Mimmo Lucano torna a Riace e abbraccia il padre malato dopo la revoca del divieto di dimora

da La Repubblica

Mimmo Lucano torna a Riace

e abbraccia il padre malato

dopo la revoca del divieto di dimora

Il provvedimento gli è stato notificato nel primo pomeriggio. “Lo aspettavo da tempo, ci speravo da tempo”. Accolto in paese da una piccola folla si è fermato per un breve saluto poi è corso a casa a salutare l’anziano genitore
di ALESSIA CANDITO
REGGIO CALABRIA – È finito l’esilio di Mimmo Lucano. Su richiesta dei legali dell’ex sindaco di Riace, e nonostante il parere negativo della procura, il tribunale ha revocato l’ordinanza del Riesame che dal 16 ottobre scorso ha consentito a Lucano di viaggiare in tutta Italia, ma non di tornare a casa sua, nell’ormai ex borgo dell’accoglienza. Accompagnato da uno dei suoi avvocati, Andrea Dacqua, l’ex sindaco è arrivato a Riace attorno alle 16. Una piccola folla lo attendeva in piazza, nei pressi del Municipio, ma Lucano si è fermato solo per un brevissimo saluto. “Ora torno, fatemi andare a casa un attimo” ha gridato. Aveva fretta di tornare a casa ad abbracciare il padre. “Ma davvero ti hanno liberato o è solo un permesso? Puoi rimanere qui sempre” gli ha chiesto l’anziano appena lo ha visto, quasi incredulo. Costretto a letto dopo l’ultimo ricovero, ma lucidissimo, Roberto Lucano aspettava  con ansia l’arrivo di quel figlio – “il più ribelle” specifica- che era abituato a vedere ogni giorno e che per 11 mesi ha potuto solo incontrare per qualche ora e sempre lontano da casa. “Sono qua papà, ora vedi come ti riprendi” ha continuato a ripetergli Lucano, commosso.
 Fino alle 14, quando gli è stato materialmente notificato il provvedimento, l’ex sindaco non si è sbilanciato. “Fin quando non lo vedo, non ci credo” ha ripetuto a chiunque. Un pizzico di scaramanzia o la voglia di rimanere con i piedi per terra dopo tante speranze deluse, che tuttavia non riuscivano a nascondere la contentezza per una decisione attesa da tempo. Quando la notizia lo ha raggiunto, Lucano era a Caulonia, a una manciata di chilometri da Riace. . È lì, a pochi minuti di auto dal paese, che ha trascorso i mesi di esilio ed è lì che uno dei suoi avvocati gli ha ordinato di attenderlo, probabilmente per accelerare la procedura di notifica. Un passaggio tecnico per rendere esecutiva la decisione del tribunale. “Non so cosa farò per prima cosa, probabilmente andrò da mio padre. Voglio rivedere Riace, voglio rivedere casa mia”.
Anziano e gravemente malato, il genitore di Lucano è stato dimesso pochi giorni fa dall’ospedale di Catanzaro, dove è stato ricoverato dopo un peggioramento delle sue condizioni. Proprio per permettere a Lucano di assistere l’anziano genitore il comitato 11 giugno, che da tempo sostiene l’ex sindaco di Riace, ha promosso una petizione che ha raccolto oltre 90mila firme. Con quell’appello, si invocava un “gesto umanitario” del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per permettere a Lucano di far ritorno a casa.

Finito ai domiciliari il 2 ottobre scorso per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e irregolarità nella gestione della differenziata, affidata in via diretta a due cooperative sociali del paese, Lucano dal 16 ottobre scorso è stato esiliato da Riace. Per decisione del Riesame di Reggio Calabria, i domiciliari sono stati convertiti in divieto di dimora che si è protratto fino ad oggi. Inutilmente la Cassazione aveva sconfessato la decisione, ordinando ai giudici reggini di rivedere la propria decisione alla luce di una serie di indicazioni. Nonostante le indagini a carico di Lucano fossero all’epoca chiuse da tempo, il Tribunale di Reggio ha infatti confermato la misura, ritenendo Lucano “politicamente pericoloso” e in grado di influire sull’amministrazione nonostante fosse da tempo sospeso dalla carica di sindaco.

Una decisione contro cui i legali di Lucano, Andrea Daqua e Antonio Mazzone, hanno fatto ricorso e su cui la Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi nuovamente. Proprio per questo, il Tribunale di Locri, del processo che oggi vede imputato Lucano, insieme ad altri 25 collaboratori del “modello Riace”, il presidente Fulvio Accurso ha respinto la nuova istanza di scarcerazione presentata dai legali alla vigilia della prima udienza. Adesso però, complice anche la delicata situazione familiare di Lucano, il Tribunale sembra aver cambiato idea, mettendo la parola fine ad un esilio durato undici mesi.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi