Elezioni: risorge il bipolarismo, affonda il populismo

da l’Espresso.repubblica.it
04 OTTOBRE 2021

Elezioni:

risorge il bipolarismo, affonda il populismo

di Marco Damilano
In questo voto dove il dato più importante è l’astensione, vanno fuori gioco i leader che urlano. È il momento dei grigi che non fanno sognare. E attorno a Enrico Letta avanza una strana unità
Risorge il bipolarismo, affonda il populismo, almeno provvisoriamente, perché un elettore su due che non va a votare lascia senza risposta la domanda di rappresentanza che è il dato più importante di questa giornata elettorale di voto amministrativo del 3-4 ottobre.
In quella metà del campo che non va a votare c’è la grande sconfitta del Movimento 5 Stelle, più bruciante della perdita delle città che ha guidato per cinque anni, Roma e Torino, dove cinque anni fa trionfarono Virginia Raggi e Chiara Appendino. Erano partiti per dare voce politica agli esclusi e dare una prospettiva di governo a quel pezzo di società che non si fidava più di nessuno, era questo il progetto cominciato esattamente dodici anni fa, il 4 ottobre 2009, la festa di San Francesco, la data che fu scelta da Beppe Grillo e da Gianroberto Casaleggio per fondare il Movimento
Seguendo il profilo delle mappe delle 7 Rome, disegnate dai ricercatori Keti Lelo, Salvatore Monni e Federico Tomassi e pubblicate da Donzelli, sono andati a votare i pezzi di città in cui si concentrano i migliori livelli di istruzione e le abitazioni di maggiore superficie media, mentre sono rimasti lontano dalle urne i quartieri del disagio, in cui la pandemia ha fatto più vittime, provocate da altri disturbi e malattie, come l’obesità, in cui la disoccupazione è elevata, la densità abitativa è elevata, le reti criminali egemonizzano l’economia locale, “una trappola da cui non si riesce a scappare”.
Il populismo che non è riuscito a farsi governo lascia un vuoto di rappresentanza che la destra non riesce a colmare. Deludono i candidati civici, gli uomini senza colore che il centrodestra ha scelto per nascondere le divisioni. Tra un partito entusiasta di stare al governo, Forza Italia, uno spezzato a metà, la Lega, e un altro che è fuori dal governo, Fratelli d’Italia. I civici sono stati spazzati via a Milano, mai così male, e a Napoli, vanno peggio del previsto a Torino, tengono a Roma. Sullo sconosciuto Enrico Michetti si concentrano ora tutte le attese della destra in vista del ballottaggio contro Roberto Gualtieri.
Il grande sconfitto è Matteo Salvini, fuori dal Paese reale che si è sempre vantato di comprendere. Il Paese reale non ha capito la sua battaglia contro il green pass, non insegue più il vento xenofobo e le crociate contro gli sbarchi, la pandemia ha cambiato l’agenda, non sono i carabinieri ad avere spuntato gli artigli della Bestia, ma la realtà, che fa molto più male. Giorgia Meloni si aggrappa a Roma per nascondere un risultato al fondo modesto. Tra i tre il più soddisfatto è Silvio Berlusconi. In Calabra porta a casa l’unica vittoria netta. E si conferma che ha ragione lui: Salvini e Meloni non vanno da nessuna parte.
C’è una agenda cambiata. Servizi pubblici, qualità della vita. Che un pezzo di società vive come speranza e un’altra come un incubo, infatti non va alle urne.
Nella metà campo che va a votare tiene il Partito democratico vola a Milano, il 34 per cento, domina a Bologna, con il 35,6, si avvicina al trenta per cento anche a Torino.
Enrico Letta, il nuovo deputato di Siena, disegna il profilo del bipolarismo prossimo venturo. Un bipolarismo asimmetrico, imperfetto. Perché sul centrodestra pesa il fattore S, sovranista o come Salvini, in disarmo ma abbastanza forte da condizionare le mosse dell’intera coalizione. Nonostante i sondaggi nazionali diano ancora in testa la somma aritmetica di partiti che non fanno un soggetto politico.
Mentre nel centrosinistra, almeno fino al ballottaggio, avanza una strana unità attorno al segretario Letta e su modelli come quello vincente a Milano con Beppe Sala che non è più il manager di cinque anni fa ma un politico che parla la lingua del popolo e a Bologna attorno al super votato Matteo Lepore che dice senza mezzi termini: ora le elezioni politiche si possono vincere. A Napoli il Pd torna al Comune dopo dieci anni, con Manfredi e l’alleanza con M5S. Avvolto da una costellazione astrale per la prima volta favorevole. La destra divisa. Il Pd unito. Il Movimento 5 Stelle quasi irrilevante. Aggiungiamo: un partito in buona salute nelle grandi città del Nord. In un quadro internazionale favorevole. I socialdemocratici tedeschi in testa al voto in Germania. E in più, c’è qualcosa di prepolitico. Vanno fuori gioco i leader che urlano, i fighetti, i bulli, di destra, di sinistra, di centro. È il momento dei grigi che non fanno sognare, come Biden negli USA o Scholz in Germania, ma che rassicurano l’elettorato. E che non si presentano come uomini soli al comando, ma dentro una squadra consolidata. L’opposto della leadership testosteronica degli ultimi anni che tanto è andata tanto di moda. Lo specchiarsi di leader quasi sempre maschi, sempre pronti a specchiarsi in tweet, social, dirette Facebook.
Un vento a vantaggio. Nelle prime ore dopo la vittoria il mite Letta prova a resistere alla tentazione di approfittare del risultato e pensare a elezioni anticipate. Ma non può trattenersi dalla soddisfazione di dichiarare archiviata la questione della leadership del centrosinistra che verrà. Il federatore, il futuro leader c’è, è lui. Un saluto a Conte, l’ex punto di riferimento dei progressisti di tutto il mondo, come era stato definito dai predecessori di Letta al Nazareno. E dei vari spintonatori dentro e fuori il Pd. Una posizione con cui il segretario proverà a giocarsi nei prossimi mesi la partita del Quirinale e a diventare il partito di riferimento del governo Draghi. La disunità del centrodestra riapre i giochi, almeno fino al ballottaggio di Roma. Poi verrà il momento di occuparsi anche degli elettori che non sono andati a votare, di chi dalla trappola della vita non riesce a scappare. Un tempo ci pensava la sinistra.

1 Commento

  1. Luigi Egidio ha detto:

    Ci sono due modi di usare il potere: dominio o servizio. Un grande papa (Gregorio Magno) si definiva Servo dei servi di Dio. Meloni e Salvini se ne prendono il possesso lo useranno come dominio. Il grigio (come lo chiama Damilano) Letta penso che lo userà come servizio. E’ una mia convinzione e una speranza nella quale credo. Vedo in Letta il “Beati i miti perchè avranno in eredità la terra.” Per Meloni e Salvini l’importante è raggiungerer il potere e poi usarlo a Gloria Dei (Dio, Patria e Famiglia). Non succede già in Polonia o nei paesi che vogliono essere autonomi o indipendenti? Non è un modo per sostitursi a Dio o strumentalizzarlo per se stessi con l’autonomia e l’indipendenza? Non condivido l’ottimismo di Damilano che il populismo stia affondando. Basta guardare alle elezioni dei sindaci in Brianza. Sul risorgere del bipolarismo ho dei dubbi. I politici italiani difettano di pensieri. Se si aggiunge che anche la Chiesa ha perso il mordente, la capacità di incidere sulle coscienze, la prospettiva non è delle migliori per un bipolarismo. Una destra becera e una sinistra soporifera non promette nulla di buono. Spero di sbagliarmi.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi