Il grande baro

www.huffingtonpost.it
POLITICA
05/07/2019

Il grande baro

La lotta di Salvini all’immigrazione è una truffa mediatica. La partita di giro con Malta, sbarchi fantasma e muro sloveno svelano il grande bluf
By Pietro Salvatori
Come può un ministro della Repubblica dire “è una nave olandese, se li prenda l’Olanda”, e il giorno dopo sostenere di fatto “è una nave italiana, se li prenda Malta”? Come può cantare vittoria perché nemmeno una delle persone raccolte dalla Mediterranea metterà piede nel Belpaese (salvo i 13 sbarcati perché vulnerabili) quando l’accordo con La Valletta è una partita di giro che ne porterà altrettanti dal suolo maltese a quello italiano? Come può sostenere che gli sbarchi “sono diminuiti del 97%” e allo stesso tempo additare le Ong come nemiche del popolo italiano quando le barche delle organizzazioni non governative sono latrici di una percentuale residuale di quel pur scarno 3% di carico umano che per la maggior parte viene raccolto dalle imbarcazioni della Marina, della Guardia costiera, o arriva con barchini fantasma? E come può additare all’emergenza nazionale a fronte di quegli stessi numeri che attestano, bontà sua, che di emergenza non si tratta? E come può seraficamente andare sul confine orientale del nostro paese, sollevare la necessità di “un muro” di trumpiana memoria a difesa dei patri confini quando men che meno in quelle terre siamo in presenza di un’emergenza umana, sociale e sanitaria? “Venti, trenta gli ingressi irregolari riscontrati nella settimana”, ha detto Salvini riferendosi al Friuli, tre o quattro al giorno, forse un migliaio l’anno: una tale marea da giustificare una barriera fisica per fermare l’orda?
La risposta a queste poche domande è semplice: può, perché la bolla comunicativa sapientemente creata dal leader leghista convoglia paure e tensioni di un paese nel quale, secondo l’Istituto Cattaneo, il 73% della popolazione sovrastima la presenza di immigrati nel nostro paese, creando la comfort zone di una narrazione che vede assedianti respinti valorosamente dagli assediati per tutelare l’incolumità della res pubblica.
Il principale corollario alla risposta è: perché conviene. Il dossier immigrazione è la più classica delle win-win situation. Se lo sbarco viene impedito, si grida al successo, al “io non mollo”, al “se voi ci siete, io ci sono”, al “ho io la testa più dura della loro”. Se lo sbarco viene consentito non è mai “a carico del contribuente”, o “previo accordo di redistribuzione con altri paesi europei”. Le persone entrano, tante si disperdono, e finiscono di essere un problema da palcoscenico pubblico, perché non più funzionali alla grande storia. Infine se lo sbarco viene consentito e i migranti entrano nel sistema d’accoglienza nostrano, c’è un grande complotto da additare, un magistrato complice a liberare una capitana pirata, un nemico più grande che ci abbandona nonostante il nostro indomito valore. Alimentando un sentimento di rivalsa e una voglia di ribaltare il tavolo che rende il prossimo giro di giostra ancora più solido nella grande strategia del nemico alle porte.
L’Europa è immune da critiche? Assolutamente no. Veti e contro veti bloccano da anni una riforma seria dei trattati di Dublino, che alla prova dei fatti si sono dimostrati quanto di meno comunitario ci possa essere in una comunità, scaricando sui paesi rivieraschi la responsabilità del problema. Come, se non si vuole essere manichei, non si può essere ciechi di fronte all’evidente vantaggio in termini di notorietà di quella che è diventata una battaglia politica di molte delle Ong che operano nel Mediterraneo, il cui peso sull’agenda pubblica è almeno pari alla natura pura della missione che si prefiggono, quella di salvare vite umane.
La controparte di governo, quella del Movimento 5 stelle, va un po’ a rimorchio, un po’ sbanda, un po’ rischia frontali. Appena ieri Giuseppe Conte insieme a Vladimir Putin ha posto l’accento sull’escalation cui si sta assistendo in Libia, ai bombardamenti sui campi profughi, alla delicatezza della situazione. Oggi Luigi Di Maio, come nulla fosse, accusa Mediterranea di strumentalizzare l’accoglimento a bordo di persone che “potrebbero essere salvate dalla marina libica”, improvvisamente non più lo sgangherato corpo di dubbia affidabilità di uno stato sull’orlo della guerra civile.
Ma è proprio il capo politico del Movimento 5 stelle a dire quel che è nascosto solo agli occhi di chi non vuol guardare: “Dobbiamo anche dire che nell’ultimo mese sono sbarcate 300 persone, qui stiamo parlando di 55 persone su una barca”.
D’altronde la soluzione sarebbe semplice. Salvini ha battuto mani e piedi per ottenere l’approvazione del Decreto sicurezza bis (ampiamente criticato su queste pagine), che gli conferisce tre potenti strumenti: una multa salata per chi supera le acque territoriali dopo aver ricevuto l’alt, procedimenti giudiziari per il comandante, il sequestro dell’imbarcazione. Basterebbe che le autorità italiane, intimato il divieto, lasciassero entrare le imbarcazioni nelle acque territoriali e procedessero a norma di legge dopo aver concesso lo sbarco in un porto sicuro. E per le Ong farsi carico di un rischio calcolato nel momento del via libera. Ma cadrebbe il castello di carta di strali, editti e titoli di giornale che in loop alimenta rumore di fondo e consensi, sulla pelle di cinquanta malcapitati di turno, mentre altri 300 (Di Maio dixit) toccano la terraferma nel silenzio generale, poco più di comparse nel grande romanzo del nemico alle porte.
***
dal  Corriere della Sera
Caso migranti salvati
5 luglio 2019

Sea Watch,

Carola Rackete querela Salvini

e dice: «Rifarei tutto, il ministro Salvini

parla ma non conosce i fatti»

L’avvocato della capitana che ha soccorso oltre 50 migranti: «Dal ministro propaganda truculenta e invereconda. Non si può insultare gratuitamente»
di Franco Stefanoni
Carola Rackete, la capitana tedesca che ha forzato il blocco imposto dal Viminale per far sbarcare un gruppo di migranti a Lampedusa, querelerà il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. E, intervistata dal Guardian, ha rivendicato le azioni compiute il 29 giugno, quando non ha rispettato l’alt imposto dalla guardia di finanza italiana e ha attraccato a Lampedusa, facendo sbarcare i 42 migranti a bordo della Sea Watch. «Le vite delle persone contano di più di qualunque gioco politico», ha detto la 31enne al quotidiano britannico, «se mi trovassi ancora nella stessa situazione, non ho dubbi: rifarei tutto». «Per due settimane abbiamo informato le autorità che la situazione delle persone a bordo diventava sempre più critica e che le condizioni mediche dei migranti peggioravano di giorno in giorno», ha dichiarato Rackete, «ma era come parlare a un muro. L’incidente nel porto è stato l’esito disperato di una frustrante catena di eventi iniziata almeno 20 giorni prima». Quanto al ministro Salvini, la comandante esprime così il suo giudizio: «Rappresenta un fenomeno, l’avanzata dei partiti di destra, che sfortunatamente si sta verificando in tutta Europa, Germania e Gran Bretagna incluse, e che parla di immigrazione senza essere supportata dai fatti». «Io non ho una casa, non ho un’auto, non mi interessa avere uno stipendio fisso e non ho una famiglia», ha aggiunto, «nulla mi impediva di impegnarmi. Spero di tornare presto sul mare, perché è lì che c’è bisogno di me».
La denuncia
«Abbiamo già preparato la querela nei confronti del ministro Salvini», ha spiegato il legale della capitana, Alessandro Gamberini, parlando ai microfoni della trasmissione L’Italia s’è desta su Radio Cusano Campus. «Non è facile – ha aggiunto – raccogliere tutti gli insulti che Salvini ha fatto in queste settimane e anche le forme di istigazioni per delinquere, cosa che è ancora più grave se fatta da un ministro dell’Interno. Nel circuito di questi leoni da tastiera abituati all’insulto, è lui che muove le acque dell’odio. Una querela per diffamazione è il modo per dare un segnale. Quando le persone vengono toccate nel portafoglio capiscono che non possono insultare gratuitamente». Salvini ha replicato via Twitter: «Infrange le leggi e attacca navi italiane, e poi mi querela. Non mi fanno paura i mafiosi, figurarsi una ricca e viziata comunista tedesca! Bacioni».
«Espulsione? Difficile»
L’avvocato Gamberini ha anche detto: «Abbiamo vinto una battaglia ma non la guerra, il procedimento contro Carola continua. Rimane attualmente indagata per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e del reato previsto dall’articolo 1100 del Codice della navigazione. Espulsione? Difficile per i cittadini comunitari. Lasciamo perdere la propaganda truculenta che la qualifica come delinquente, quella che è abituato a fare il ministro dell’interno in maniera invereconda e irresponsabile, il giudice ha detto che non c’è nulla, che quella condotta è stata nell’ambito di una risposta ad una situazione drammatica che c’era a bordo. Trattare come nemico principale una barca che ha salvato 50 naufraghi che si avvicina alle nostre coste è davvero ridicolo. Salvini avrebbe autorizzato sbarco il mattino successivo? Questo non era stato assolutamente comunicato a Carola, lei non è abituata ai giochini politici di cui Salvini è maestro». Secondo il legale di Carola Rackete: «La battaglia contro le Ong è una battaglia pregiudicata, si è scelto un nemico. L’ong salva dei naufraghi in male nei limiti delle proprie possibilità, accusare le ong di essere responsabile di un’invasione barbarica è ridicolo. L’ong non fa politica. Abbiamo fornito alla Procura un report dettagliato di come è avvenuto il salvataggio. Il tema è evidente che non può essere quello di dirci: dovete portare i migranti in Libia. Chiunque sa che quello non può essere considerato un porto sicuro».

 

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Il governo usa parole a vanvera, dimostrando di non conoscerne il significato. Si parla di emergenza, di garanzia, di invasione, di connivenze delle ong con gli scafisti. E se da un lato la Libia, così tormentata e senza una vera identità politica viene additata come un posto pericoloso, dall’altra ci si aspetta che la guardia costiera di quel paese sia una sorta di isola felice che accolga i profughi per portarli in paradisi terrestri e in strutture sicure.
    L’unica cosa sicura invece è che “la governance” del nostro paese con questo strano connubio tra lega 5 stelle,si regge solo sulle menzogne quotidiane dei suoi esponenti e su strabilianti promesse inattuabili. Roba che in altri tempi avrebbe provocato crisi di governo in serie

  2. Luigi ha detto:

    Se i nostri vescovi (Mario Delpini in primis) avessero il coraggio di criticare il “grande baro” Salvini consiglierei loro la frase di un arcivescovo del ‘600 francese François Fenelon che aveva osato criticare la politica di Luigi XIV (il re Sole): “Non v’è nulla di più spregevole d’un oratore di professione che usa le sue parole come un ciarlatano usa i suoi rimedi.”

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi