Il vaccino italiano supera la fase 1: ecco che cosa significa

Il team di ricercatori dell’azienda biotech ReiThera, che ha sede a Castel Romano – Ansa
da AVVENIIRE
5 gennaio 2021
Coronavirus.

Il vaccino italiano supera la fase 1:

ecco che cosa significa

Viviana Daloiso
Presentati allo Spallanzani i primi risultati della sperimentazione di ReiThera su 100 volontari: il farmaco non ha scatenato reazioni gravi e ha prodotto anticorpi neutralizzanti nel 92,5% dei casi
È l’inizio di una buona notizia. Perché, se è vero che il vaccino tutto italiano ReiThera non ha generato reazioni avverse serie nei primi 100 volontari che se lo sono visti iniettare negli scorsi mesi e ha dimostrato di produrre anticorpi neutralizzanti in ben il 92,5% dei casi, vero è anche che la strada è lunga e quasi tutta da percorrere ancora. Dalla fase 1 in su, verso la 2 (centinaia di persone da vaccinare) fino alle 3 (migliaia). Un percorso destinato a durare mesi – ottimisticamente sei, verosimilmente forse il doppio – e che per ora, nel mondo, dei 200 candidati vaccini esistenti sono riusciti a completare soltanto in cinque: Pfizer, Moderna, AstraZeneca-Oxford, il cinese CanSino e il russo Sputnik V (questi ultimi due senza pubblicazioni).
Eppure l’Italia, da oggi, c’è. E vuole a tutti i costi esserci, visto che – come ha sottolineato bene il commissario all’Emergenza Domenico Arcuri – il coronavirus non se ne andrà in fretta, e se ora possiamo permetterci di dipendere dagli altri, in futuro chissà, forse sarà meglio essere autosufficienti «come è avvenuto con mascherine e ventilatori nei mesi scorsi».
Come funziona il vaccino
Ecco dunque la promessa del vaccino ReiThera Grad-Cov2, così come l’ha illustrata il direttore scientifico dello Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito: «Abbiamo iniziato la sperimentazione del vaccino il 24 agosto e a 21 giorni non è stato osservato nessun evento avverso. Ci sono stati effetti indesiderati nel sito di iniezione, ma assolutamente rientrati senza la necessità di intervento medico e minori rispetto ai vaccini di Pfizer e Moderna». Il vaccino produce anticorpi neutralizzanti rilevabili nel 92% delle persone vaccinate: sono stati trovati, cioè, in 42 dei 44 volontari ai quali è stato somministrato il farmaco (agli altri è andato il placebo) e le due che non hanno sviluppato anticorpi ne avevano ricevuto un dosaggio basso.
Di più, e qui veniamo ad altri due aspetti ancor più promettenti: il vaccino in fase di emergenza prevede una sola somministrazione (non due, come i candidati americani per intendersi) e si mantiene stabile a una temperatura standard di frigorifero (2-8 gradi). «Sottometteremo il protocollo alle agenzie in tempi brevi – ha aggiunto Ippolito -. L’ipotesi è chiudere la fase 3 entro l’estate. E puntiamo a produrre 100 milioni di dosi all’anno a pieno regime». Che l’autosufficienza garantirebbero eccome, al nostro Paese, nell’eventualità (ancora tutta da dimostrare per altro) che il vaccino contro il Covid debba essere ripetuto ogni anno, come l’antinfluenzale.
Il ruolo del governo nella sperimentazione
Soddisfazione è stata espressa dalle autorità sanitarie del Paese in blocco, a cominciare dal ministro della Salute Roberto Speranza: «Se si confermeranno i dati ottenuti finora avremo nei prossimi mesi un vaccino efficace e sicuro con una sola dose invece che con due. Sarà prodotto interamente nel nostro Paese. È importante continuare ad investire sulla ricerca italiana e sulle sue eccellenze scientifiche». Concordi il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli e il direttore dell’Aifa Nicola Magrini.
Ma notizie ancor più rilevanti sono arrivate proprio dal commissario Arcuri, che ha spiegato come lo Stato entrerà in maniera decisiva nel meccanismo di finanziamento della sperimentazione: «Il governo, per il tramite di una società pubblica, entrerà nel capitale dell’azienda per sostenerne, anche attraverso una iniezione di equity, la successiva fase 2 e fase 3. In cambio di questo sostegno noi tentiamo di raggiungere due obiettivi molto importanti. Il primo, lasciare al nostro Paese una capacità di ricerca, sviluppo e di sperimentazione che un anno fa non c’era e il secondo quello di avere la possibilità di acquisire dosi di vaccino per i nostri cittadini in misura stabile e crescente, anche al di là della prima urgenza che in queste ore ci affligge e che stiamo governando insieme all’Unione europea e agli acquisti centralizzati – ha spiegato Arcuri -. Se ci riusciremo o no dipenderà dalla qualità della successiva fase di sperimentazione» ha concluso.
E ci sono già anche le prime polemiche, visto che ReiThera sulla carta risulta controllata da una società svizzera, la Keires. «In realtà ReiThera è una società italiana che lavora sul territorio italiano, paga le tasse in Italia e questo vaccino è stato sviluppato dai ricercatori che lavorano in Italia» ha puntualizzato la presidente Antonella Folgori. Il brevetto di questo vaccino, ha precisato, «è di ReiThera e abbiamo messo a disposizione tutte le nostre risorse e capacità per sviluppare un vaccino in primo luogo per l’Italia e poi per dove servirà».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi