E ora basta con l’insostenibile uso degli animali selvatici

Al mercato degli animali selvatici vivi di Guangzhou © Ap/Xinhua
da IL MANIFESTO

E ora basta

con l’insostenibile usodegli animali selvatici

Lezioni di epidemia. Il terrore del contagio potrebbe essere un’occasione per abolire i traffici illegali di selvaggina nel mondo
Marinella Correggia
06.02.2020
Incidere sulle cause? La crisi del coronavirus può diventare un’opportunità per avanzare – nel mondo, non solo in Cina – verso l’abolizione del traffico spesso illegale di animali selvatici; un attentato alla biodiversità che, secondo il Wwf, frutta 20 miliardi di dollari all’anno.
In effetti alla Bbc il dottor Ben Embarek dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha confermato la «probabilità elevata» che il nuovo coronavirus, l’ormai famigerato nCoV-2019, arrivi dai pipistrelli, e prima di approdare agli umani sia transitato per altre specie animali. Così avvenne per i coronavirus causa della Sars (sindrome respiratoria acuta grave) scoppiata nel 2002-2003, 774 morti e della Mers (sindrome respiratoria mediorientale) scoppiata nella Penisola araba nel 2012 e mai terminata, 858 morti fino allo scorso novembre. Coronavirus anch’essi probabilmente provenienti dai pipistrelli, poi transitati rispettivamente attraverso civette e cammelli.
FRA MERCATI LOCALI e canali internazionali, reti illegali e percorsi informali, molte delle malattie infettive emerse negli umani provengono dagli animali, in particolare quelli selvatici. Dalla caccia fino al consumo, i contatti con la fauna selvatica da parte di umani e animali domestici sono numerosissimi. Si pensi anche ai mercati che vendono selvatici ancora in vita benché moribondi. La possibilità di un salto di agenti infettivi fra una specie e l’altra è alta.
Gli inguardabili video di pipistrelli bolliti vivi nelle zuppe cinesi e di esseri sofferenti impilati sui banchi dei mercati suggeriscono che il consumo di animali selvatici è un fenomeno importante in molte zone della Cina. Ma per molti altri cinesi la pratica è un’anomalia (accettata a Pechino solo dal 5% degli abitanti, per esempio) e il China Daily ha pubblicato editoriali caustici che stigmatizzano l’abitudine chiedendo una messa al bando permanente del commercio di fauna selvatica.
IL GOVERNO CINESE giorni fa ha sì vietato il trasporto e la vendita di animali selvatici ma solo «fino alla fine dell’epidemia», ricalcando un analogo provvedimento emesso al tempo della Sars (allora furono sequestrati nei mercati centinaia di migliaia di animali selvatici); tuttavia, in capo a qualche mese, finita l’emergenza, il commercio ricominciò.
«QUESTA CRISI SANITARIA deve servire come sveglia; basta con l’uso insostenibile di animali spesso minacciati di estinzione, e delle loro parti, come animali da compagnia esotici, o come cibo o per il loro presunto valore medicinale. Dobbiamo evitare il ripetersi di eventi simili, con nuovi virus capaci di passare dagli animali agli umani» sottolinea un comunicato del Wwf.
Si batte per lo stesso obiettivo anche la China Biodiversity Conservation and Green Development Foundation, una Ong di Pechino che lo scorso settembre ha chiesto e ottenuto dalla polizia il rilascio (non si sa con quali chance di sopravvivenza) di migliaia di uccelli vivi, alcuni di specie minacciate, catturati illegalmente e destinati a ristoranti e mercati nella Cina meridionale (lo riporta il National Geographic).
LA RICHIESTA CINESE di fauna selvatica, usata nella medicina tradizionale o come cibo, ha una parte importante nel commercio globale di specie minacciate. Ma il prossimo mese di settembre la Cina ospiterà la XV Conferenza delle parti (Cop) della Convenzione Onu sulla biodiversità, approvata nel 1992 e ormai ratificata da 196 Stati, i quali arrivano però tutti con i compiti tutti in materia di protezione: c’è rischio di estinzione per circa un milione di specie.
Pechino ad esempio ha messo fine all’importazione di avorio dopo anni di pressione internazionale. Sarà più difficile per gli animali catturati essere venduti all’interno del paese: un pezzo di economia cinese da riconvertire.
MA È ORMAI EVIDENTE che evitare il contatto con i selvatici alla fine può evitare disastri umani e appunto anche economici. «Abbiamo fatto diventare il coronavirus un’epidemia» scrive sul New York Times David Quammen, autore del saggio Spillover: Animal Infections and the Next Human Pandemic (2013). Già nel 2005 il ricercatore Cheng-Li Shi, dell’Istituto di virologia di Wuhan, aveva mostrato che il virus della Sars era passato dai pipistrelli agli umani. E nel 2017, in una grotta popolata di chirotteri nello Yunnan, in 4 specie diverse aveva trovato coronavirus. Adesso Shi annuncia che il genoma di quel virus corrisponde al 96% a quello diffusosi nelle persone a partire da Wuhan.
Insomma l’attuale emergenza non è una novità. E si ripeterà, se non si affronteranno anche lo «spericolato commercio di fauna selvatica a scopi alimentari» e «l’invasione di spazi selvatici che ospitano un brulichio di creature, e al loro interno tanti virus non noti», per usare le parole di David Quammen.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi