Omelie 2016 di don Giorgio: FESTA DI CRISTO RE

6 novembre 2016: NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO RE DELL’UNIVERSO
Dn 7,9-10.13-14; 1Cor 15,20-26.28; Mt 25,31-46
Le quattro bestie
Nel libro di Daniele ci viene riproposta una famosa visione apocalittica: peccato che la liturgia tralasci i due versetti dove si parla di quattro bestie, simboli dei quattro regni che hanno dominato il piccolo popolo d’Israele: il leone che rappresenta Babilonia; l’orso che rappresenta il popolo della Media; il leopardo con quattro teste, simbolo dei Persiani che scrutano in ogni direzione in cerca della preda; la quarta bestia, un mostro terribile, richiama il regno di Alessandro Magno e dei suoi successori.
Siamo alla fine dell’anno liturgico: domenica prossima, la liturgia ambrosiana aprirà il periodo dell’Avvento. Ma già da oggi, essa vuole richiamare i credenti al grande disegno di Dio sulla storia umana, invitandoci a riflettere su questa pagina del libro di Daniele, dove, a parte le immagini tipiche delle visioni apocalittiche, è chiaro il messaggio: l’ultima parola sarà di Dio, e non di coloro che si credono i potenti del mondo, i quali dovranno sparire dalla faccia della terra.
Già la storia del popolo ebraico è emblematica. Gli ebrei erano frequentemente invitati a rileggerla alla luce dell’Alleanza di Dio. Israele aveva avuto il suo momento di gloria al tempo di Davide e Salomone (X sec. a.C.). Poi, si era diviso in se stesso: Regno del Nord (d’Israele) e Regno del Sud (di Giuda). Poi, erano giunti i primi conquistatori, gli Assiri, quindi i Babilonesi, poi ancora i Persiani, e infine i Greci. Sotto Antioco IV Epifane ci fu l’oppressione più violenta, a causa del tentativo del re di imporre la cultura ellenistica, quindi estranea alla purezza della religiosità ebraica. Quando si giunse alla crisi e allo scoppio della rivolta dei Maccabei, i fedeli tradizionalisti ebbero la meglio in modo totalmente inaspettato.
Il brano di Daniele ci presenta una visione nella quale appare il Vegliardo, circondato da miriadi di esseri celesti. Egli siede sul trono, giudica i regni e li fa concludere nel tempo e nella morte. Appare, accanto, un nuovo sovrano, “sulle nubi del cielo, simile a un figlio di uomo”. Viene dal cielo e non dagli abissi dell’oceano come le bestie detronizzate. Riceve i poteri regali su tutti i popoli della terra e il suo regno non avrà fine. Probabilmente, all’inizio questo “figlio di uomo” rappresentava il popolo d’Israele nella sua parte migliore, e non si dice se il suo governo fosse spirituale o terreno.
Lungo la storia, poi, lentamente, prenderà forma un’attesa messianica, aperta al futuro, in attesa dell’Inviato del Signore, il Re Messia. Di fatto, Gesù applicherà a se stesso l’espressione “figlio dell’uomo”, nell’aspetto più umano della sofferenza, nell’aspetto più divino della facoltà di rimettere i peccati e nell’aspetto conclusivo della storia del giudizio finale.  A quest’ultimo aspetto si aggancia l’interpretazione che ha dato Gesù ricordando la parabola del Giudizio finale, accettando di rispondere al sommo sacerdote circa la propria identità.  È il brano del Vangelo di oggi.
Prima di commentarlo, ancora una riflessione sulla storia guidata da Dio: è di don Angelo Casati. La visione del Vegliardo sul trono «viene a dirci che il futuro, checché se ne pensi, non è di coloro che incarnano arroganza e bestialità, ma del Figlio dell’uomo. Vorrei dire, il futuro è di colui, di coloro, che credono non nella bestialità, nella volgarità, nella corruzione, ma nell’umano, di coloro che danno spazio e forza a quanto di profondamente umano, di nobile e di conseguenza di divino, vive nella storia. Anche se sembrano zittiti ed esiliati dai cosiddetti rampanti, i vincenti. Che pensano di essere immortali: vanno proclamando che il loro potere non avrà fine. Ma si illudono! Solo al Figlio dell’uomo spetta, dice la visione, un potere eterno che non finirà mai. Il suo regno, fatto di umanità e non di bestialità, non sarà mai distrutto. E non è forse quello che ci ricorda anche Paolo nella lettera ai cristiani di Corinto? Ci ricorda che con la risurrezione di Cristo una forza di vita scorre nelle vene della storia e che ogni arroganza dei potenti verrà ridotta al nulla, sino all’ultima delle potenze arroganti, la più devastante, la morte. Anche questa verrà annientata, annientata per sempre».
Ma quando ciò avverrà? Questo interrogativo è il nostro dramma umano, ed è il dramma della storia che continua ad essere un bersaglio della bestialità del male, che si incarna negli istinti più bestiali dell’essere umano.
Una parabola ancora tutta da decifrare
Il brano del Vangelo di Matteo contiene una parabola tutta da decifrare. Anzitutto, va detto che è l’ultima parabola di Gesù, poi ha inizio il racconto della sua passione. Perciò, possiamo immaginare il contesto: quello di un duro scontro di Gesù con i rappresentanti dei diversi gruppi di potere che gravitavano attorno al tempio di Gerusalemme.
Fa osservare giustamente don Ciccone che «questo testo va riletto secondo un linguaggio tipico dei predicatori del tempo che volevano scuotere gli ascoltatori con immagini impressionanti… Qui si vogliono fornire insegnamenti su come comportarsi oggi, su che cosa veramente vale, su che cosa significhi seguire Gesù e come veramente incontrarlo… Tutto si svolge come un dialogo tra il re e i due gruppi divisi tra destra e sinistra (nella simbologia religiosa la mano destra richiama gesti e situazioni favorevoli). La verifica è sul “fare” e sull'”aver fatto” in rapporto ai bisogni e alle necessità quotidiane delle persone. Non c’è nulla di eroico, ma il richiamo alle opere di misericordia (ne sono elencate 6, numero imperfetto) richiede attenzione a queste e ad altre che potrebbero sorgere nella realtà di ciascuno, allungando l’elenco stesso. I giusti non sanno neppure di aver soccorso il Signore stesso nei bisognosi. Non c’è neppure un accenno a gesti religiosi di culto, né ai temi dell’Alleanza ebraica. Quello che conta sembra essere il puro gesto materiale di aiuto. Tutti sono chiamati alla salvezza, passando attraverso l’attenzione a chi è povero. È una splendida, terribile e semplice sintesi che angoscia nella storia e si pone come vera attenzione».
Ma andrei oltre: non mi fermerei ad un aspetto solo sociologico del messaggio cristiano. Fa notare don Casati che Dio non è uno che si esibisce, ma si nasconde. È un Dio in incognito. Ma dove si nasconde? Sì, nella parola di Dio, nella Chiesa, nel povero. Ma Dio si nasconde in noi, ed è qui che Dio assume il volto di tutti, di ogni essere umano, soprattutto nei volti sfigurati dalla violenza e anche a causa della nostra indifferenza. Non è vero che può bastare un gesto di carità, senza badare alle motivazioni per cui lo compiamo. Le motivazioni sono tutte nel fatto che ogni essere umano, in quanto essere umano, richiede rispetto e dignità. È in quell’”io sono” che c’è la mia dignità divina, e come tale devo essere rispettato.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi