Omelie 2016 di don Giorgio: DODICESIMA DOPO PENTECOSTE

7 agosto 2016: DODICESIMA DOPO PENTECOSTE
2Re 25,1-17; Rm 2,1-10; Mt 23,37-24,2
Se quella biblica è la storia di un’Alleanza continuamente tradita dal popolo eletto, ma rivendicata dalla cocciutaggine di un Dio, quello d’Israele, sempre pronto a rinnovarla, è anche la storia di un Tempio materiale, simbolo della presenza del Dio dell’Alleanza, ma talmente oggetto magico, come un talismano da toccare o da vedere per spremerne ogni favore, da sostituire il Mistero della Presenza divina.
“Questo è il tempio del Signore!”
Vorrei anzitutto riproporvi una pagina del profeta Geremia: «Questa parola fu rivolta dal Signore a Geremia: Fèrmati alla porta del tempio del Signore e là pronuncia questo discorso: Ascoltate la parola del Signore, voi tutti di Giuda che varcate queste porte per prostrarvi al Signore. Così dice il Signore degli eserciti, Dio di Israele: Rendete buone la vostra condotta e le vostre azioni e io vi farò abitare in questo luogo. Non confidate nelle parole menzognere ripetendo: Questo è il tempio del Signore, il tempio del Signore, il tempio del Signore! Se davvero renderete buone la vostra condotta e le vostre azioni, se praticherete la giustizia gli uni verso gli altri, se non opprimerete lo straniero, l’orfano e la vedova, se non spargerete il sangue innocente in questo luogo e se non seguirete per vostra disgrazia dèi stranieri, io vi farò abitare in questo luogo, nel paese che diedi ai vostri padri da sempre e per sempre. Ma voi confidate in parole false, che non giovano: rubare, uccidere, commettere adulterio, giurare il falso, bruciare incenso a Baal, seguire altri dèi che non conoscevate. Poi venite e vi presentate alla mia presenza in questo tempio, sul quale è invocato il mio nome, e dite: Siamo salvi! e poi continuate a compiere tutti questi abomini. Forse per voi è un covo di ladri questo tempio sul quale è invocato il mio nome. Anch’io, però, vedo tutto questo. Parola del Signore». (Ger 7,1-11)
Il Tempio e Gesù
Se l’Alleanza è stata ripresa da Gesù e allargata al mondo intero (oggi non ha più senso parlare di un’alleanza tra Dio e un solo popolo), per quanto riguarda il Tempio bisogna essere chiari: Cristo l’ha contestato, tanto da anticiparne la sua fine materiale. Verrà, infatti, distrutto definitivamente quando, nell’anno 70 d.C., l’esercito romano raderà al suolo Gerusalemme.
Con Gesù, dunque, il Tempio non avrà più motivo di esistere come costruzione materiale. Certo, la religione ha sempre avuto, e avrà sempre bisogno di templi per riunire i suoi seguaci. Ma con Gesù è avvenuto qualcosa di veramente rivoluzionario: la fine dei templi materiali. Lui è il nuovo Tempio, e in Lui ogni essere umano, in quanto essere spirituale. Il vero cristianesimo è la rivalutazione dell’essere umano, tanto da identificarlo con lo stesso Tempio vivente divino, che è il Cristo risorto.
Noi siamo il tempio di Dio
Ripeto, bisogna essere chiari: nelle nostre chiese, costruzioni materiali, che cosa vediamo? Simboli che richiamano lo Spirito oppure richiamano qualcosa di arido? Quando vado in chiesa, dovrei sentirmi a mio agio, ma nel mio essere interiore.
Dovrei sentirmi più “spirituale”, ovvero più interiore, per poi uscire di chiesa e far valere la parte più profonda del mio essere, in una società che sappiamo già farà di tutto per reprimerci nella nostra coscienza, ovvero nel nostro essere.
Gesù e la donna di Samaria
Come possiamo dimenticare le parole di Gesù alla samaritana o il suo dialogo notturno con Nicodemo? Per questioni di tempo, mi soffermo sull’incontro di Gesù con la donna di Samaria. Anche qui, siamo chiari: sono parole che dovrebbero far sentire continuamente in colpa la Chiesa-istituzione, che non ha fatto che ripetere gli stessi errori degli ebrei, contestati duramente da Cristo. Vediamo il perché.
Il dialogo con la samaritana è talmente rivoluzionario da chiederci come sia stato possibile che i tre sinottici (Marco, Matteo e Luca) l’abbiano del tutto ignorato. Solo Giovanni, il mistico, l’ha ripreso nel suo Vangelo.
Anzitutto. Il dialogo si svolge attorno a un pozzo. Già il pozzo che cosa richiama, se non il fondo dell’anima? Gesù, per incontrare quella donna, non la invita in un tempio, anche perché la samaritana adorava il suo Dio sul monte Garizim, in contrasto con il Dio che gli ebrei adoravano nel Tempio di Gerusalemme. Gesù sceglie un posto all’aperto, diciamo neutrale, a metà strada tra i due luoghi religiosi, quasi a dire: Adesso, basta! Il vero Tempio è fuori di ogni costruzione materiale, di ogni struttura di pietre. Il nuovo Tempio ha come tetto il cielo immenso e come pareti i campi, i prati, i boschi, i fiumi. Dio si trova là, dove l’essere umano è impegnato nei suoi doveri quotidiani. Qui Dio trasforma le necessità del corpo in necessità dello spirito. Se il corpo ha bisogno di acqua, lo spirito ha sete della grazia di Dio.
Ed ecco la seconda parola: grazia. La grazia richiama la bellezza della gratuità dei doni divini. Dire gratuità è dire qualcosa che esce dai soliti schemi umano-sociali e religiosi. Sì, perché nel nostro essere, dentro di noi, nel fondo dell’anima, c’è il Divino infinito, che non è mio o tuo, come qualcosa da barattare. Più si scende, più l’essere umano si scopre gratuito, perché il Divino è la gratuità, come del resto l’acqua che proviene dalle sorgenti sotterranee è un bene gratuito universale.
E poi Gesù dà la stoccata finale, quando relativizza la necessità del tempio materiale, affermando che Dio è Spirito e che i veri adoratori devono adorarlo in spirito e verità. Gesù richiama, più che i profeti dell’Antica Alleanza, quei mistici dell’antico oriente che avevano già scoperto il Divino nel fondo dell’anima.
In altre parole, Gesù rivela alla samaritana che la vera casa di Dio è il proprio essere interiore e che qui, nell’intimo del proprio essere, lo Spirito di Dio è uno solo e unisce tutti gli esseri umani. Le chiese in muratura sono ambienti relativi, non hanno importanza, anzi possono disunire i credenti di ogni religione. Non ha più senso dividerci sulle chiese cattoliche o sulle sinagoghe o sulle moschee. L’unica vera chiesa o sinagoga o moschea è l’essere interiore. Fuori, ci sono solo divisioni, violenza e sangue. Cristiani, ebrei e islamici torneranno ad essere umani, solo se scopriranno la realtà dello Spirito interiore. Lo Spirito non ha un nome, non è struttura, non ha chiese privilegiate. Basterebbe un pozzo, fermarsi, dialogare con noi stessi, se vogliamo attingervi l’acqua pura della Gratuità divina.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi