Miracolo in Georgia, eletto il pastore nero. E la storia cambia

Atlanta, Georgia. Joe Biden scambia il saluto con Jon Ossoff. Al centro Raphael Warnock
© Ap
da Il Manifesto
INTERNAZIONALE

Miracolo in Georgia,

eletto il pastore nero. E la storia cambia

Stati uniti. Il reverendo Warnock e (forse) il giovane giornalista Jon Ossoff si aggiudicano la sfida cruciale per il controllo del Senato Usa. Ma la vera eroina dem del giorno è Stacey Abrams, un’altra leader afroamericana. Tutti a votare grazie a lei

Roberto Zanini

EDIZIONE DEL 07.01.2021
È la sera dei miracoli, delle cose-che-non-accadranno-mai e invece accadono, delle sorprese che spostano il mondo di un po’. Di poco, pochissimo, ma il mondo si è spostato.
IL PASTORE NERO di una chiesa battista diventa senatore in Georgia. È il primo democratico da quasi trent’anni. Il primo nero in Georgia. Il primo nero democratico in tutto il Sud, l’enorme profondo Sud dove la guerra civile non è mai finita davvero, dove ancora girano i cavalieri incappucciati e dove nella stessa acqua nuotano animali non sfiorati dalla selezione naturale come gli alligatori e i democratici di ultradestra, i temuti dixiecrat razzisti e fondamentalisti.
E UN GIOVANE GIORNALISTA di 33 anni al suo primo vero lavoro, uno che sembra Joe Biden da piccolo, è a un passo dal vincere l’altro seggio al Senato contro un plutocrate maneggione che ha firmato più speculazioni di borsa che interrogazioni parlamentari. Consegnando con questo il Senato al presidente eletto Biden, insieme all’inestimabile dono delle mani libere.
È LA SERA DEI MIRACOLI per Raphael Warnock, undicesimo dei dodici figli di una coppia di Savannah, entrambi pastori pentecostali, che a 36 anni divenne il parroco della chiesa di Martin Luther King e a 51 diventa il primo nero democratico a entrare al Senato arrivando da sud. Ha battuto per 56mila voti (su 4,4 milioni) la senatrice più ricca dei già molto ricchi senatori repubblicani americani, Kelly Loeffler, una che non è mai stata eletta – venne nominata in sostituzione di un senatore malato – ma era così foderata di milioni da rendere impensabile che potesse fallire. Una che è diventata più trumpista di Trump nel peggior momento possibile, appoggiando ogni tentativo di sovvertire le elezioni per via giudiziaria e dipingendo il rivale come un efferato comunista nutrito di marxismo e bambini.
«È il candidato più radicale e pericoloso ad aver mai tentato di essere eletto al Senato» disse Trump a un comizio con Loeffler in Georgia, e per mesi la senatrice uscente ha battuto solo su quel tasto. Con poca fortuna. «Di solito quando andavo al Campidoglio – le prime parole del neo-eletto – i poliziotti mi arrestavano. Quando ci tornerò questa volta, gli stessi poliziotti mi aiuteranno a trovare il mio nuovo ufficio!».
ED È LA SERA DEI MIRACOLI anche per Jon Ossoff, il Biden cucciolo con tre lauree e alcuni anni spesi ad assistere un parlamentare, un moderatissimo che è piaciuto anche a Bernie Sanders e che come Biden piace al grande capitale, che attraverso l’establishment democratico lo ha munito dei milioni necessari ad affrontare l’uscente senatore David Perdue. Al primo turno, Perdue ha mancato il 50% per 13mila voti circa. Al ballottaggio, con il 98% di seggi scrutinati, ieri sera stava perdendo per circa 18mila voti, lo 0,4%, di nuovo un soffio – così tenue da rendere automatico il riconteggio dei voti. Ossoff ha dichiarato vittoria, ma per vincere davvero il seggio e con esso l’intero Senato i democratici dovranno attendere l’intera liturgia elettorale dei controlli, dei ricorsi, delle sentenze e degli appelli.
La macchina da guerra post-elettorale voluta da Trump e guidata da Rudy Giuliani finora non ne ha imbroccata una. Però…
CHIAVI DI LETTURA? I neri battisti delle aree urbane sono andati a votare più di prima, i bianchi evangelici delle zone rurali meno. La chiave aritmetica è qui, nella differenza tra fasce di popolazione politicamente ben definita, che il surreale comportamento di Trump – «Ci hanno rubato anche il ballottaggio», ha detto ieri – hanno diversamente mobilitato, i primi in massa verso le urne e i secondi tanto disorientati da disertare.
MA LA CHIAVE POLITICA è un’altra e l’eroina del giorno è Stacey Abrams, la leader dei democratici georgiani, sconfitta di un soffio nel 2018 dal governatore repubblicano Kemp, che dal 2013 ha avviato una politica di motivazione e di arruolamento dei progressisti (tutti, non solo i neri) nei registri elettorali. Una cosa lenta, metodica, organizzata e inesorabile – consumando la suola delle scarpe più che i vestiti da sera delle cene di finanziamento. Significa passare quattro anni per le strade o nei seminterrati delle chiese battiste, invece di sei frenetici mesi nelle ballroom dei grandi alberghi di Atlanta dove le grandi aziende infilano grandi assegni nei salvadanai dei candidati.
Come in molti altri stati, in Georgia i repubblicani si sono impegnati allo spasimo a togliere elettori dai registri, con controlli di residenza politicamente mirati su neri e popolazione urbana povera. Ne ha fatto le spese persino la cugina 94enne di Martin Luther King, Christine Jordan, che dopo mezzo secolo di voti nello stesso seggio è tornata a casa in lacrime perché il suo nome risultava «trasferito». Come quello di altri 540mila georgiani in due elezioni, nel 2018 e poi in queste.
MA MENTRE I REPUBBLICANI erano impegnati a svuotare i registri elettorali da ogni nome scomodo, Stacey Abrams è stata impegnata a riempirli, attraverso il suo New Georgia Project. E non solo di neri. Ma di latinos e di asiatici-americani che sempre più risiedono in Georgia, di giovani attirati da Atlanta (che ha mezzo milione di abitanti ma per gli standard locali è una metropoli), di popolazione istruita disposta a pagare tasse ma in cambio di servizi pubblici. Insomma, ha seguito l’evoluzione sociale del suo stato.
La blackness è una bella cosa ma è condannata alla minorità. Il multiculturalism no. Si chiama fare politica, e farla davvero.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi