Sì dell’Oms al vaccino anti-malaria: «Salverà decine di migliaia di bambini»

Un uomo affetto da malaria a Chokwe, in Mozambico: è africano il 95% delle vittime – Ansa
da AVVENIRE
7 ottobre 2021
Sanità.

Sì dell’Oms al vaccino anti-malaria:

«Salverà decine di migliaia di bambini»

Paolo M. Alfieri
Terminata la sperimentazione in tre Paesi africani su 800mila bambini, via libera all’uso di massa per il Mosquirix. Il direttore dell’agenzia Onu Tedros: «Svolta storica»
C’è un pezzo di mondo che da decenni aspettava questo momento, un pezzo di mondo in cui un bambino sotto i cinque anni ha ancora altissime probabilità, nell’anno 2021, di morire di malaria, vero “top killer” d’Africa. Da ieri, quello che finora era una sperimentazione limitata è diventato strumento ufficiale, raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità: si tratta del primo vaccino antimalarico per i bambini, un vaccino di cui l’Oms raccomanda ora l’impiego di massa, in particolare in Africa sub-sahariana e in altre aree a rischio. Il farmaco in questione è il RTS,S/AS01, prodotto con il nome commerciale di Mosquirix dalla Glaxo-SmithKline con l’aiuto di un organismo non profit, Path’s Malaria Vaccine Initiative. È efficace nel 56% dei casi, una soglia in apparenza non elevata, ma che equivale comunque alla possibilità di «salvare decine di migliaia di vite ogni anno», come ha sottolineato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Non solo: una forma modificata del Mosquirix, con la sigla R21, sta già mostrando nei trial un efficacia aumentata fino al 77%. C’è speranza, insomma, eccome.
Dopo tre decenni di ricerca e i primi via libera ottenuti dalle autorità sanitarie nel 2015, il Mosquirix è stato offerto in tre Paesi pilota, Malawi, Ghana e Kenya, a 800mila bambini in quattro dosi, la prima delle quali a 5 mesi di età e l’ultima entro i due anni. Periodicamente mamme e papà hanno con pazienza atteso il loro turno per le vaccinazioni. Come a Tomali, villaggio a sud del Malawi in cui nella locale lingua chichewa la malaria si chiama «malungo» e durante la stagione delle piogge, che dura cinque mesi, è molto difficile non subirne il contagio. Pozze stagnanti, dove le zanzare si diffondono, circondano strade e villaggi. La clinica più vicina è distante due ore di bicicletta e più si è lontani dai presidi sanitari maggiori sono i rischi per i bimbi contagiati. Occuparsi della malaria porta via a medici e infermieri gran parte del tempo. «Ora avremo anche più ore a disposizione per occuparci di altre malattie», sottolinea un’infermiera. I medici spiegano alla gente del villaggio che il vaccino non sostituirà i farmaci antimalarici o l’uso delle zanzariere, ma che sarà un’arma in più, l’arma che mancava.
Ancora oggi la malaria provoca 409mila morti l’anno, il 95% dei quali in Africa e per due terzi bambini sotto i cinque anni. L’Oms stima che l’80% dei contagi si verifichi in 15 Paesi africani (Nigeria in testa, con il 25% del totale) e in India. Vettore del parassita appartenente al genere Plasmodium sono le zanzare Anopheles: la loro puntura trasmette appunto nel sangue i parassiti, che, se riescono a localizzarsi nel fegato, maturano e si moltiplicano prima di invadere i globuli rossi e cominciare a provocare i sintomi. A quel punto sono necessari farmaci che uccidono i parassiti, non sempre disponibili e spesso insufficienti per i bimbi più piccoli. Il Mosquirix usa una proteina del parassita nel tentativo di bloccare l’infezione al livello iniziale. Il sistema immunitario del bimbo vaccinato dovrebbe infatti riconoscere il parassita e produrre gli anticorpi necessari a debellarlo. «Questo è un momento storico – ha detto ieri Tedros –. Il tanto atteso vaccino è una svolta per la scienza, la salute dei bambini e il controllo della malaria».
Soddisfazione è stata espressa anche da molte Ong sul campo. «Come è avvenuto per l’Italia, dove la malaria era ancora endemica nella prima metà del Novecento, dobbiamo chiudere la partita anche nei Paesi africani – sottolinea la presidente di Amref Paola Crestani –. Finalmente ci siamo. E ancora una volta l’unica via a permetterci di progredire è la scienza, con un vaccino. Come Amref incoraggiamo continuamente le comunità a migliorare la prevenzione e la gestione della malattia». Il prossimo passo tocca ora a Gavi, l’alleanza globale per i vaccini: un suo sì potrebbe garantire l’acquisto del vaccino per i Paesi che lo richiederanno, un processo che potrebbe richiedere anche un anno. Ma non c’è proprio più altro tempo da perdere.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi