Ancora sangue, ancora denaro

da AVVENIRE
7 maggio 2019
Dietro la guerra lampo Gaza-Israele.

Ancora sangue, ancora denaro

Giorgio Ferrari
Follow the money, segui il denaro. È una vecchia formula nata all’epoca dello scandalo Watergate, sempre utile tuttavia per districare le trame sottili che muovono certi eventi. Una formula che vale anche per la guerra-lampo di Gaza, il cui bilancio – 800 razzi lanciati, decine di raid aerei, 31 palestinesi e 4 israeliani uccisi in due giorni di scontri – avrebbe potuto essere ancora più tragico.
Seguiamo il denaro e troveremo una spartizione che ci farà capire perché Hamas, estenuato e incartapecorito elefante politico, ha lasciato che fosse la Jihad, il Movimento islamico rivale, a trascinarla nell’ennesimo scontro con Israele. Uno scontro il cui esito appartiene a un copione immutabile: l’indiscussa prevalenza militare di Tsahal (le forze armate israeliane) da un lato, l’eco mediatica di Gaza sostenuta dallo sdegno internazionale con l’ostensione delle spoglie dei propri “martiri” dall’altro. Gli stessi bollettini di guerra si assomigliano: «La resistenza ha conseguito un grande successo e ha ottenuto gli obiettivi che si prefiggeva avendo sconfitto il nemico». «Abbiamo colpito duramente Hamas e la Jihad islamica. Abbiamo attaccato 350 obiettivi, colpito dirigenti e membri delle organizzazioni terroristiche, abbiamo distrutto i grattacieli dei terroristi». Già, ma il denaro? Il denaro serve a entrambi: a Yahya Sinwar, formalmente il capo politico e militare di Hamas, come a Ziad Nahala, la figura carismatica dei jihadisti di Gaza. È stato quest’ultimo a lanciare l’offensiva di maggio, con un duplice scopo: quello propagandistico – mettere in crisi il nascente nuovo gabinetto Netanyahu alla vigilia delle annuali celebrazioni della nascita di Israele e di Eurovision e sabotare il difficile processo di pace – e quello reale: permettere ai soldi dal Qatar, bloccati da Israele, di arrivare nella Striscia.
Rispetto alle donazioni che giungono da varie parti del mondo, quelli del Qatar sono soldi veri: in aggiunta ai circa 700 milioni già erogati dal 2012 al 2018 (ma dal 1994 a oggi la cifra corrisposta dai vari donatori raggiunge i 31 miliardi), lo sceicco Mohammed al-Thani ha stanziato lo scorso ottobre un prestito di 150 milioni di dollari (90 per gli stipendi degli impiegati pubblici, 60 per servizi, carburante e assistenza sanitaria) destinato alla Striscia: 15 milioni al mese, che certo non leniscono la cronica disoccupazione giovanile né mitigano (semmai la peggiorano) la corruzione dilagante, ma che comunque consentono ad Hamas di mantenere una parvenza di consenso nella sovraffollata enclave palestinese e alla Jihad di acquistare armi e dotarsi di macchinari sofisticati come le escavatrici “made in Germany” con cui si creano le centinaia di tunnel sotterranei dove far transitare dall’Egitto persone, merci, denaro contante e anche migliaia di razzi fabbricati in Iran.
Completata la spartizione fra Hamas e Jihad, di quel fiume di denaro resta ben poco per i quasi due milioni di abitanti della Striscia. Con le medesime somme – che secondo le sempre più vive proteste di piazza (puntualmente represse dai servizi di sicurezza) servono più che altro al benessere dellanomenklatura di Gaza City – si potrebbero costruire ospedali, scuole, fognature, depuratori. Ma Hamas, la stessa Hamas che prima di conquistare il potere a Gaza nel 2007 accusava l’Olp e l’Autorità Nazionale Palestinese di essere una ragnatela pietrificata di interessi privati, di quel denaro ha bisogno per la propria sopravvivenza. Non meno dell’Anp di Abu Mazen, Hamas è diventato un partito dichiaratamente conservatore a cui tutto sommato lo status quo conviene, come in fondo conviene anche a Israele: finché la Striscia sarà una prigione a cielo aperto, Hamas potrà continuare ad amministrarla e Israele – complice l’immobilismo di Anp – potrà continuare a eludere la questione palestinese. A fare le guerre ci pensa la Jihad, l’ala radicale, tenuta in palmo di mano da Teheran. Non a caso Nahala e il suo braccio operativo Baha Abu al-Ata hanno avuto campo libero in questi ultimi tempi. E poco importa ai cinici strateghi quale sia il bilancio in vite umane, di qua e di là dalla cinta muraria che avvolge la Striscia di Gaza: qualche decina di metri di mare in più per pescare saraghi e spigole e lo sblocco dei fondi del grande elemosiniere del Golfo valgono bene un fine settimana di sangue.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi