Virginia, la sindaca fantasma

dal sito Democratica
Mario Lavia
7 ottobre 2017

Virginia, la sindaca fantasma

Il ministro Calenda esterrefatto dopo l’incontro con la sindaca
La sindaca di Roma ha paura del mondo. Nel senso che è a suo agio solo nel “suo”, di mondo. Difficile dire se si tratti di una specie di solipsismo caratteriale o di una più prosaica fifa di farsi vedere. Dopo oltre un anno, ormai ci si rassegna a questa postura da Belfagor, un fantasma non del Louvre ma del Campidoglio.
Noi romani infatti non la vediamo mai in giro. Nemmeno per sbaglio. Quelli più grandi come chi scrive ricorda Luigi Petroselli, (proprio oggi dell’anniversario della morte, una morte durante un comitato centrale del Pci, pensa tu…), un grande sindaco di Roma: ebbene Petroselli era uno che la sua città la girava eccome, ed era conosciuto e rispettato anche per questo.
La Raggi invece si nasconde. Invisibile. Non va nemmeno tanto in tv. È blindata.
Questa mancanza di calore, questa glaciale facciata al limite della tracotanza l’aveva già notata in campagna elettorale il suo sfidante, Roberto Giachetti: “Le ho detto ‘ciao’ e lei mi ha risposto con un ‘salve’. Mamma mia, un minimo di cordialità…”.
Adesso dobbiamo alla penna di Salvatore Merlo, del Foglio, un vivido retroscena che la dice lunga sulla sindaca, sul suo sfuggire al prossimo – anche a costo di figuracce istituzionali.
Racconta Merlo che l’altro giorno prima del Consiglio diversi ministri chiedevano a Carlo Calenda come fosse andato l’incontro con la Raggi, incontro a cui era stata quasi costretta dal ministro. “Non avete idea, è stato l’incontro più surreale della mia vita”, ha riferito Calenda, che è un romano schietto, anche duro, con un piglio più da manager che da politico (infatti egli si racconta così). E dunque nel faccia a faccia lui entrava nel merito attendendosi una risposta, appunto, di merito: ma, delusione! “Su questo deve sentire i tecnici!”, rispondeva la sindaca. Mostrandosi indecisa persino se accettare o no un caffè ma molto determinata a esigete il “lei” e non il tu”.
Ovvio che si sia trattato di un incontro inutile. Le ha lasciato il ministro abbastanza esterrefatto, ed è scivolata via, proprio come Belfagor.

4 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Leggevo poco fa sul sito RomaToday delle critiche e degli insulti che dai social sono piovuti addosso a Lino Banfi e Vladirmir Luxuria, analogamente a quanto era capitato giorni prima all’altra attrice Anna Foglietta, per aver osato parlar male della sindaca. I due, ospiti di trasmissioni diverse, avevano osservato come, ad onta delle continue affermazioni di un non meglio identificato (e alquanto fantomatico) miglioramento complessivo delle condizioni della capitale, il degrado si stia accentuando e la vivibilità sia sempre più difficile. Eppure Banfi e Luxuria pur essendo entrambi pugliesi vivono a Roma da parecchi anni e quindi non hanno parlato a vanvera, come invece fa la maggior parte dei grillini, che inveiscono solo per “spirito di corpo” visto che buona parte di loro Roma l’ha vista solo in cartolina o in qualche tour organizzato ad hoc da agenzie specializzate. Insomma, come al solito i devoti del guru di Sant’Ilario non perdono occasione per sputare veleno su chi non la pensa come loro e, in questo caso specifico, si danno man forte l’uno con l’altro nel sostenere che la povera sora Virginia sia vittima di una sorta di congiura ordita e alimentata dal Pd e Forza Italia solo perché è una pupilla del loro capo.

  2. coscienza critica ha detto:

    Ma è ovvio.
    Vista l’inesperienza, e dato che probabilmente, anche visti tutti i casini sinora combinati, ha avuto poco tempo ( o magari anche voglia?) di approfondire questioni con i tecnici, altro non ha fatto che rinviare la questione.
    Se invece avesse affrontato da subito, pur inesperta, le questioni che dovevano essere considerate, magari avrebbe saputo dare una risposta, appunto nel merito.

    • Giuseppe ha detto:

      Francamente ne dubito. E comunque ci dovrebbe spiegare perché prendendo la parola da semplice consigliera quando il sindaco Marino era bersagliato da accuse pretestuose che nulla avevano a che fare con la sua carica istituzionale, “lo invitò” a fare un passo indietro e dimettersi, mentre lei non ci pensa proprio a farlo, nonostante tutte le gaffes, gli scandali e, dulcis in fundo, il recente rinvio a giudizio…

      • coscienza critica ha detto:

        Ovviamente può anche darsi che abbia tentato ma, non essendo all’altezza, non ci è riuscita, intendo dire riuscita a capirci qualcosa.
        Certo, non è che per fare i politici si debba essere tecnici, ma quanto meno capirci qualcosa, almeno quello che i tecnici cercano di spiegare.
        Quanto a Marino ed all’attuale comportamento della sindaca, si sa, è la famosa coerenza dei politici.
        In vero non solo della Raggi.
        Altri se ne potrebbero citare diversi, da Fini, se non ricordo male, che aveva promesso dimissioni poi non date, a tanti altri, di ogni schieramento e colore politico, il tutto ferma restando l’inadeguatezza dell’attuale amministrazione capitolina.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi