenimento. Quando i primi che bullizzano sono al governo, quando il primo bullo è quello che io chiamo il ministro dell’’inferno’, questi sono i risultati. Oggi siamo in un’Italia diversa in cui avremmo fatto molta più fatica ad approvare non solo la legge sulle Unioni civili, ma anche altre misure importanti come il dopo di noi, il testamento biologico o il divorzio breve. Abbiamo un ministro che sventola il Rosario e che poi si comporta all’opposto di quello che la sua religione gli indicherebbe.
Oggi al centro dell’agenda c’è l’economia, ma a proposito di misure oscurantiste il Ddl Pillon è ancora lì, giusto?
Quando si parla di diritti è sempre un’emergenza, perché si parla di dignità delle persone. È vero che l’emergenza vera sono l’economia e il lavoro, anche se il governo fa finta di nulla, ma anche il ddl Pillon è un’urgenza perché tocca profondamente le liberta costituzionali delle famiglie e delle donne. Hanno detto di tutto ma gli atti concreti stanno a zero, anche da parte di M5S che ne aveva annunciato il ritiro. La verità è che il testo resta incardinato in commissione e porta ancora le firme dei Cinque stelle. Come al solito hanno fatto solo parole senza cambiare nulla e l’11 giugno riprenderà la discussione in commissione, e noi saremo lì come sempre a dare battaglia.
A proposito di M5S, hanno provato a spostare la barra a sinistra ma il voto non li ha premiati…
Perché M5S non è un partito di sinistra. Al contrario, è la causa dello strapotere della Lega perché pur di arrivare al governo si è piegato a un’alleanza con la forza più oscurantista del Parlamento. E non dimentichiamo che M5S e Lega hanno entrambi votato contro le Unioni civili, pur non essendo ancora alleati. Questo accade perché combattono nello stesso campo, provando a parlare a quell’Italia orfana di Berlusconi. Chiunque veda nel M5S un partito di sinistra sbaglia di grosso, non hanno mai votato una sola legge di sinistra. La gran parte degli italiani se ne sta accorgendo non andando a votare, e il Pd è a loro che deve rivolgersi dando la certezza di attuare politiche che parlano alle famiglie e ai lavoratori.
Siamo nei giorni dell’Onda Pride e sabato ci sarà il Roma Pride. Il Pd deve esserci?
Per tornare a parlare all’astensione dobbiamo avere coraggio, quello che voglio è un Pd che con fermezza parli di radicalità sociale e di uguaglianza, tornando a proporsi come una comunità che sconfigga le tante solitudini in cui oggi si vive, dalle periferie alle solitudini culturali. È su questo che si innesta la grande Onda Pride, le uniche manifestazioni a cui continuano ad aderire i giovani, in cui si chiedono pari dignità e uguaglianza. Per questo sono certa che il Pd anche quest’anno, come con Maurizio Martina, darà la propria adesione. Intanto il Pd Roma ha aderito al Pride di sabato e in tanti ci ritroveremo in piazza.

 

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Siamo in piena restaurazione. Da sempre l’oscurantismo e l’ignoranza sono armi molto potenti in mano a chi gestisce il potere in forma autoritaria e illiberale. Con questo genere di governi vengono spazzati via anni e anni di storia, di civiltà e di coquiste sociali che, a fatica, hanno garantito diritti elementari e sacrosanti alla umanità intera.

  2. bartolomeo palumbo ha detto:

    Non sono un esperto di politica,ma devo riconoscere che mentre la sinistra rivendica il ditto di vivere secondo le proprie convinzioni senza imporre nulla a nessuno,la destra nega questo diritto,imponendo.La posizione della destra e’ antidemocratica.CIAO.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi