Omelie 2018 di don Giorgio: SESTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

7 ottobre 2018: SESTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Is 45,20-24a; Ef 2,5c-13; Mt 20,1-16
Prima di soffermarmi sulla parabola di Gesù, non posso tralasciare di fare qualche riflessione sul primo brano, che fa parte del cosiddetto Secondo Isaia: un profeta anonimo vissuto negli anni successivi al 538 a.C., quando il re persiano Ciro, vinti i Babilonesi, aveva permesso agli Ebrei esuli a Babilonia di tornare nella terra dei padri, abbandonata nel 586 a.C., al momento della distruzione di Gerusalemme.
“I superstiti delle nazioni”
La cosa interessante del brano è l’invito rivolto dal Signore a tutti i “superstiti delle nazioni” (gli scampati delle guerre, coloro che sono riusciti a sopravvivere nelle grandi prove), perché si presentino all’appello di Dio e testimonino, come in un processo, le ragioni  del Bene e i torti del Male.
Dicendo “ragioni del Bene” e “torti del Male” forse esco da una visuale teologica degli eventi narrati nella Bibbia, ma già il testo dell’anonimo profeta intende allargare il discorso, oltre dunque la religiosità del popolo eletto, che si sentirà tanto eletto da chiudere agli altri popoli la possibilità di accostarsi al Dio dell’Alleanza.
Qui sarei tentato di chiarire che il più grosso sbaglio degli ebrei, ed è stato anche delle religioni monoteiste, non esclusa quella cattolica, consiste proprio nel ritenersi gli esclusivi detentori della rivelazione di Dio, quando invece, se Dio ha scelto un capostipite, lo ha fatto unicamente perché diventasse il portavoce del Dio Padre universale.
La Chiesa di Cristo, ad esempio, non è “cattolica” nel senso che deve includere entro la cerchia delle sue mura strutturali ogni abitante della terra. La sua vera missione consiste nell’annunciare al mondo la verità di un Dio che è all’interno, ovvero nel fondo di ogni essere umano, il quale poi sarà libero di appartenere a questa o a quest’altra struttura religiosa o, addirittura, di non appartenere a nessuna religione.
Lo scopo della Chiesa non è quella di fare proseliti, come del resto già Cristo aveva condannato il proselitismo ebraico. Lo scopo della Chiesa, casomai, è quello di convertire ogni uomo o donna perché riscopra quel mondo interiore, che è l’elemento costituivo di ogni essere umano.
Le ragioni del Bene e i torti del Male
Tornando all’espressione le “ragioni del Bene” e i “torti del Male”, possiamo chiederci in che cosa consista il Bene e in che cosa consista il Male, se vogliamo capire le ragioni del primo (il Bene) e i torti del secondo (il Male).
Forse bisognerebbe tenere qualche lezione di Filosofia antica e anche di Mistica medievale, ma credo che avremmo tra il pubblico neanche una decina di persone interessate all’argomento.
Eppure, è una questione di vita e di morte. Non parlo in senso fisico, ma nel senso più ontologico, ovvero di quell’essere umano che è il nostro vivere, se è tenuto sveglio, o il nostro morire, se lasciato addormentato.
Il Bene, dunque, non è qualcosa di esteriore al nostro essere interiore, e il Male agisce all’esterno del nostro essere, bloccando il nostro vivere interiore.
La parabola dei lavoratori a giornata
Passiamo al brano evangelico della parabola dei lavoratori a giornata. Una parabola che è stata variamente interpretata, ovvero letta da angolature diverse, anche nel senso sindacale. Immaginate la faccia di un sindacalista che interpretasse la parabola di Gesù applicandola al mondo del lavoro. Eppure, anche se l’intento di Gesù volava ben al di sopra di questioni strettamente sindacali, sono convinto che si potrebbero trovare spunti interessanti per scompaginare quel concetto rigidamente sindacale di rapporto “lavoro, lavoratore e compenso economico (la cosiddetta busta paga)”.
Non entro in questa discussione, che potrebbe comunque essere interessante, ma vorrei fare qualche personale osservazione.
Dico subito che questa parabola mi ha sempre colpito, per le parole con cui il padrone della vigna risponde ad uno degli operai della prima ora che contestava il fatto che anche gli operai dell’ultima prendessero la stessa paga: «Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse concordato con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene. Ma io voglio dare anche a quest’ultimo quanto a te: non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?».
Allarghiamo il concetto di giustizia dal campo strettamente sindacale a quello della giustizia divina, e potremmo trovare anche le ragioni per cui, nei nostri rapporti di lavoro o sociali, qualcosa non funzioni o, meglio, funzioni ma in modo così strutturale da non permettere quelle relazioni profondamente umane che richiederebbero una visione ben più alta dell’essere umano.
Nella parabola c’è un aspetto che forse pochi hanno evidenziato o, meglio, avrebbero potuto e dovuto evidenziare con più forza, ed è il rapporto tra giustizia e bontà.
Sì, dire giustizia e dire bontà sono la stessa cosa, perché bontà deriva da bene, per cui tutto si deve svolgere nell’ambito del bene. Il bene ha diversi aspetti, che vanno al di là degli aspetti strettamente giuridici o sindacali, e al di là di quell’egoismo individualista per cui l’ego diventa il criterio di valutazione di ogni diritto (naturalmente il mio) e di ogni dovere (naturalmente quello degli altri).
Quando noi credenti parliamo di giustizia aggiungiamo anche la carità, ma purtroppo la carità viene solitamente intesa come qualcosa che dà un tocco di compassione. E la società non accetta un simile “pietoso” connubio: giustizia-carità, ma chiede e pretende che la giustizia sia strettamente giustizia, ovvero un dare per avere, ma mai un avere per dare.
Se invece di parlare di carità parlassimo di bene e dicessimo che la giustizia strettamente intesa come “dare per avere” non rispecchia il bene diciamo anche sociale, forse potremmo mettere qualche pulce nell’orecchio di tanta gente abituata a ben altri linguaggi, tipicamente individualisti.
Più l’egoismo trasforma la giustizia in un individualismo come isola sperduta nell’oceano, più necessita una educazione che metta in primo piano quel bene universale, che per noi credenti è un’emanazione del mondo del Divino.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi