Ministro, continui a lottare contro il caporalato. Con qualunque vestito

da www.articolo21.org

Ministro,

continui a lottare contro il caporalato.

Con qualunque vestito

6 Settembre 2019
di: Graziella Di Mambro
E se per un momento mettessimo da parte il vestito a balze di colore blu elettrico del Ministro Teresa Bellanova per dire qualcosa sul primo impegno del suo Dicastero? Se provassimo a ricordare che questa donna con un po’ di chili in più, senza laurea ma con i muscoli e le rughe che le derivano dall’essere stata una bracciante agricola e poi una sindacalista impegnata sul campo (nel senso letterale del termine), succede al Ministro Gina Marco Centinaio, leghista doc, che nell’ultimo anno ha provato più volte a scardinare l’impianto della legge contro il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura entrata in vigore in Italia soltanto a ottobre 2016 per volontà di un certo Ministro Martina e per la vergogna che il Paese provò di fronte alle condizioni di lavoro di tanti braccianti del Sud e del Centro (ma anche del Nord) d’Italia?
Ok, proviamo. E non è un gioco.
Nell’estate del 2015 una donna di 49 anni di Andria muore per la fatica, una bracciante italiana che si accontentava di una busta paga irregolare pur di portare a casa un reddito. Lei fu la goccia capace di far traboccare il vaso già colmo di centinaia di storie di lavoratori agricoli sfruttati in Puglia, Sicilia, Calabria, nel Lazio, un esercito silenzioso che garantiva frutta e verdure sulle nostre tavole al costo di condizioni assurde e rischiose e sotto il ricatto di caporali spietati. La legge del 2016 mise in piedi un sistema di controlli e introdusse il reato di sfruttamento sul lavoro. Non è stata mai attuata fino in fondo. Ma quando andò al Governo la Lega e si prese il Ministero chiave, quello dell’agricoltura, un venticello cominciò a soffiare contro le norme, troppo afflittive, di quella legge, tanto che erano pronte proposte di riforma. In questo contesto il Governo Conte bis ti va a scegliere per quel Ministero una ex bracciante. E’ un segnale, non si può negare. Negli ambienti che gravitano attorno all’agricoltura, sia nelle associazioni datoriali che nel sindacato, da tre giorni si sa che l’aria sta cambiando e che quella legge del 2016 avrà un’altra sorte d’ora in poi. La Flai Cgil è stata la prima a fare i complimenti e gli auguri di buon lavoro alla Bellanova. A seguire anche gli altri. Nel frattempo c’è stato il giuramento e quel vestito, l’unico appiglio degli squadristi della rete e dei commentatori che nulla concedono alle donne. Così questo Ministro è diventata la “cicciona” malvestita. E un’onda nera e stucchevole si è abbattuta su di lei e sul suo abbigliamento. Niente paura. Niente di nuovo. A Carola Rackete era toccata la stessa sorte. Lei non è grassa e non aveva un vestito di seta cangiante. Ma non si depila e non indossa il reggiseno nemmeno quando va in Procura per essere interrogata. Quanti insulti contro le donne abbiamo dovuto contare (e scontare) nell’ultimo brutto periodo che si è nutrito spesso di odio e violenza sui social? Laura Boldrini, Michela Murgia, Emma Marrone, Maria Elena Boschi solo alcuni dei molti bersagli.
Purtroppo molti di questi attacchi sono partiti da post di un ex Ministro, seguito da un vero e proprio esercito di odiatori seriali. Scene e sequenze che oggi inducono tantissimi osservatori, politici, artisti, intellettuali, semplici cittadini e utenti “normali” della rete a chiedere lo stop al linguaggio dell’odio, un cambio di passo, una scelta che eviti di guardare le donne solo attraverso i loro vestiti.
Sappiamo che domani o qualche altro giorno Teresa Bellanova tornerà sui campi, a parlare di sfruttamento e, questa volta, a proporre soluzioni che lei stessa potrà firmare. E non importa cosa indosserà quel giorno. Speriamo che non venga notato.  Ciò che resta di questa vicenda è il vero senso del populismo, dove i populisti dimostrano di essere “contro” il popolo e in un’altra epoca, non così lontana, sarebbero stati dalla parte dei latifondisti. Con lo stesso spirito.

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    L’abito non fa il monaco, ma evidentemente per i pasionari dei social si. Ci provarono già con il giudice Mesiano, irriso da un giornalista di mediaset ai tempi del regno di Silvio, per via dei calzini color turchese e divenuto bersaglio della rete, di recente anche la comandante Carola Rakete nemica giurata di Salvini, colpevole di non indossare il reggiseno (e non essersi depilata) in occasione dell’udienza in tribunale. E adesso la ministra dell’agricoltura, che pur non avendo frequentato le scuole superiori, si è laureata all’università della vita con uno dei lavori più faticosi che esistano, quello di bracciante agricolo, per il suo vestito “stravagante” e l’evidente sovrappeso.
    Il mondo dei social è per sua natura effimero e superficiale, ma per chi lo adora è come un’iscrizione scolpita nella pietra.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi