Omelie 2018 di don Giorgio: BATTESIMO DEL SIGNORE

7 gennaio 2018: BATTESIMO DEL SIGNORE
Is 55,4-7; Ef 2,13-22; Mc 1,7-11
Marco inizia il Vangelo dalla vita pubblica di Gesù
La domenica che segue la Festa dell’Epifania è dedicata dalla Liturgia al Battesimo di Gesù presso il fiume Giordano.
Il Vangelo di Marco, che è ritenuto dagli studiosi il più antico, ovvero il primo ad essere messo per iscritto, non inizia come i Vangeli di Matteo e di Luca narrando l’infanzia di Gesù. Marco non dice nulla della natività di Gesù di Nazaret, probabilmente perché non rientrava nella prima predicazione apostolica, la quale consisteva nell’unico annuncio o kerigma: Gesù ha patito, è morto sulla croce ed è risorto. Questo è il mistero pasquale, cuore del cristianesimo.
Successivamente, i cristiani hanno voluto conoscere di più: anche ciò che Gesù aveva detto e aveva fatto durante gli anni del suo ministero pubblico. Solo più successivamente, sono nati i racconti mitici della nascita di Gesù.
Se all’evangelista Luca interessava far conoscere il concepimento verginale di Maria per opera dello Spirito santo, a Marco interessava invece far conoscere l’inizio dell’attività pubblica di Gesù all’insegna dello Spirito santo.
Ecco perché il Vangelo di Marco inizia con il battesimo di Gesù al Giordano, che è solo la cornice (a Marco non importava nulla del battesimo di Gesù) per introdurre la “scena mistica” dei cieli che si aprono, della discesa dello Spirito santo su Gesù e della voce del Padre che conferma che Gesù è il Figlio prediletto.
Non sembra che a questa scena, proprio perché mistica, abbia assistito il popolo accorso a farsi battezzare da Giovanni. Forse neppure il precursore se ne è accorto. Dunque, nulla di spettacolare: tutto all’insegna della riservatezza e della interiorità, così come all’insegna della riservatezza e della interiorità è avvenuto l’annuncio dell’angelo Gabriele che Maria sarebbe diventata la madre di Gesù per opera dello Spirito santo.
C’è scritto! Dunque…  
Tuttavia, la scena mistica è descritta nel Vangelo, e se c’è scritto vuol dire che non si può far finta di nulla, anche se, ripeto, ciò che è scritto va letto in senso mistico. Quando c’è di mezzo lo Spirito santo, non c’è alcuna coreografia spettacolare, tuttavia il messaggio non va dimenticato, ovvero la parte che ha avuto lo Spirito santo nell’opera anche attiva del Messia.
Dunque, c’è scritto, il che significa che la Chiesa, in ogni caso, non doveva dimenticare la parte essenziale che ha avuto lo Spirito santo, sia nel concepimento di Gesù (e la Chiesa si è preoccupata soprattutto di dogmatizzare la verginità di Maria) sia nella vita pubblica di Gesù di Nazaret, dall’inizio fino alla sua morte, quando, sulla croce, emana lo Spirito.
Dunque, Gesù è stato concepito per opera dello Spirito santo, ha agito per opera dello Spirito santo ed è morto donando lo Spirito santo.
Ma Gesù non poteva essere solo l’uomo dello Spirito santo: a un certo punto, l’uomo Gesù si è messo da parte e ha lasciato allo Spirito di intervenire direttamente, facendo da protagonista.
Se il Cristo storico è opera dello Spirito santo, lo Spirito santo poi “interiorizzerà” tutto il Cristo storico nella Risurrezione.
Quando leggiamo i Vangeli non possiamo non leggerli alla luce della Risurrezione, tanto è vero che, come dicevo all’inizio dell’omelia, il primo kerigma predicato dagli apostoli era quello pasquale: Cristo ha sofferto, è morto ed è risorto.  Gli evangelisti hanno scritto i Vangeli dopo aver riletto, insieme alle loro comunità, ciò che Gesù aveva detto e aveva fatto dopo decenni e decenni dalla risurrezione di Cristo. In altre parole, i Vangeli narrano un Cristo già risorto, in cui è reale e viva la presenza dello Spirito santo.
I Vangeli non sono la storia del Cristo storico
Qui vorrei fare una brevissima riflessione. La Chiesa dice che la Bibbia è stata scritta dietro l’ispirazione dello Spirito santo, ma intende questa ispirazione come se l’autore sacro non potesse scrivere cose false. C’è molto di più, e riguarda non solo la Bibbia in quanto tale.
In ogni realtà c’è la presenza dello Spirito santo. Dico di più. La presenza dello Spirito santo nell’essere umano, in ogni essere umano in quanto tale, indipendentemente dalla sua fede religiosa, è ancor più viva della presenza dello Spirito nella Bibbia in quanto opera scritta. Anzi, ciò che è scritto può uccidere lo spirito, se lo intendiamo in senso puramente letterale. La Bibbia vivente è la creazione, da leggere perciò con gli occhi dello Spirito.
“Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo”
Infine, un’ultima osservazione sul terzo brano della Messa.
Giovanni Battista, ispirato dallo Spirito santo, ma senza rendersi totalmente conto di ciò che profetizzava, dice nei riguardi di Gesù: «Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo». Matteo e Luca, che scrivono dopo Marco, aggiungono: “egli vi battezzerà in Spirito santo e fuoco”.
Dunque, Cristo è venuto per battezzare nello Spirito santo, e, dopo la morte di Gesù di Nazaret, sarà lo stesso Spirito santo a battezzare il mondo “nello spirito”, ovvero, tornando all’immagine del fuoco, purificando l’essere umano nella sua realtà più interiore.
Quando Gesù diceva: “Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso!”, a che cosa pensava?
Certo, forse il suo desiderio andava ben oltre millenni e millenni di storia, in cui lo Spirito è stato lasciato al polo nord forse a sciogliere le nevi, mentre i cuori umani si sono induriti.
Eppure basterebbe un raggio di sole per riscaldare un po’ il nostro cuore. Ma Cristo parlava di fuoco! Che ingenuo, ci verrebbe da dire! Il fuoco è stato sì acceso ma per distruggere e bruciare gli amanti dello spirito: i ribelli di una Chiesa che vive di paglia.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi