India, non più un reato essere gay

da www.ilsussidiario.nt
7 settembre 2018

India, non più un reato essere gay

India, essere gay non è più un reato: la Corte Suprema indiana depenalizza il reato di omosessualità, non è più “contro natura”. Il percorso giudiziario e il “mancato” intervento di Modi
Secondo l’Onu, la svolta in India giunta ieri è un deciso cambiamento culturale: «La violenza, lo stigma e le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale sono una delle forme più gravi di violazione dei diritti umani». Certo, come spiega un avvocato che hanno affiancato le associazioni Lgbt in India per la battaglia contro il reato di omosessualità, «Vinta la battaglia legale, molti passi ancora saranno da fare sul piano culturale e dell’accettazione sociale. La sentenza dovrà essere diffusa in ogni angolo del paese, soprattutto nelle aree più arretrate culturalmente». Diverse le reazioni delle varie comunità religiose presenti nel Paese: d’accordo con i giudici supremi anche la RSS, la formazione estremista indù, mentre All India Muslim Personal Law Board è rimasto in neutrale seppur qualche anno fa aveva contestato la richiesta di depenalizzazione dell’omosessualità; critiche invece da altre associazioni induiste e cristiane.
LA VITTORIA DEL PRINCIPE MANVEDRA
L’omosessualità non è più un reato in India, e questa è anche la vittoria del principe Manvendra Singh Gohil, il primo nobile indiano ad aver ammesso pubblicamente la propria omosessualità. Un coming out che è costato al principe la legittima eredità che gli spettava del regno di Rajpipla e la decisione da parte dei genitori di ripudiarlo. Questo perché, per un retaggio che apparteneva ancora alle leggi dell’epoca vittoriana, l’omosessualità veniva ancora considerata contro natura. E Manvendra aveva tuonato: “Accettare l’omosessualità in India è questione di vita o di morte,” alla luce delle pesanti discriminazioni che i gay erano costretti a subire nel Paese. Celare la propria identità sessuale, secondo il principe, era stata una delle cause principali del propagarsi dell’Aids in India: “L’80 per cento degli uomini indiani ha avuto almeno un rapporto omosessuale nella vita, fenomeno ancora più frequente tra i milioni di lavoratori migranti che si trovano soli e lontani da casa. Con gli altri maschi il sesso è rapido, gratuito e non c’è rischio di gravidanza. Ma quando tornano dalle mogli, se hanno l’Aids, propagano l’epidemia.” (agg. di Fabio Belli)
17 ANNI DI BATTAGLIE LEGALI
Si è conclusa in India una lunghissima battaglia legale per abrogare la legge che considerava l’omosessualità un reato. Da qualche ora a questa parte, infatti, essere gay in quella zona del mondo non provoca più alcuna condanna. Una lotta, che come ricorda Quotidiano.net, è iniziata nel 2001, esattamente 17 anni fa, ma dopo continui rimpalli di responsabilità fra governo e magistratura, evidentemente non interessati ad agire, si arrivò al 2009, quando la Corte suprema abrogò la norma in questione. Peccato però che la frangia più religiosa e conservatrice dell’India, diede vita a delle accese proteste, e di conseguenza la norma anti-gay (risalente all’epoca vittoriana), rimase in vigore. Passarono gli anni e si arrivò al 2013, con un nuovo verdetto sempre dello stesso tribunale: nulla cambiò. Importante in quell’occasione fu anche l’intervento del cardinale Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai, che bocciò la decisione della Corte: «La Chiesa cattolica – disse all’epoca – non è mai stata contraria alla decriminalizzazione dell’omosessualità, perché non abbiamo mai considerato i gay dei criminali. Ci opponiamo alla legalizzazione dei matrimoni gay, ma insegniamo che gli omosessuali hanno la stessa dignità di ogni essere umano e condanniamo ogni forma di ingiusta discriminazione, persecuzione o abuso». Il resto, è storia di queste ore… (aggiornamento di Davide Giancristofaro)
ABOLITA LEGGE VITTORIANA
La sentenza della Corte Suprema indiana, che ha cancellato di fatto una norma del codice penale che condannava di fatto l’omosessualità, segna una tappa storica nella legislazione del Paese del sud-est asiatico e una vittoria per tutti coloro che negli ultimi anni si erano battuti a favore dei diritti dei gay e di una cancellazione di una discriminazione oramai divenuta anti-storica. Ed è proprio la storia a entrare in ballo con questa vicenda dato che la legge che è stata abrogata, e che comminava addirittura dieci anni di carcere a coloro che avevano delle relazioni omosessuali, era stata introdotta addirittura nella fase finale del periodo coloniale in India, in età vittoriana, e praticamente da allora ad oggi era stata intoccabile. Tuttavia, anche in un Paese ancora così conservatore e legato a certe tradizioni, oramai la società ha cominciato da alcuni anni a cambiare e il fatto che oramai ci celebri anche qui un Gay Pride ogni anno testimonia di come l’intervento della Corte Suprema sia stato accolto, seppur con ritardo, con soddisfazione non solo dalle associazioni LGBT locali ma anche quelle internazionali. (agg. R. G. Flore)
UE, “IMPEGNI PER UGUAGLIANZA E DIRITTI”
Dopo la svolta giuridica e sociale arrivata in India sul campo dei diritti LGBT, interviene anche l’Unione Europea che da tempo invita tanto l’India quanto gli altri Paesi – in cui ancora non vige una vera e propria depenalizzazione del “reato di omosessualità” – ad invertire quanto prima la rotta. «Prendiamo atto della decisione della Corte Suprema dell’India che oggi ha depenalizzato l’omosessualità»; non solo, secondo il portavoce dell’Unione Europea, Bruxelles «è fortemente impegnata per l’uguaglianza e la dignità di tutti gli esseri umani indipendentemente dal loro orientamento sessuale e identità di genere». Da ultimo, l’Europa ribadisce quanto sancito dai trattati Ue, ovvero che decisioni del genere sono già inserite nella «Convenzione europea sui diritti umani e nel diritto internazionale».
NEL 2013 LA SENTENZA ERA STATA ANNULLATA
Essere gay in India non è più considerato un reato “contro l’ordine della natura”. Lo ha stabilito con una sentenza storica la Corte Suprema, cancellando l’articolo del codice penale che definiva in questi termini l’omosessualità. Questo pronunciamento arriva dopo anni di battaglie per la tutela dei diritti Lgbt: basti pensare che nel 2009 un’analoga decisione della Alta Corte di Delhi era stata cancellata dalla stessa Corte Suprema nel 2013. Come riportato da Il Fatto Quotidiano, in quell’occasione l’Alta Corte di Delhi aveva sentenziato la violazione, da parte dell’articolo 377, dei diritti fondamentali di un cittadino omosessuale. La Corte Suprema, però, nel 2013 aveva annullato la sentenza, nonostante avesse efficacia solamente all’interno della regione di Delhi, accogliendo una petizione lanciata da una coalizione di gruppi cristiani, indù e musulmani. Ora la svolta, anche grazie al governo conservatore sui temi sociali di Narendra Modi, che ha deciso di non prendere una posizione sul tema, lasciando libera scelta ai giudici. (agg. di Dario D’Angelo)
INDIA, ESSERE GAY NON È PIÙ REATO
In India, da oggi, essere gay non è più un reato: la Corte Suprema ha infatti cancellato il reato di omosessualità nel secondo Paese più popoloso al mondo, una decisione di fatto attesa da moltissimi decenni dalla comunità LGBT indiana, e non solo. La legge che rendeva reato l’essere gay e il praticare rapporti omosessuali risaliva al 1869 addirittura ed era stata mutuata dai colonizzatori britannici: nei fatti prevedeva, come riporta l’Agi, «pagamento di una multa e la reclusione fino all’ergastolo per “chiunque abbia volontariamente rapporti carnali contro l’ordine della natura”». La discussione e la decisione finale della Corte arriva dopo diverse richieste da varie associazioni e infine anche con la “moral suasion” del premier Modi, non tanto attivamente ma nel non volersi pronunciare in merito; il presidente della Corte suprema, Dipak Misra, annunciando il verdetto ha spiegato pubblicamente: «La legge era diventata un’arma per la persecuzione della comunità Lgbt».
IL PERCORSO GIUDIZIARIO
Contestazioni, repressioni e discriminazioni: con questa decisione il Paese da 1,25 miliardi di persone dice finalmente addio ad una regola arcaica che ancora oggi fruttava diversi casi “spiacevoli” contro le persone che semplicemente dimostravano e affermavano un diverso orientamento sessuale (molto più nel passato che non nel presente, va detto, ma i problemi restavano ugualmente). Come spiega oggi La Stampa, 5 giudici della Corte suprema a luglio «avevano ascoltato varie persone omosessuali, tra cui varie celebrità, che denunciavano come l’articolo fosse contrario alla Costituzione». A quel punto il Governo nazionalista, molto vicino alle tesi religiose induiste, ha deciso di non prendere posizione che è valso però con una paletta verde alla Corte Suprema. Secondo l’Associazione internazionale delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali (Ilga), l’India diventa così da oggi il 124esimo Paese al mondo dove «i rapporti gay non sono o non sono più considerati reati penali».

 

1 Commento

  1. Luigi ha detto:

    Per il Vaticano le donne “non esistono”. Per fortuna loro la diversità non è contemplata come reato. La tanto osannata regina Vittoria quando gli hanno comunicato che discendevamo dalle scimmie, si è premurata a dire: “Che non lo si faccia sapere”. La scienza va bene, ma resti segreta. Un po’ come l’omosessualità in Vaticano. Per l’India è una grande conquista.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi