La pasionaria della metropolitana: eroe non tanto per caso, con grandi ideali e molto coraggio. Intervista a Maria Rosaria

da www.articolo21.org

La pasionaria della metropolitana:

eroe non tanto per caso,

con grandi ideali e molto coraggio.

Intervista a Maria Rosaria

4 novembre 2018
di: Désirée Klain
“Tu non sei razzista, si strunz!”. La pasionaria della Circumvesuviana di Napoli ha 62 anni e due figlie, da quando ne aveva quindici fa la sarta e da venti anni lavora a tempo indeterminata alla sede della Rai di Napoli. Come ha raccontato il  video postato sui social, che ha fatto milioni di visualizzazioni, Maria Rosaria Coppola è balzata alla cronaca venerdì scorso per aver difeso, senza preoccuparsi delle conseguenze, un immigrato offeso ingiustamente. Lo ha fatto senza che nessuno intervenisse, mentre lo xenofobo di turno inveiva con violenza verbale contro di lei e continuava ad alta voce (quasi un comizio pubblico) a pretendere ragione argomentando la superiorità della sua razza. “L’Italia non è loro, è nostra!», ha gridato minaccioso. La signora non si è fatta intimorire e indicando l’immigrato ha risposto: «Preferisco che sia la sua, non la tua». E poi gli ha fatto capire che poteva anche difendersi a colpi di ombrello.
Otto ore di lavoro con turnazione, tante fiction e produzioni nella sua lunga carriera, “stiamo in preparazione con due ‘puntatissime’ con Renzo Arbore”, spiega con entusiasmo l’eroe per caso.
Maria Rosaria, ma lo rifarebbe quello che ha fatto, non ha avuto paura?
Si, lo rifarei, anche se le mie due figlie mi hanno un po’ rimproverata, perché potevo rischiare… Un ramanzina detta, tra l’orgoglio di avere una mamma che non si preoccupa di niente e l’incoscienza in certe situazioni.
Nella persona che ha difeso vedeva forse un figlio?
No, vedevo un uomo che subiva una mortificazione, anche doppia. No solo era offeso, ma doveva essere anche difeso da una donna.
Ci racconti meglio quei momenti, che cosa è accaduto prima di quello che è stato mostrato nel video, pubblicato sui social?
Il ragazzo italiano accusava l’immigrato di essere stato strattonato, ma non era vero, poi ha iniziato ad insultarlo pesantemente, sul colore della sua pelle, eccetera.
Un razzista?
No, credo sia solo un cretino. Una persona debole, che per intolleranza ed ignoranza fa il gradasso con chi sente più piccolo di lui…
Dal video sembra che nessuno si sia mosso ad aiutarla…
Mi hanno detto che il ragazzo che ha girato le immagini con il cellulare ad un  certo punto si sia seduto accanto a me e che poi, quando sono uscita, un altro immigrato dell’est si è alzato per accompagnarmi alla fermata. In ogni caso nessuno si è veramente attivato
Gli italiani, quindi, sono diventati più razzisti?
No, non credo che gli italiani diventeranno mai un popolo di razzisti, ma  sono sicuramente esasperati. Le politiche di accoglienza attuate negli ultimi anni ci hanno portato all’intolleranza. In ogni caso non si può stare in silenzio di fronte a certi gesti, altrimenti si diventa complici. Il punto è che adesso i politici cavalcano l’onda, giocando sull’ignoranza delle gente creano un clima di paura. Ma d’altra parte parte si fanno sbarcare tanti immigrati, bisogna anche saperli accogliere… Anche adesso le cose stanno andando come prima, non vedo niente di costruttivo. C’è, per esempio, una comunità Rom che dorme per terra a Gianturco, tra topi e sporcizia, ci passo tutti i giorni. Non è questo il modo di accogliere gli stranieri.
Che cosa l’ha fatta arrabbiare di più in quei momenti in treno?
Il fatto che nessuno abbia chiesto di bloccare il treno in un momento del genere, che poteva davvero diventare pericoloso. Il litigio è accaduto prima della partenza, a piazza Garibaldi, si poteva anche evitare che partisse. Durante il tragitto ho anche cercato di aprire il finestrino, nel tentativo di far capire che bisogna fermarsi. Poi c’è stata una fermata successiva e nessuno è andato ad avvisare il macchinista sulla gravità di quello che stava accadendo. In generale negli autobus, nelle metropolitane, nei treni, bisognerebbe attivare la sorveglianza. Il macchinista non può stare fermo nel suo gabbiotto, deve capire che cosa sta accadendo.
Intanto Umberto de Gregorio presidente di Eav, l’azienda trasporti della Circumvesuviana martedì prossimo ha annunciato che le consegnerà il premio “cittadina coraggiosa” e un mazzo di fiori. Andrà a ritirarlo?
Sì, anche per dire che bisogna attivare personale formato per salvaguardare l’incolumità dei passeggeri. Poteva accadere una disgrazia l’altro giorno.
Un messaggio da dare per difendersi in queste situazioni?
Più siamo, più si è forti. Un fesso del genere davanti a tanti che lo fermano, ci pensa due volte la prossima volta prima di offendere qualcuno
L’hanno intervistata in tanti?
Oggi non ho risposto a nessuno, ma lei mi è simpatica…
C’è un eroe non tanto “per caso” a Napoli, che imbastisce oltre che vestiti, lezioni di coraggio e di vita… Grazie Mariarosaria
*Portavoce Articolo21 Campania

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Mi dispiace contraddire la signora, ma temo che gli italiani siano razzisti, o per lo meno lo stiano diventando. Allo stesso tempo, però, condivido la sua opinione che siano esasperati. Siamo rimasti spiazzati da queste improvvise ondate di immigrati che probabilmente possono aver dato la sensazione di una sorta di invasione. Nel nostro trantran quotidiano ci capita di incontrare un numero impressionante di persone a cui non prestiamo attenzione perché ci siamo abituati, andiamo per la nostra strada distrattamente, con la testa occupata da mille pensieri e facciamo a mala pena caso al percorso che stiamo compiendo. Però se ci si presenta davanti qualcuno che appare diverso, l’attenzione si risveglia perché la sua stessa presenza ci infastidisce e all’improvviso ci vengono in mente tutti i luoghi comuni che accompagnano il fenomeno dell’immigrazione. Il fatto è che alla base c’è una totale assenza di educazione e ancor di più di educazione civica che servirebbe a capire le ragioni che spingono queste persone a cercare uno spazio di vivibilità lontano dal paese d’origine. Nessuno ci ha preparato a tutto ciò, anche se tutto sommato poteva essere prevedibile, anzi i governanti ( in particolare quelli attuali) e le altre forze politiche, spesso hanno fatto di tutto per cavalcare il malcontento e alimentare la fiamma dell’intolleranza e dell’indignazione. Episodi come quello della Circumvesuviana credo siano all’ordine del giorno, ma quasi nessuno di noi si comporta come Maria Rosaria.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi