“Il femminismo è machismo con la gonna”: parola di papa Francesco!

dal sito di donpaolozambaldi
Paolo Zambaldi
7 Marzo 2019

 “Il femminismo è machismo con la gonna”

Dal discorso tenuto a Roma da papa Francesco, in occasione dell’Incontro mondiale sulla pedofilia del clero (22 febbraio 2019).
Questa affermazione di Francesco continua l’opera di svilimento della donna che anche questo pontificato, ritenuto dai più, aperto, misericordioso e illuminato, mette in atto con una insistente e malcelata violenza.
Ricordiamo con orrore l’intervento sulle donne che abortiscono, paragonate ad assassine che ingaggiano “sicari” per uccidere i loro bambini o equiparate ai nazisti, truci selezionatori della razza.
Orrore amplificato dal fatto che queste osservazioni fanno da contraltare ai ministri dell’attuale governo (e ai loro raduni veronesi!) che inneggiano alla restaurazione omofoba e antifemminile.
Il movimento di liberazione della donna (la parola “femminismo” ne è solo una sintesi semplicistica) è stato una pietra miliare per il riconoscimento dell’uguaglianza tra persone di diverso genere. Esso infatti ha dato voce a una legittima ribellione contro il millenario oppressivo patriarcato (quello sì machista!), che poggiandosi su una presunta superiorità maschile , fisica e intellettuale, aveva ingiustamente emarginato la donna  chiudendole ogni possibilità di realizzazione personale che non fosse quella di moglie e madre- Esso ha, inoltre, permesso alle donne di superare la grave violazione dei diritti civili che quello strapotere causava: l’esclusione dal voto, l’accesso difficile e impari al mondo del  lavoro, l’impossibilità di dedicarsi  allo studio, la negazione della libertà di scelta riguardo  alla procreazione e riguardo alla possibilità di decidere l’interruzione di un legame matrimoniale divenuto insostenibile.
Questa lotta, oltre ad aver ottenuto risultati pratici, ha di fatto aiutato le donne ad emanciparsi dal “senso di colpa “sul quale i maschi, da sempre, hanno contato, per costringere mogli e figlie all’obbedienza, le ha spinte a superare l’ineluttabilità del loro ruolo di “servizio” in seno alla famiglia e alla società, ha demolito (anche grazie alla scienza) credenze oppressive/distruttive. Ad esempio è stata chiarita la pari responsabilità della sterilità, è stato dimostrato il ruolo del padre nella determinazione del sesso del nascituro, è stato sfatato il pregiudizio secondo il quale la donna avrebbe avuto un cervello più piccolo e leggero e dunque minori capacità intellettuali! Risultati di non poco conto, visto che per secoli quelle credenze erano state causa di immane sofferenza e di esclusione sociale.
Naturalmente “queste presa di coscienza” ha destabilizzato (a ragione) un ordine millenario, rigido e strutturato, che si fondava in gran parte proprio sul pregiudizio antifemminile e che garantiva all’ uomo/maschio assoluta libertà e assoluto potere.
A questo proposito, Virginia Woolf, femminista della prima ora, splendida scrittrice, intellettuale di spicco nella Londra del primo novecento, nel suo racconto “Una stanza tutta per sé – A Room of One’s Own” scrive:
“Per tutti questi secoli le donne hanno avuto la funzione di specchi, dal potere magico e delizioso di riflettere raddoppiata la figura dell’uomo. […] Perciò Napoleone e Mussolini insistono tanto enfaticamente sull’inferiorità delle donne, perché se esse non fossero inferiori cesserebbero di ingrandire loro. Questo serve in parte a spiegare la necessità che gli uomini spesso sentono delle donne. E serve a spiegare come li fa sentire inquieti la critica femminile; come a lei sia impossibile dir loro che il libro è brutto o il quadro difettoso, o cose del genere, senza provocare assai più dolore e suscitare assai più rabbia di quanta potrebbe suscitarne un uomo con la stessa critica. Perché se la donna comincia a dire la verità, la figura nello specchio rimpicciolisce; l’uomo diventa meno adatto alla vita.“
Come si fa dunque ad identificare il machismo con il femminismo?  Come si fa a confondere la causa con l’effetto? Gli oppressori con gli oppressi? La ribellione dello schiavo con la violenza del padrone?
Questa affermazione papale esprime un disprezzo che accarezza le pulsioni fasciste (machiste)  che ancora dicono riguardo allo stupro “te la sei cercata”, che minimizzano la violenza domestica (vedi la recente sentenza ammorbidita che ricorda l’impunibilità garantita al “delitto d’ onore”), che imputano il fallimento della famiglia al lavoro e alla emancipazione femminile, alla pretesa “folle” delle donne di decidere unilateralmente una separazione, alla loro “inaccettabile” libertà  di rifarsi una vita, pulsioni fasciste che ispirano leggi ingiuste, regressive, sessiste .
La Chiesa, in realtà, ha da sempre offerto (e continua purtroppo ad offrire) una sponda autorevole a questa interpretazione restrittiva del mondo femminile: richiamandosi alla Bibbia, all’autorità della tradizione e del magistero ha cocciutamente escluso le donne dal sacerdozio e dalle posizioni importanti, ha ignorato bellamente la loro teologia,  le ha private persino della parola nei sinodi e nei concili, le ha relegate ad umili servizi (perpetue, serve, suore), esaltando in loro unicamente l’obbedienza e la sottomissione e astutamente mettendo loro davanti come esempio ispiratore Maria, ridotta a icona dell’amore immacolato, dell’assertività senza domande, di una sessualità senza carne.
La Chiesa ha ignorato (e ancora ignora) volutamente le figure femminili significative della storia veterotestamentaria, che spesso hanno saputo essere protagoniste e maestre, profetesse e salvatrici. Così come ha letto in senso riduttivo anche i passi evangelici in cui Gesù riscattava l’immagine delle donne, pur non negando, condizionato dallo spirito del suo tempo, il patriarcato.
La Chiesa rifiutando infatti la lettura storico/critica dell’Evangelo, ne sposta i giudizi “sic et simpliciter” nel mondo d’oggi, come se non fossero passati 2000 anni, come se il mondo arcaico-pastorale non avesse subito nessuna evoluzione, come se la scienza, l’antropologia, la psicologia fossero ancora di là da venire.
Inoltre papa Francesco, come osserva giustamente l’editorialista dell’inserto femminile dell’Osservatore Romano, Lucetta Scaraffia, evoca non a caso, nello stesso discorso in  cui condanna il femminismo, l’antica/vuota/letteraria metafora “della Chiesa donna e madre”,  privando così la realtà femminile di ogni consistenza, anzi annichilendola in un confronto impari, portando il discorso della vita delle donne in una dimensione metafisica, celeste, e dunque svicolandosi furbescamente da ogni responsabilità concreta.
Per altro non è una novità questo linguaggio “distraente e mistificatore”! Anche la metafora “sponsale” usata per descrivere il rapporto tra Dio e la Chiesa, celebra ancora una volta una realtà disincarnata e perfetta, in cui la concretezza dell’umano scompare, ma che di fatto rappresenta e rafforza l’immagine del maschio/Dio dominante e della femmina/Chiesa adorante e fedele.
E come dice Scaraffia le donne sono stanche di essere metafore. Vogliono essere semplicemente accolte senza il fardello secolare del pregiudizio.
Il papa inoltre, stigmatizza le conquiste del mondo femminile, proprio mentre parla di repressione della pedofilia, il disastro prodotto dalla complicità tra il clericalismo e il maschilismo patriarcale, che tende a coprire se stesso, a fare gruppo contro i più deboli, a negare l’evidente violenza dei suoi comportamenti, a sottrarsi da ogni responsabilità che implichi rispetto e condivisione. Non a caso “il padre” non compare mai come figura significativa nel discorso sull’aborto, né si sottolinea come spesso sia proprio l’arroganza e l’immaturità del marito (che considera ancora la moglie una proprietà) a frantumare le relazioni…
Tutto ciò è desolante!
Ma finché dalla massima autorità della Chiesa saranno pronunciate simili sconsiderate parole, non c’è speranza di cambiamento, né è possibile credere a una vera volontà di riconoscere e riparare le proprie colpe.

1 Commento

  1. luigi ha detto:

    Il machismo e il femminismo sono forme di rapporto sbagliate tra uomo e donna. Entrambi sono legati ad un rapporto di dominio che si traduce in patriarcato e matriarcato. Il patriarcato è più potente del matriarcato, che è più debole. Il vero rapporto è alla pari: nè debole, nè potente. Come? Riconoscendosi sia uomo che donna di essere fragili per poter cooperare tra loro. Per un cattolico l’esempio è Gesù con la samaritana. Purtroppo i cattolici come i suoi discepoli si scandalizzano. Come cooperare? Come il gesuita Teilhard de Chardin che rinuncia alla cattedra per star vicino ai francesi che soffrono sul fronte di guerra. Pagherà questa decisione che poteva costargli la vita venendo esiliato in Cina. O come l’ebrea Etty Hillesum che poteva salvarsi dal campo di concentramento. Ha preferito “essere un balsamo per le ferite” degli ebrei nei campi di concentramento. Pagherà con la vita questa sua scelta. Sono tanti gli esempi. Nella scienza come non ricordare Maria e Pierre Curie. Riconoscendo le nostre fragilità e cooperando tra noi, avremmo a cuore il bene comune perchè il bene mio è anche quello dell’altro. Io ho bisogno dell’altro, come l’altro ha bisogno di me. L’uomo ha bisogno della donna e la donna dell’uomo. La spirale della vita salirà e non scenderà come sta, ahimè, avvenendo.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi