Omelie 2015 di don Giorgio: Sesta dopo Pentecoste

5 luglio 2015: Sesta dopo Pentecoste
Es 3,1-15; 1Cor 2,1-7; Mt 11,27-30
Ci sono alcuni aspetti comuni nei tre brani della Messa. Uno un particolare: da una parte c’è un Dio che guarda agli oppressi così da scendere accanto a loro, e dall’altra il Signore si serve di servitori umani, umili e interessati solo alla causa dell’Umanità più integrale.
Certo, non possiamo dire che sia Mosè come l’apostolo Paolo e lo stesso Gesù Cristo siano stati umili nel senso di remissivi ciecamente a degli ordini provenienti dall’alto. Ciascuno di loro aveva una spiccata personalità, anche di autorevolezza. Di fronte ad una nobile causa, non si può tentennare, o giocare a fare il finto democratico. Se questo è il Bene comune, bisogna attuarlo, e farlo attuare, a tutti i costi, evitando il più possibile compromessi o altro, e soprattutto di cercare il consenso generale. Dovremmo rivedere quel falso o apparente concetto di democrazia, che purtroppo è presente, non soltanto tra il popolo cosiddetto bue, ma anche tra i cosiddetti intellettualoidi, soggiogati dal pensiero unico.
Mosè, il popolo e il nome di Dio
La missione di Mosè non è nata il giorno in cui il Signore lo ha chiamato sul monte Oreb. La sua vocazione è scaturita tra il suo popolo, quello ebraico, oppresso dalla schiavitù. Mosè ha visto, ha constatato di persona le angherie compiute dagli egiziani. Si è ribellato, ha ucciso un aguzzino per difendere un ebreo, e dovette fuggire, lontano, nella terra di Madian. Qui si sposa con una delle figlie del sacerdote del luogo, e vive come pastore una vita tranquilla, fino a quando il Signore non gli parlerà attraverso un roveto ardente.
Il racconto di questa “strana”, come vedremo, manifestazione di Jahvè si svolge attraverso una sequenza di particolari davvero interessanti. È una delle pagine fondamentali nella storia del popolo ebraico.
Mosè si avvicina al roveto e si chiede: “Perché il roveto arde, ma non si consuma?”. Ed ecco, mentre Mosè si pone la domanda, il Signore lo chiama: “Mosè, Mosè!”, e lo invita a togliersi i sandali per il rispetto al luogo santo. Il Signore poi si auto-presenta come il Dio degli antichi patriarchi. Mosè allora si copre il volto. Il Signore continua a parlare spiegando i motivi del suo intervento: liberare il popolo eletto dalla schiavitù egiziana. E affida l’incarico proprio a Mosè, che sul momento manifesta tutta la sua inettitudine. Ma il Signore lo rassicura: “Io sarò con te”. A questo punto Mosè osa chiedergli il nome, come garanzia davanti al popolo ebraico. Il Signore risponde dicendo: “Io sono colui che sono”.
Vorrei ora soffermarmi su qualche particolare del racconto, benché sinteticamente. Ho trovato delle spiegazioni davvero affascinanti: sui termini, sulle espressioni, sui gesti.
Il significato di alcuni termini: monte, Oreb, roveto
Alcuni fanno notare il significato del nome “monte”, in ebraico har, che ha la medesima radice di harah e “incinta”. Ad una lettura simbolica possiamo dire che nel suo incontro con Dio, Mosè sta per essere generato o rigenerato.
Così la parola “Oreb” deriva da h’arav, che vuol dire “distruzione”. Il monte della maternità è un luogo di distruzione. Come far coincidere questi due aspetti apparentemente contraddittori? L’incontro con il Signore segna per Mosè un’auto-coscienza più matura della sua missione. Questo avviene attraverso un travaglio. Incontrare Dio significa morire per poi rinascere.
Interessante è anche il nome “roveto”. Il roveto, nella Sacra Scrittura, a cominciare dalla punizione del peccato di Adamo (cfr. Gen 3,18: “Spine e cardi (il suolo) produrrà per te”), ha normalmente un significato negativo. In questo caso, però, i commenti rabbinici parlano del roveto come di una “pianta dolorosa” e ne spiegano il suo profondo senso. Ecco cosa scrive il grande Rashì: «La Torà specifica la natura del cespuglio con uno scopo ben preciso, ossia d’insegnarci qualcosa che è implicito nelle caratteristiche del roveto. Dio, infatti, accompagna il popolo ebraico anche nei periodi più “spinosi” dell’esilio ed è partecipe delle sofferenze dei suoi figli, come è scritto nel Salmo 91,15: “Io mi trovo con lui nella disgrazia”». Su questa scia, la tradizione cristiana ha visto nel roveto, “pianta dolorosa”, un’anticipazione dell’albero della Croce, pianta dalla quale si ri-velerà un Dio che partecipa pienamente al nostro dolore.
Colui che è
Sarei tentato di soffermarmi sul fatto che il cespuglio ardeva ma non si consumava, ma entrerei in un campo, quello mistico, che non si può liquidare con due parole. Preferisco invece soffermarmi sulla definizione che Dio dà di se stesso, quando Mosè gli chiede il nome. “Io sono colui che sono”. Sì, è vero che il Signore non intendeva dare di se stesso una definizione filosofica, come a dire: “Io sono Colui che ha l’essere per essenza”. Tuttavia, anche qui, i mistici hanno visto più dei filosofi. In ogni caso, gli esegeti, che sono concreti, interpretano le parole di Dio in questo senso: Dio è colui che si rende “presente a”, che è “in favore di”. La risposta di Dio andrebbe, dunque, intesa in senso esistenziale e storico. Dio è colui che si fa coinvolgere con la storia del Popolo di Abramo.
Da questo episodio, ovvero dall’incontro di Mosè con il Signore sul monte Oreb, una cosa risulta chiara: Dio è colui che libera. Il Signore non è colui che ci rende schiavi con delle norme, con delle proibizioni, con dei divieti, ma il nostro Dio è positivo, è colui che ci libera da ogni schiavitù. Forse qui la parola “essere” dovrebbe essere recuperata, in un mondo in cui tutto sembra condizionarci nell’avere, che rende schiavi.
Se il Signore dice “Io sono per…”, significa che è dall’essere che parte la nostra solidarietà, il nostro impegno per gli altri, il nostro servizio anche politico. Non so fino a che punto possa servire dire queste cose, quando la gente non vuole ascoltare questi discorsi.
Sapienza divina risiede nella unitarietà dell’Universo
Passiamo al brano di San Paolo. Giustamente qualcuno ha scritto che lo Spirito di Sapienza, perciò la Sapienza divina, ci educa a guardare il creato nella sua realtà più profonda, e non in modo meccanicistico, come qualcosa che automaticamente produce ordine, bellezza, potenza e quant’altro.
Un autore ha scritto: “Lo Spirito di Sapienza ci spiega l’Uni-verso, cioè il verso unico che hanno tutte le cose, e quindi il punto di arrivo e di partenza di tutta la realtà”. Interessante quindi il termine “universo”: tutta la realtà tende verso l’Uno.
Anche la scienza sta scoprendo sempre più questa tensione innata nelle realtà più atomiche, nelle particelle più invisibili verso l’armonia cosmica. Lo Spirito di Dio ci aiuta ancor più a metterci in questo viaggio meraviglioso. Tutto è Uno.
L’Universo non è un insieme di atomi a se stanti. C’è un qualcosa che ci lega gli uni agli altri. La Sapienza dello Spirito ci aiuta a cogliere questa unitarietà. L’atomizzazione, cioè scomporre o polverizzare la realtà cosmica nei minimi elementi a scapito dell’organicità, dell’unitarietà, è la malattia di questo secolo. Ed è questa malattia che ci sta distruggendo nella nostra fratellanza umana. La solidarietà, prima che una questione morale, è una questione di entità reale. Noi siamo fatti l’uno per l’altro, perché siamo per costituzione uniti nell’essere. Ogni forma razzista, ogni individualismo esasperato, ogni egoismo che respinge l’altro sono una violazione dell’Umanità, nel suo dna.
Il mio giogo è dolce
Il Vangelo di oggi riporta alcune parole di Gesù, che dovrebbero esserci di grande consolazione: il Signore in cui crediamo non è un tiranno o uno che si diverte a caricarci di pesi opprimenti. Già la gente è stanca e oppressa, come dice Gesù, e come si potrebbe sopportare una religione che aumenta norme e divieti, oppure predica solo sacrificio e rinunce?
Gesù è venuto per liberarci da pesi inutili, e a dirci che la cosa più bella è la libertà interiore, ovvero la leggerezza del nostro essere. Come credenti dobbiamo fare un serio esame di coscienza: il nostro problema non è quello di rendere questa nostra esistenza ancor più dura di quella che è già, ma, se dobbiamo parlare di sacrificio, è in rapporto all’essenziale. Si tratta, cioè, di togliere, di eliminare, di tagliare tutto ciò che è superfluo, inutile, accessorio, ed è questo mondo di eccesso ad appesantire la nostra esistenza.
Toccare l’essenziale della nostra vita non è gradito a Dio. Restituire vita alla nostra esistenza è andare all’essenziale, e disseppellirlo da un mondo di pesi inutili.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi