Quando i leghisti lo insultavano, chiamandolo “tettacazzi”!

di don Giorgio De Capitani
Una cosa si deve dire di Dionigi Tettamanzi: quando era arcivescovo di Milano, non è stato per nulla simpatico ai leghisti, che lo hanno anzi disprezzato e odiato. Lo chiamavano “imam” per la sua apertura al mondo islamico, e usavano nei suoi riguardi epiteti a dir poco vergognosi.
Nelle numerose lettere che ricevevo, oltre a insulti nei miei riguardi, non mancavano riferimenti al mio vescovo definito “tettacazzi”. I caporioni leghisti ce l’avevano con lui, anche perché lo ritenevano responsabile della mia permanenza a Monte.
In uno dei cordiali colloqui che ebbi con Tettamanzi, alla domanda: «Eminenza, che cosa prova di fronte agli insulti della Lega?», mi rispose: «Don Giorgio, di proposito non leggo i giornali, per sentirmi più sereno. Agisco in nome di Gesù. Questo solo mi basta!». «Scusi la curiosità, eminenza. So che Roberto Castelli Le scrive lettere perché si prendano provvedimenti nei miei riguardi. Che cosa risponde?». «Lo ignoro. Non rispondo mai!».
Mi ero permesso di porgli un’altra domanda: «Eminenza, che cosa pensa di questa Chiesa, alleata con il “porco d’arcore”?». Mi rispose: «Prima della Chiesa, obbedisco a Gesù Cristo: questi è il mio unico punto di riferimento!».
Anch’io ho avuto qualche screzio con Tettamanzi, ma ciò era dovuto ai suoi collaboratori, che non avevano la sua “illuminata” capacità di discernimento, ma si sentivano costretti a obbedire alle norme canoniche.
Quando Tettamanzi era vescovo di Milano, vissi i miei migliori e intensi anni di battaglie su tutti i fronti. Non era facile né per il cardinale né per il sottoscritto affrontare la realtà, ma nessuno di noi finse di non vederla e si adattò all’andazzo di una Chiesa più berlusconiana che cristiana. 
Sì, Berlusconi imperava con le sue puttanate, ma non c’era solo lui. La Lega dettava legge con la sua barbarie e Comunione e Liberazione imponeva le sue direttive di potere anche affaristico.  Erano anni in cui il trio bastardo, da perfetto puttanaggio, voleva sottomettere il Paese e la Chiesa, e in parte ci era riuscito, ma, si sa,  prima o poi anche il più potente organismo frana sotto il marcio che viene a galla. E così il demonio si è scornato da solo, sputtanato da solo, smerdato da solo.
Sì, prima o poi il giudizio della storia, ovvero di quel Dio che è sì amore ma anche giustizia, scombussola i disegni dei malvagi, anche dei falsi amici di Cristo, come se Cristo fosse disposto ad andare a letto con i porci e i farabutti.
Ma anche quando la gerarchia ecclesiastica perde il proprio pudore denudandosi davanti al mondo intero e facendo vedere le sue “vergogne”, c’è sempre un vescovo, c’è sempre un semplice ministro di Cristo che reagisce e lotta per la Chiesa “migliore”.
Dopo Dionigi Tettamanzi, si cascò in un pantano spaventoso, e la Chiesa milanese imparò a convivere con un “pacifismo” degno del più omologante menefreghismo, tale da ridurre la fede a qualcosa di pancesco e lasciandola nelle mani ruvide e maldestre di leghisti mangiatori di ostie a buon mercato. Tanto per loro fare la comunione e riempirsi la pancia era, e ancora oggi, è la stessa cosa.
Con Angelo Scola la Chiesa milanese calò le braghe, e rimase nuda dell’Essenziale, in nome del quale Tettamanzi si era battuto per difenderlo da quella insaziabile sete di un inessenziale, fatto di una montagna di superfluo o di quell’eccesso che farebbe perdere l’equilibrio o la testa anche alle anime più pure.
Ancora sogno e rimpiango quei tempi in cui, col mio cardinale, benché su piani diversi e con metodi differenti, ero in prima fila a lottare per qualcosa di ben più alto di quel falso benessere, rappresentato dall’anti-vangelo, vissuto da una Chiesa puttaniera e inculcato da una politica altrettanto puttaniera.
Ma nessuno di noi voleva dimenticare la realtà dell’uomo concreto: sì, c’era un pane da garantire sulla tavola anche dei più poveri, c’era una casa e un lavoro da proteggere, ma nello stesso tempo c’era un diritto sacrosanto da non dimenticare, ovvero la realtà interiore dell’essere umano.
E oggi? Nonostante papa Francesco, tutto è così tremendamente “normale” che anche il più becero leghista potrebbe benissimo fare il catechista, e il più lurido venditore di fumo annunciare dal pulpito il Vangelo.
Ricorderò sempre i miei “amati” vescovi,  Dionigi Tettamanzi e Carlo Maria Martini. Due figure diverse tra loro, ma complementari. Ognuno ha dato del “suo”: un suo che in realtà non era “loro”, ma di quel Cristo di cui oggi purtroppo è rimasta solo qualche briciola tra le nostre comunità cristiane, affamate di slogan di mentecatti populisti, la cui unica soddisfazione sembra quella di “ciulare” più anime e corpi di brianzoli e di italiani ormai sull’orlo di un rincoglionimento irreversibile, capace solo di emettere ragli d’asino.
No, caro Dionigi, non riposare in pace (come si augura il leghista Roberto Maroni!), ma che il tuo spirito riviva nelle nostre lotte, perché non ci stanchiamo, adeguandoci a quel lassismo spirituale in cui sono cadute le comunità cristiane.
Non lasciarci in pace!
 
  
 

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Se dobbiamo credere ai vangeli, e non vedo alcun motivo per non farlo, da bravi cristiani dovremmo imparare a distinguere la chiesa di Gesù Cristo da quella dell’apparato, che sono due cose molto, ma molto, diverse. Gesù ha sempre precisato che non ci teneva affatto ad instaurare un nuovo potere politico e anche se ha scelto un piccolo gruppo di amici a cui trasmettere con semplicità il messaggio d’amore del padre celeste, ha sempre precisato che il suo magistero riguardava esclusivamente l’uomo e il suo rapporto con Dio. Per questo ha più volte rifiutato gli onori mondani e davanti alle tentazioni del diavolo, all’inizio della sua missione, come davanti a Pilato, alla sua conclusione, ha ribadito che il suo “regno” non aveva nulla a che fare con il potere terreno, tanto ambito dai politicanti e dai loro cortigiani. Anzi, tutte le volte che ne ha avuto l’occasione, non ha certo risparmiato critiche, anche inflessibili e pungenti, verso la potente classe sacerdotale che governava con pugno di ferro sia l’aspetto religioso che quello sociale del popolo di Israele. La chiesa apparato invece, è immersa fino al collo (e a volte anche di più) nel potere mondano, di cui si può ben dire che sia tra gli esponenti più in vista … basti pensare agli scandali a ripetizione in cui sono coinvolti insigni prelati e personaggi che operano all’ombra complice della madre chiesa.
    I nomi di Calvi e del banco Ambrosiano, o quelli del cardinale Tarcisio Bertone e del suo attico da monarca, o ancora di Enrico de Pedis (Renatino) leader della banda della Magliana, tumulato con onore nella chiesa di Sant’Apollinare a Roma, e peggio ancora del chiacchieratissimo monsignor Marcinkus, invischiato nel misterioso rapimento di Emanuela Orlandi. E lo scandalo vergognoso dei preti pedofili, a lungo tenuto nascosto dalle autorità ecclesiastiche, non ci dicono niente?
    In questo senso, mi sembra esemplare l’insegnamento di Dionigi Tettamanzi, che ha sempre privilegiato il messagggio evangelico, anche quando significava dover andare contro la gerarchia ecclesiastica, di cui, tra l’altro era uno dei maggiori rappresentanti. Il fatto che dei bifolchi ignoranti, nascosti dietro le insegne della lega, lo detestassero e lo insultassero è una ulteriore prova della sua eccellenza.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi