Su sponde diametralmente opposte, ma con lo stesso obiettivo: smascherare l’ipocrisia di papa Bergoglio!

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Su sponde diametralmente opposte,

ma con lo stesso obiettivo:

smascherare l’ipocrisia di papa Bergoglio!

Nel passato, mi sono scontrato più volte con Antonio Socci, che a sua volta non ha risparmiato giudizi pesanti nei miei riguardi.
Siamo da sempre su posizioni diametralmente opposte: lui, mai stanco di lottare per una Chiesa che non potrà più tornare, perché ancorata ad un passato che per fortuna è crollato sotto i colpi di un laicismo razionalista, ma soprattutto per l’avanzare di un “risveglio” dei valori umani, tali da scuotere il massiccio mostro strutturale ecclesiale; ed io, desideroso e voglioso che tale “risveglio dell’essere umano” travolga del tutto la struttura ostinatamente ancora chiusa della Chiesa cattolica.
Ma c’è un ostacolo in comune, ed è l’attuale Papato, che sembra accelerare i tempi dello Spirito fingendo di rimuovere rottami e sbloccare le aperture umane, ed è per questo che Antonio Socci gli lancia anatemi e maledizioni, perché teme che la gente ci caschi e vada alla deriva, sfruttando anche la popolarità di Bergoglio per fare i cazzi che vuole; ma in realtà questo Papato è del tutto illusorio, ed è per questo che anch’io mi scaglio contro, denunciandone l’inganno.
Antonio Socci su una sponda, ed io su un‘altra, riteniamo papa Bergoglio responsabile o di alto tradimento (da parte di Socci) o di illudere la massa come se la Chiesa stesse aprendo chissà quali porte e finestre (da parte mia).
Se Socci è per una restaurazione dell’antico, da parte mia c’è un grande desiderio per un rinnovamento radicale. Anche Socci crede che la Chiesa si sia allontanata dal suo Fondatore, ma forse da quel Gesù di Nazaret che è morto definitivamente sulla croce. Io credo invece che la Chiesa si sia allontanata da quel Cristo della fede o mistico, per il quale mistici e profeti sono stati martirizzati proprio dalla Chiesa-istituzione. Socci teme che la Chiesa si tolga qualche vestito di troppo, io invece temo che sotto la pelle della Chiesa-istituzione sia rimasto solo il vuoto interiore.
Ma forse bisognerebbe avere il coraggio di denudare le parole e toglierle dal guscio protettivo e mortificante: quello di giocare ad esempio su parole equivoche, quali: rinnovamento o restaurazione, apertura, fedeltà al Vangelo, umanesimo, ecc. Ma una cosa mi pare chiara: Antonio Socci è più sincero e coerente di papa Bergoglio; non cerca il consenso, e perciò scrive ciò che pensa in vista del bene di una Chiesa ancorata al passato, mentre Bergoglio è condizionato dal consenso quasi generale, soprattutto da parte dei mass media o di quei devoti atei che, paradossalmente, si dimenticano di essere… atei.
In realtà, non si sa cosa realmente pensi papa Bergoglio, probabilmente è sulla stessa linea di Antonio Socci, ma vuol far apparire di essere “modernista”, e ciò fa incazzare di brutto Antonio Socci. 
Anch’io m’incazzo, ma perché sono sicuro che papa Bergoglio la pensi come Socci, ma inganna il popolo credente e il mondo ateo, facendo loro credere di essere aperto ai problemi dell’uomo d’oggi.
Sì, Antonio Socci crede fermamente in ciò che dice o scrive, ma non per questo, pur rispettando la sua sincerità, condivido ciò che egli sostiene, perché ritengo che oramai sia fuori tempo massimo. Se la Chiesa deve tornare alle origini, ciò non significa che deve tornare indietro, ma deve far scaturire dalle origini della purezza evangelica quelle novità che, col tempo, ma già dagli inizi del secondo secolo, sono state subito frenate e represse sotto il peso di una struttura ecclesiastica, che via via s’ingrossava, imponendo la legge del potere e soggiogando le coscienze e mortificando gli spiriti liberi.
Anche l’ultima proposta di Antonio Socci di consacrare alla Madonna l’Italia per evitare in futuro altri disastri naturali, se ciò rientra nella sua concezione religiosa di potenze divine super protettrici, non è per nulla da me condivisibile, perché, a differenza di Socci, ho un’altra concezione della sacralità umana. Anch’io credo che tutto sia sacro, e che violentare la sacralità dell’essere umano o anche della natura in generale, ciò possa generare seri problemi e conseguenze dannose, ma ben al di là di fenomeni naturali.
Caro Socci, anche qui proprio non ci siamo. Per me sacralità è innata nell’essere umano e in generale in ogni realtà creata, anche nella natura, ma non puoi confonderla con l’aspetto religioso, che è un’altra cosa, purtroppo. Non è benedicendo un’auto o consacrando un paese o una nazione che l’auto o il paese o la nazione saranno esenti da ogni pericolo fisico. Che c’entra? Che concezione hai ancora di Dio o, meglio, della religione cattolica? Il fenomeno del terremoto non si risolve con un rito religioso: possiamo anche fare mille consacrazioni, ma i terremoti, se devono far danni, li faranno. Basterebbe già pensare al crollo delle chiese, dei conventi, ecc. Che siano anche questi crolli delle maledizioni divine? Come si può pensarlo? Casomai, è la nostra alienazione umana che, oltre al terremoto, procura altri danni oltre a quelli materiali. E la religione, essendo alienata e alienante, non solo non può nulla, ma crea ulteriori problemi.
Terremoti o no, alluvioni o no, il vero problema è l’essere umano che resta sempre in coma. Avvenissero terremoti interiori, tali da far scaturire all’esterno energie nuove!
Infine, lasciamo perdere la storia di Lutero e del tentativo di riappacificazione da parte della Chiesa cattolica con il grande Riformatore tedesco. Anche qui, altra ipocrisia di questo Papa che sembra aprirsi anche agli eretici, ma che in realtà finge per mettere il proprio cappello su chi, se fosse qui oggi, brucerebbe il Vaticano.  
5 novembre 2016
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

1 Commento

  1. Caro Don Giorgio
    io non ho ancora capito il motivo di questo Suo livore contro il Papa. Cosa dovrebbe fare se non aiutare la Santa Madre Chiesa a ripulirsi da tutto quel marciume che da secoli La pervade. Cosa ne sa Lei delle preghiere che il Santo Padre ogni giorno fa davanti al Santissimo e di cui nessuno parla. Solo la preghiera ci salverà dal male che purtroppo domina questo nostro mondo. Io ogni tanto prego anche per Lei perché ritorni ad essere un Buon Sacerdote. Con affetto. Votta Amedeo

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi