Omelie 2018 di don Giorgio: SETTIMA DOPO PENTECOSTE

8 luglio 2018: SETTIMA DOPO PENTECOSTE
Gs 10,6-15; Rm 8,31b-39; Gv 16,33-17,3
Saper distinguere ciò che è storico da ciò che è semplicemente un mito
Anche i tre brani della Messa di oggi meritano una particolare attenzione, ma l’omelia non è una conferenza e perciò, anche per il poco tempo a disposizione, cercherò di soffermarmi su qualche aspetto del primo brano, senza la pretesa di esaurire la profondità della Parola di Dio.
E già dire Parola di Dio mi porta subito a fare qualche doveroso chiarimento.
Gli studi più recenti concordano su una cosa, ovvero sul fatto che la Bibbia non è da leggere come se gli eventi narrati fossero tutti e del tutto storici. Ci soni libri in particolare che vanno interpretati, distinguendo ciò che storico da ciò che è semplicemente un mito. Basterebbe pensare alle pagine della Genesi con il racconto della creazione del mondo e dell’essere umano, con il racconto del cosiddetto peccato originale, del diluvio, della torre di babele, ecc. La stessa storia di Abramo è in parte mitica, così pure la storia dei patriarchi, la storia di Mosè, di Giosuè, ecc. Ci sono studiosi che mettono in dubbio la storicità di Abramo, di Mosè, ecc. Una cosa è certa: ogni popolo antico faceva risalire le proprie origini a figure leggendarie.
Senza cadere nel rischio di distruggere tutta la storicità del popolo ebraico, non si può negare che Abramo, i patriarchi, Mosè, Giosuè ecc. siano stati fortemente enfatizzati, nel bene e anche nel male. Ciò non toglie che possiamo anche parlare di una Parola di Dio che s’incarna nel mito.
L’importanza del mito
Un’altra cosa da chiarire. Dire mito di per sé non è lo stesso che dire cosa leggendaria o del tutto fantasiosa. I miti, presso gli antichi popoli e anche presso i grandi filosofi greci (pensate a Platone), avevano un’enorme importanza, perché contenevano dei messaggi, degli insegnamenti sui grandi perché della vita e del mondo divino. I miti servivano agli antichi per rappresentare qualcosa di profondo che sarebbe stato più difficile comunicare e consegnare alla storia mediante fatti accaduti, tanto più se questi fatti non si conoscono, oppure mediante riflessioni del tutto logiche.
Nel mito c’è del vero, forse più di quanto possiamo vedere negli stessi eventi storici, che possono essere del tutto banali, e che perciò scompaiono nel nulla. Di per sé un fatto accaduto passa col tempo, mentre il mito rimane, sempre però da scoprire nella sua simbologia che tocca realtà nella loro profondità.
Purtroppo, i libri di storia narrano eventi, nel loro svolgersi in un determinato tempo e in una determinata zona, ma non parlano mai, o troppo poco, dei miti. I ragazzi, soprattutto di oggi, vanno educati a scoprire il valore anche del mito.
Il primo brano della Messa
Fatte queste doverose premesse, facciamo qualche riflessione sul primo brano della Messa. Non entro nel merito, l’ho già fatto in altre omelie, delle parole con cui Giosuè impone al sole di fermarsi, per avere così la possibilità di sterminare i nemici con a capo i re degli Amorrei. Oggi tutti gli studiosi concordano nel dire che si tratta della citazione di un brano poetico, dunque da non interpretare alla lettera. Certo, non va dimenticato che nel passato, il racconto di Giosuè è diventato famoso per gli incidenti di percorso lungo i secoli, circa la discussione sul “sole che gira attorno alla terra” (convinzione comune fino al secolo XVII) e “la terra che gira attorno al sole” (convinzione sostenuta da Galileo: 1564-1642). La discussione divenne polemica religiosa e non si fermò a livello scientifico, coinvolgendo criteri interpretativi della Scrittura e problemi sulla verità biblica. Il testo della Scrittura, che leggiamo oggi, è la relazione di una delle battaglie che il popolo d’Israele ha affrontato nella conquista della terra promessa che gli ebrei stavano lentamente popolando.
Il diritto del primo occupante
Ed è qui che qualcosa non funziona: come si può accettare un Dio che si vendica distruggendo popolazioni che difendevano i diritti del loro territorio, contro il popolo ebraico che voleva conquistare terre non sue?
Ogni popolo ha diritto ad esistere e ad avere un proprio territorio, ma non violando i diritti delle altre popolazioni. E ancor peggio se ciò succede in nome del proprio Dio, il quale  viene immaginato come uno che colpisce chi è ritenuto nemico mandando grosse pietre (grandine) dal cielo.
Certo, anche il popolo ebraico aveva diritto a esistere e ad avere una propria terra. Ma che cosa ha combinato, in nome del suo Dio? E oggi che cosa combina, proibendo ai palestinesi di avere un loro territorio?
Approfondiamo il discorso. La terra di chi è? Chi è in realtà il vero e unico proprietario? Forse coloro che, più veloci e più forti, arrivano per primi a conquistare le terre, senza magari rispettare i diritti dei più deboli?
Ma il diritto del primo occupante in quale carta costituzionale è sancito? Non certamente nella carta costituzionale di Dio, il quale non ha creato il mondo dicendo: “Adesso, fatene ciò che volete: ognuno può prenderne una parte che vuole, anche tutto: siate furbi, veloci, usate la forza che avete…».
Neppure oggi, nonostante il cosiddetto progresso umano e sociale, siamo ancora convinti che la terra andrebbe divisa in parti uguali per ogni abitante, diciamo per ogni figlio di Dio. No! Se ho soldi, potere, favori e raccomandazioni dalla mia parte, posso prendermi ciò che voglio. Quando, anni fa, in una predica nella mia ex comunità di Monte avevo detto che chi possiede terre oltre il dovuto, è un ladro, è successo il finimondo. Eppure, è così. Lo dice la destinazione universale dei beni della terra. Benedetto XVI aveva scritto in un messaggio quaresimale: “Noi siamo amministratori della terra, e non proprietari”.
Noi occidentali abbiamo occupato terre altrui in tutto il mondo, massacrando popolazioni, distruggendo culture, e oggi ci lamentiamo del fenomeno migratorio.
Non accetto la vendetta di Dio per favorire i più ricchi o i più potenti o i cosiddetti “popoli eletti”. Ma la vendetta divina la vedo, quando popoli massacrati da noi occidentali oggi occupano l’Europa.
Forse dovremmo restituire ciò che abbiamo loro tolto. Altro che sentirci noi occidentali come se fossimo derubati di chissà quale diritto!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi