Questa non è giustizia! Lui, 72 anni, prete, stupra una bambina di 10. Pena dimezzata a due anni.

da raiawadunia.com

Questa non è giustizia!

Lui, 72 anni, prete, stupra una bambina di 10.

Pena dimezzata a due anni.

BY RAIAWADUNIA • LUG 4, 2020
Ancora Italia Tribunale di Firenze. Guardate l’immagine. Terribile e raccapricciante. Eppure non basta. Altra pena dimezzata. Questa volta non è un padre che stupra sua figlia ma un prete. Lei una bambina di 10 anni. Lui 72.Doveva riportarla a casa, invece si è appartato in macchina e ha iniziato a toccarla e farsi toccare e chissà che altro e chissà quante volte. Beccato in fragranza di reato. Neanche questo basta. Paolo Glaentzer, era stato condannato a 4 anni e quattro mesi di reclusione dal tribunale di Prato il 5 marzo 2019 per violenza sessuale su una bambina di 10 anni. Il tribunale di Firenze, in appello, gli ha ridotto la pena a 2 anni e mesi e 20 giorni di reclusione.
Il sacerdote ridotto allo stato laicale dalla curia dopo la prima condanna di un anno fa, ha beneficiato delle attenuanti generiche, che i giudici hanno ritenuto prevalenti sull’aggravante di aver commesso il fatto nell’esercizio delle funzioni di ministro di culto.
Avete capito bene. Attenuanti generiche. Un prete è come un padre, forse di più, porta nel mondo la parola di Dio, chiunque si fiderebbe, potete immaginare una bambina.
Ma come possiamo andare avanti così ? Ma che giudici sono questi?
Lui ha stuprato godendo anche del suo ruolo di sacerdote, e i giudici gli riconoscono le attenuanti generiche?
Cosa gli avrà detto quell’ uomo per convincerla a stare zitta: Dio vuole così?.
Vi scandalizzate per questa frase? Bene, perché non se ne può più.
E pensateci a quel corpo, alla vita di questa bambina, a quest’uomo che non credo si sia fatto un giorno di carcere.
È come se la giustizia legittimasse lo stupro dicendo agli uomini che al massimo si prenderanno cinque anni o due, pure con beneficio delle attenuanti generiche.
E non tengono conto di niente, nemmeno che loro avevano una posizione di “potere” quella di padre e sacerdote.
Cosa vi devo dire? Chiudiamo in casa le nostre figlie, ragazze e bambine, tenetele al guinzaglio, perché nessuno le difenderà.
Non la nostra giustizia.
Penny ( Cinzia Pennati, SOS DONNE BLOG )
Sono nauseata.

2 Commenti

  1. antonio ha detto:

    Le pacche sulle spalle di congedo dei tribunali italiani ai pedofili… sono l’unica traduzione possibile del termine ‘giustizia’, in un paese dove “ottimi padri ed ottime madri di famiglia” ritengono cosa buona e giusta spedire per procura politica i bambini degli altri nei lager, dove verranno stuprati, venduti come schiavi e perché no ammazzati… dovessero singhiozzare troppo.

    Gli italiani e le italiane possono solo sperare i loro sudici stagionati magnaccia di loggia e i loro indemoniati capitani assicurino ai pedofili made in italy abbastanza ‘materia prima extracomunitaria’ con cui celebrare le loro messe nere sessuali , defecando sempre più nefasti decreti “sicurezza”… che di sicuro hanno una sola cosa… far sicuramente sparire dai pochi radar della società civile le vittime, in modo siano consegnate porta a porta ad organizzazioni mafiose, pedofili e delinquenti.

    Certo sarebbe una bella beffa per gli ‘italiani e le italiane’ di salvini, berlusconi e meloni, questi nemici pubblici che scodinzolano ai fascismi… ritrovarsi i propri puledrini e le proprie puledrine cresciute a costosissime cremine, serie tv americane, punturine di botox e vaselline… rimbalzate dai buttafuori ai cancelli di arcore con il marchio a fuoco ‘seconda scelta’, perché qualche pedofilo di scarso rango da sacrestia o alla ‘mondragone’ ha violato il diritto di prelazione del padrone…

    Fossero meno malvagi e meno ignoranti di quello che purtroppo oggi sono, gli italiani e le italiane capirebbero che abbattere i diritti umani , o pensare al bonus vacanze mentre altri lo stanno facendo, non è mai fare un buon affare…

    Per quanto riguarda la Chiesa, immagino non sia facile setacciare le vocazioni e monitorare l’attività di preti dispersi ovunque nel mondo. Quello che potrebbe fare la Chiesa è forse passare all’attacco… immettendo risorse economiche e mediatiche utili a costringere i tribunali a non ‘lavorare’ solo per creare precedenti utili ad alleggerire le posizioni di massoni e capitalisti… categorie che praticano impunemente la pedofilia.

    Una Chiesa sistematicamente, moralmente ed economicamente dalla parte delle piccole vittime, ogni volta e fino alla corte europea se necessario… produrrebbe meno ‘vocazioni infiltrazioni’, nel senso che un pedofilo non troverebbe più conveniente mimetizzarsi in abiti talari, anzi… sapendo che la giustizia umana funziona un po’ come un vecchio jukebox, è muta, ma se qualcuno ci mette una monetina… poi canta e suona la sua canzone… si terrebbe lontano da oratori e sacrestie.

    Questo non arginerebbe o limiterebbe la satanica pratica della pedofilia, perché abbiamo visto che questo abominio, nella sua variante di massa, ha la sua radice nei ‘valori’ del popolo prostituito ai capitalisti, è implicito in ogni devozione a quel dio danaro che tutto prezza e tutto può comprare … avremmo tuttavia almeno un luogo in questa società non dichiaratamente e per disegno ostile ai bambini.

  2. INCOMMENDABILE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!e la santa chiesa non ha nulla da dire?SE NON:siate buoni e rispettosi e per il resto?

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi