L’accoglienza creativa dei Comuni per superare la norma sui migranti

da AVVENIRE
7 febbraio 2019
Decreto sicurezza.

L’accoglienza creativa dei Comuni

per superare la norma sui migranti

Antonio Averaimo e Chiara Gabrielli
Nessuna illegalità, ma lettura attenta delle leggi in vigore, partendo dal Testo unico sull’immigrazione e l’orientamento giurisprudenziale
Superare la legge Salvini sui migranti? Diversi Comuni lo stanno già facendo. A fianco dell’obiezione umanitaria lanciata dal sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che a inizio anno aveva aperto un fronte di protesta dentro l’Anci solo parzialmente colmato dalla mediazione del premier Conte, si sta facendo strada una “modalità creativa” di recepire gli effetti del provvedimento, senza gesti di disobbedienza. Anzi, partendo proprio dal rispetto delle norme.
Le piccole città in campo
Prendete il caso del Consiglio comunale di Jesi, in provincia di Ancona, che nei giorni scorsi si è confrontato sul punto che desta maggiore preoccupazione: l’impossibilità di iscrizione all’anagrafe per i richiedenti asilo con permesso di soggiorno umanitario.
«La mancata iscrizione comporta la perdita di alcuni diritti fondamentali – ricorda Tommaso Cioncolini, consigliere di maggioranza della lista JesInsieme, che ha lavorato alla proposta – dall’accesso all’assistenza sanitaria ordinaria alla ricerca di un lavoro, fino all’apertura di un semplice conto corrente».
Il sindaco della città, Massimo Bacci, ha sempre ribadito che non intendeva fare “disobbidienza civile” e che voleva applicare la legge. «Studiando attentamente la questione – prosegue Cioncolini – ci siamo accorti che la legge non stravolge quello che c’è nel Testo unico sull’immigrazione. Quella legge infatti non vieta l’iscrizione, ma non riconosce il permesso di soggiorno come titolo valido per la registrazione.
In questo senso, il Testo unico sull’immigrazione e l’orientamento giurisprudenziale ammettono che dopo tre mesi di dimora abituale l’ente sia obbligato a riconoscere l’iscrizione. Su questo, per non vanificare lo spirito di accoglienza e le iniziative a sostegno degli ultimi, abbiamo elaborato una risoluzione, che è già stata votata ed è passata. Il Comune si impegna in questa direzione, che può essere una soluzione di sistema, oltre che un esempio pilota per altre città. In quei primi tre mesi il migrante non viene così comunque abbandonato, perché si trova ancora nel progetto di accoglienza. Così si va in aiuto al migrante percorrendo una strada di sistema, garantendo i diritti a chi altrimenti ne verrebbe privato».
Tra i Comuni che aggireranno gli effetti del decreto sicurezza sulle iscrizioni anagrafiche c’è anche Mugnano di Napoli, centro di 35mila abitanti a nord del capoluogo campano. Il sindaco, Luigi Sarnataro ha firmato una direttiva indirizzata ai dirigenti dell’Ufficio anagrafe, che di fatto sospende gli effetti delle nuove norme varate dal governo e consente ai richiedenti asilo di usufruire di un servizio anagrafico temporaneo.
In particolare, la direttiva del primo cittadino di Mugnano mira a neutralizzare gli effetti dell’articolo 13 del decreto sicurezza, in virtù del quale il permesso di soggiorno non costituisce più titolo per l’iscrizione anagrafica.
«La nostra iniziativa non vuole andare contra legem – spiega il primo cittadino di Mugnano –. Semplicemente, seguendo l’esempio del Comune di Napoli, noi sfruttiamo la possibilità offertaci da un altro provvedimento in vigore, che ci consente di iscrivere i richiedenti asilo in un registro temporaneo, almeno fino a quando la legge lo consentirà. Non possiamo infatti lasciare allo sbando, come vuole questa legge promossa dal ministro dell’Interno, gli immigrati presenti su un territorio che comprende ben quattro centro di accoglienza straordinaria e che aderisce al servizio Sprar».
La battaglia dei territori
L’azione di “disobbedienza civile” lanciata dal primo cittadino di Palermo, Leoluca Orlando, nei primi giorni del 2019 aveva fatto diversi proseliti tra i sindaci delle grandi città di centrosinistra, ma nello stesso tempo aveva creato alcune divisioni all’interno dell’Anci, l’associazione nazionale dei Comuni italiani. Per questo, il segnale che giunge adesso dai centri di piccole e medie dimensioni, soprattutto nella provincia italiana, rappresenta una novità, riconducibile alla capacità “creativa” di molti municipi chiamati a fare i conti con progetti di ospitalità che ci sono sempre stati (e persone straniere di cui farsi carico) e insieme con la necessità di rispettare i nuovi vincoli di legge.
Tra i temi portati all’attenzione del governo dai vertici dell’Anci nell’incontro sul decreto Salvini dello scorso 14 gennaio, ci sono stati, oltre alla questione dell’iscrizione all’anagrafe per i richiedenti asilo, anche la presa in carico dei migranti da parte delle Asl e l’accesso agli Sprar delle persone vulnerabili. D’altra parte, il fronte più determinato dei sindaci si dice convinto che «la Consulta farà a pezzi la norma» come ha dichiarato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. In campo ci sono anche diverse Regioni, dalla Toscana all’Umbria, dalle Marche al Piemonte e all’Emilia-Romagna. In molti, anche tra i governatori, pensano che le questioni lasciate aperte dal testo voluto dal ministro Salvini verranno risolte nei prossimi mesi con il pronunciamento della Corte Costituzionale.
L’articolo 13 contestato
L’articolo 13 della legge 132/2018 entrata in vigore il 4 dicembre, di conversione del cosiddetto decreto sicurezza e immigrazione stabilisce che il permesso di soggiorno per richiesta asilo non permetterà l’iscrizione anagrafica. Il Testo Unico immigrazione, però, equipara – proprio in materia di iscrizione e variazione anagrafica – ogni straniero regolarmente soggiornante al cittadino italiano. A seguito della legge 132, situazioni simili, con stranieri regolarmente soggiornanti, potranno essere trattate in maniera difforme. La mancata iscrizione anagrafica infatti esclude dalla fruizione di molti diritti garantiti dalla Costituzione. Potrebbe essere impossibile così individuare il medico di base, procedere all’iscrizione alla scuola non dell’obbligo, alle liste per la scuola materna e asili nido, ai centri per l’impiego, aprire una partita Iva.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi