Morto Hans Küng, teologo ribelle. Contestò l’infallibilità del pontefice

dal Corriere della Sera
AVEVA 93 ANNI

Morto Hans Küng, teologo ribelle.

Contestò l’infallibilità del pontefice

Perito al Concilio Vaticano II, ex collega di Ratzinger, venne sanzionato dalla Congregazione per la dottrina della fede. Affrontò il tema del rapporto fede-scienza
di MARCO RIZZI

È morto all’età di 93 anni nella sua casa di Tubinga, in Germania, il teologo svizzero Hans Küng. Nato a Sursee, piccolo villaggio nel cantone di Lucerna, il 19 marzo 1928, venne ordinato sacerdote a Roma nel 1954, dopo gli studi di teologia condotti presso l’Università Gregoriana. Dopo un breve periodo di attività pastorale nella diocesi di origine, la sua attività si era interamente svolta nell’ambito della ricerca teologica.

In questa veste, Küng conobbe un primo momento di notorietà presso il grande pubblico nel 1970, quando pubblicò il saggio Infallibile? Una domanda (tradotto anche in italiano nel medesimo anno da Anteo). Come indica il punto interrogativo del titolo, Küng vi esaminava criticamente il dogma dell’infallibilità papale, sancito dal Concilio Vaticano I nel 1870. Il libro scatenò un’ondata di polemiche che dall’università di Tubinga, dove Küng insegnava, e dal mondo accademico tedesco giunsero ben presto a Roma, determinando nel 1975 un richiamo formale della Congregazione per la dottrina della fede e quattro anni dopo il ritiro del titolo di «teologo cattolico», necessario in Germania per insegnare nelle facoltà di teologia presenti nelle università pubbliche.
La vicenda ebbe risonanza mondiale, e mise in imbarazzo le autorità accademiche; Küng non poté insegnare più nella facoltà dove era diventato professore nel 1960, a soli 32 anni. Conservò però la cattedra presso l’Istituto per la teologia ecumenica da lui fondato all’indomani del Concilio Vaticano II. Proprio al Concilio fu il più giovane dei teologi nominati da Giovanni XXIII come periti, ovvero consulenti dei lavori, assieme a Joseph Ratzinger, di un solo anno più anziano. I due sarebbero stati anche colleghi a Tubinga fino al 1969, quando l’esplosione della contestazione studentesca spinse Ratzinger a trasferirsi nella più tranquilla Ratisbona.
La critica di Küng all’infallibilità papale non nasce però dal clima antiautoritario del Sessantotto, ma si inserisce in un percorso coerente, avviatosi con la tesi di dottorato sostenuta nel 1957 e dedicata all’analisi del tema della giustificazione, ovvero di uno dei principali nodi teologici su cui si era consumata la spaccatura tra cattolici e protestanti nel XVI secolo. Attraverso l’esame degli scritti del massimo teologo protestante del XX secolo, il calvinista Karl Barth, Küng giunge ad una conclusione assolutamente inattesa nel clima degli anni Cinquanta, ancora legato a schemi di tipo controversistico, ovvero ad un modo di procedere che contrapponeva affermazione ad affermazione, categoria a categoria.
Per Küng esistono differenze tra la posizione cattolica e quella di Barth, ma esse non riguardano il nucleo di fede; semplicemente risultano differenti la terminologia, le categorie, le forme del pensiero. Per usare una metafora, è come se la medesima cosa venisse detta in due lingue differenti. Compito della «teologia ecumenica» è quello di far dialogare le teologie delle diverse confessioni cristiane, traducendole, per così dire, da un linguaggio all’altro.
L’infallibilità è quindi solo una tappa di un percorso più generale, che nel corso degli anni Sessanta si concentra soprattutto sull’ecclesiologia (la riflessione sulla Chiesa e sulle sue strutture visibili e spirituali), con volumi che anticipano o sviluppano i temi conciliari come Riforma della Chiesa e unità dei cristiani (Borla, 1965) o La Chiesa (Queriniana, 1967). Gli anni Settanta vedono invece Küng impegnato, oltreché nel conflitto con Roma, nei grandi argomenti teologici, come la cristologia (Essere cristiani, Mondadori, 1976), Dio (Dio esiste?, Mondadori, 1979), l’escatologia (Vita eterna?, Mondadori, 1983), affrontati sempre nella prospettiva di una effettiva integrazione tra le prospettive delle differenti confessioni cristiane.
Era in qualche misura inevitabile che un simile itinerario conducesse nel corso degli anni Ottanta all’allargamento dello sguardo di Küng al di fuori della tradizione cristiana, trasferendo il suo approccio ecumenico al complesso delle religioni del mondo: Cristianesimo e religioni universali (Mondadori, 1986) Cristianesimo e religiosità cinese (Mondadori, 1989), Progetto per un’etica mondiale (Rizzoli, 1991), Ebraismo. Passato, presente futuro (Rizzoli, 1993), Islam (Rizzoli, 2005) delineano il quadro di un’alleanza etica ed intellettuale tra tutte le religioni a difesa della pace e della dignità umana.
Küng non si è sottratto neppure al confronto con le discipline scientifiche, spesso considerate «nemiche della teologia», come emerge da Teologia in cammino (Mondadori, 1987), che si misura con la visione delle rivoluzioni scientifiche di Thomas Kuhn, e da L’inizio di tutte le cose (Rizzoli, 2006), in cui Küng prende in esame gli esiti più recenti della fisica teorica e ne contesta, su basi epistemologiche, la pretesa di costituire una forma di conoscenza assolutamente certa.
Dopo tante polemiche, il riavvicinamento di Küng alla Chiesa di Roma era stato segnato dall’incontro con l’antico collega Ratzinger, allora sul soglio pontificio, nel settembre 2005 e dalla lettera che Papa Francesco gli aveva inviato il 20 marzo 2016 in occasione del suo ottantottesimo compleanno, che si apriva con le parole Lieber Mitbruder, «caro confratello».
6 aprile 2021

1 Commento

  1. Luigi Sirtori ha detto:

    Penso che l’errore dei padri conciliari dei quali facevano parte sia Kung che Ratzinger sia stato il tentativo di riformare una Chiesa legata ad un passato non più al passo coi tempi. La Chiesa non andava riformata, ma rifondata partendo con cieli nuovi e terre nuove per usare il suo linguaggio. Il tentativo di riformarla ha creato la spaccatura tra i riformatori (Kung) e i restauratori (Ratzinger). Dopo il pontificato riformatore tentato da Montini, ha prevalso quello restauratore di Wojtyla proseguito con Ratzinger fino alle sue dimissioni. Kung aveva chiesto un incontro con Ratzinger per convincerlo ad un cambiamento di rotta. L’incontro ci fu e Kung si meravigliò che prima di lui era stato ricevuto Martini. Quando lo vide uscire sconsolato dall’incontro capì che non sarebbe riuscito nel suo tentativo. Martini nel colloquio con Kung gli disse: “Non ascolta”. Vennero poi le dimissioni di Ratzinger da papa e adesso c’è Bergoglio. La Chiesa andava rifondata. Le riforme sono come maschere che si mettono per cercare di stare al passo del tempo, ma incidono poco se le fondamenta anche se solide sono quelle vecchie. Il Creatore nel quale la Chiesa dice di credere è sempre per il nuovo. Ogni sua creatura non è mai identica all’altra. Faccio un esempio banale. Ci sono ecclesiastici che si rendono visibili con un vestiario ridicolo con codazzi tipo spose dei matrimoni. La riforma li ha tolti, ma la restaurazione li ha reintrodotti. Non è ridicolo? Un vestirsi nuovo più sobrio e più pratico non è meglio? Penso che qui stia la differenza tra riforma e rifondazione. Kung si era come tanti illuso che la Chiesa (cattolica) che amava potesse cambiare. La realtà che abbiamo sotto gli occhi ancora oggi ne è la dimostrazione che i curiali della Chiesa la dominano ancora. Dove sono le riforme come ad esempio le donne con più potere nella Chiesa? E la diocesi milanese non è governata da un arcivescovo ex curiale? Mi auguro un futuro migliore per la Chiesa, ma nell’oggi ritengo meglio chi come me predilige l’extra ecclesiam sola salus. Se il vangelo è la Buona Notizia per un cristiano, è al vangelo e a Cristo che deve guardare non prendendolo alla lettera, ma sapendolo interpretare secondo lo Spirito e non secondo la carne.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi